Biolab Disaster e la morte di Flash

02 Maggio 2011 di Ebe Buzzi

Biolab Disaster è un gioco che ha alcuni pregi enormi. Non solo è divertente e ha quell’adorabile grafica retro che sta diventando tanto di moda su iOs, ma è anche assolutamente gratuito. Ha anche un difetto gigantesco: dura pochi minuti. Perchè val la pena di parlarne? Perchè è stato fatto tutto in HTML5 e Javascript. Esatto, niente Flash.

Biolab Disaster è in realtà poco più di una demo. Con i suoi 3 livelli si finisce in un attimo. Ed è un peccato perchè la grafica e lo stile sono quelli di un classico platform d’altri tempo, mentre la giocabilità è decisamente buona! Il gioco è gratuito, quindi provarlo non costa nulla… Ovviamente è possibile giocarci anche tramite browser, sul sito dello sviluppatore.

 

L’aspetto più interessante di Biolab Disaster è comunque quello legato alla sua realizzazione… Lungi dall’essere un caso isolato, il gioco è stato realizzato per promuovere un apposito motore di sviluppo, che si annuncia trasversale e semplicissimo. E questo suscita alcuni interessanti interrogativi sul futuro dei giochi web.

A farla da padrone nel settore è sempre stato Flash… ma per quanto ancora? Mal visto dai programmatori, dai sistemisti, dai clienti, oltre che da mamma Apple, Flash è sempre più in declino, nell’ambito del web, mentre sempre più siti riescono ad usare il puro codice per creare animazioni, transizioni ed affetti sempre più interessanti.

Flash insomma, coi suoi ferraginosi plug-ins e la sua compatibilità ballerina, sta proprio morendo, e se ne va in giro tipo zombie? Rimarrà come applicazione per creare video ed animazioni, e sarà bandito dal web? La discussione è aperta. Ma un sistemista anonimo interpellato sull’argomento ha già dato un’indicazione interessate. Alla domanda: “Secondo te Flash sta morendo?” ha risposto con un sospirato: “Lo spero ARDENTEMENTE!”

Biolab Disaster è disponibile su App Store gratuitamente

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.