I primi voli dell’iPhone

Fino ad ora lo smartphone della Apple è stato utilizzato in molti modi diversi (radiocomando, stetoscopio ecc..) ma nessuno avrebbe mai pensato che potesse tornare utile anche per volare.

Micheal Koppelman, sviluppatore di applicazioni per iPhone e appassionato di razzi, ha trovato il modo per coniugare i suoi due più grandi interessi. Così ha sviluppato un’applicazione che, sfruttando  i componenti dell’iPhone (GPS e accelerometro), gli permettesse di rilevare tutti i dati relativi al “volo”. Infatti il telefono viene inserito all’interno del razzo registrando tutti gli spostamenti che vengono compiuti dal lancio all’atterraggio. Nel primo volo si sono raggiunti i 450 metri di altitudine e non sono stati riscontrati problemi, grazie al paracadute neanche per l’iPhone.

Fonte: www.iphoneatlas.com

Curiosità