Ecco spiegato come funziona l’accelerometro

25 maggio 2012 di Andrea Scrimieri (@screamieri)

Che l’iPhone contenga un accelerometro è cosa nota più o meno a tutti, e tutti abbiamo un’idea generale di cosa questo sensore permetta di fare. Tuttavia la vera domanda da porsi è: come funziona l’accelerometro? Non tutti conoscono il reale funzionamento del sensore, ma un ingegnere ce lo spiega finalmente attraverso un interessante video su YouTube.

L’iPhone, dal momento della sua iniziale presentazione, ha contenuto uno speciale sensore chiamato accelerometro, e la sua particolarità risiede nel consentire al dispositivo di riconoscere il suo orientamento che, di conseguenza, modifica la visualizzazione dello schermo così da riflettere il modo in cui l’utente lo impugna. Questo particolare sensore tuttavia non è contenuto unicamente nell’iPhone ma anche in tanti altri dispositivi tra cui telefoni, tablet ed anche altri ambiti tra cui quello dei videogiochi. Questa tecnologia è stata il frutto del lavoro di Bruno Murari, che può contare sulla proprietà di oltre 80 brevetti. Attualmente sono più di 400 milioni i chip dell’accelerometro venduti in tutto il mondo, ma inizialmente tale tecnologia  fu venduta da Murari a Nintendo per la Wii e successivamente anche ad altre società interessate ad essa.

Il funzionamento dell’accelerometro, per quanto questo sensore sia ormai presente in numerosi dispositivi d’uso quotidiano, non è affatto chiaro a molti, ma fortunatamente Bill Hammack ha pubblicato un video su YouTube con lo scopo di spiegare ciò che compone questa tecnologia nonché il suo funzionamento. In parole povere l’accelerometro si compone di un misto di elementi elastici e forza di gravità: non appena infatti uno di questi elementi subirà la forza di gravità invierà degli impulsi che tradurranno la forza in posizione del dispositivo che conterrà il sensore.

A questo punto non ci resta che mostrarvi il video in questione realizzato da Bill Hammack e pubblicato sul suo canale EngineerGuy:

[via]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.