LAR: Children of Pandora (scappate, mettetevi in salvo!) – La recensione di iPhoneItalia

LAR: Children of Pandora è uno di quei buffi giochi coreani che compaiono dal nulla e in cui ci si imbatte quasi per caso. Dopo un po’ di esperienze decisamente negative ho imparato a diffidare di questi giochi di ruolo sconosciuti (se nessuno ne parla ci sarà una ragione!) ma qualcosa di LAR mi ha incuriosita. Scaricandolo mi sono trovata in mano un prodotto particolare, dove una bella storia viene resa quasi inutilizzabile da pecche di gameplay abbastanza notevoli.

Il primo impatto con LAR: Children of Pandora è una lunghissima sequenza introduttiva che racconta una storia decisamente interessante. Evito di spoilerare uno dei pochi elementi positivi del gioco, e mi limito a dire che il protagonista è un personaggio a dir poco enigmatico, che ci sono viaggi nel tempo e storie d’amore (quest’ultime decisamente pedestri, ma pazienza). Ed anche la presentazione di LAR non è sgradevole, tutt’altro. La grafica è molto curata. Inizialmente pare che i personaggi siano un esercito di strafatti di cocaina che si muove a scatti, ma basta andare a ritoccare la velocità e i loro movimenti diventano un po’ meno incongrui (e anche il movimento diventa possibile). Le musiche lasciano parecchio a desiderare (dei loop che tirerebbero scemo chiunque dopo pochi minuti), ma per fortuna si possono semplicemente spegnere.

I problemi reali del gioco iniziano appena finisce la sequenza animata e ci troviamo alle prese con le primissime quest. E’ possibile scegliere tra due tipologie di personaggio: un guerriero, con attacchi potenti a breve raggio, e un gunner, con attacchi a gitatta di minor impatto. LAR è un action-rpg con un sacco di hack’m’slash da fare: missioni e ricerche obbligano il giocatore a vagare in giro per dei boschi mentre colleziona un date numero di esemplari o un certo quantitativo di oggetti. Insomma, il classico grinding che è un po’ inevitabile in un gioco di questo tipo.

Il grinding non sarebbe nemmeno drammatico se non fosse per i controlli, abbastanza scomodi, che rendono l’utilizzo del personaggio problematico. Se poi avete fatto il mio errore e deciso di usare un gunner (quindi un personaggio che punta tutto sull’agilità e che affronta gli scontri ad una certa distanza dal nemico) avrete i vostri problemi raddoppiati. Il virtual joystick è scomodo, ha una posizione fissa, che sicuramente non aiuta, e rende un controllo preciso quasi impossibile.

La situazione migliora solo in parte con un personaggio di un’altra classe: più comodo per gli spostamenti, ma più difficile per tutto il resto. Le pozioni curative sono poche, le locande inesistenti, e ci si ritrova a combattere per conquistarsi un po’ di cure e vedere la propria barra vitale svuotarsi subito con l’incontro di nuovi mostri.

Il protagonista avanza di livello con una certa lentezza (e parecchia fatica) e può scegliere tra un discreto numero di abilità: peccato che la mancanza di un tutorial degno di questo nome renda altamente complesso capire come funzionino e quali sia meglio scegliere. Lo stesso si può dire per tutte le funzioni di gioco on-line, altamente problematiche: non esiste alcun tipo di spiegazione, e non una guida concisa e localizzata in maniera a dir poco superficiale.

Un po’ tutto nel gioco lascia chiaramente intendere come LAR: Children of Pandora sia stato pensato e realizzato per un telefono cellulare e non per l’iPhone. La mancanza di una localizzazione degna di questo nome va inoltre a penalizzare anche l’unico aspetto positivo del gioco, che è la storia. Gli errori di traduzione si sprecano e alcuni risultano involontariamente comici.

Con giochi di questo tipo l’impressione è sempre quella di aver in qualche maniera messo insieme un adattamento, con un budget decisamente limitato (i soldi se li era chiaramente presi tutto lo sceneggiatore, per il concept iniziale, ma erano pochi e se ne è andato quasi subito). Consigliarli è francamente impossibile, anche a dei fan accaniti dei giochi di ruolo. Peccato solo per la storia: non saprò mai come va a finire.

LAR: Children of Pandora è disponibile su App Store a 0,79 € (ma oggi pare gratuito!)

Applicazioni App Store