7 notizie per 7 giorni: nuovo appuntamento con la rubrica hi-tech di iPhoneItalia – Appuntamento 25/08

25 agosto 2013 di Giuseppe Migliorino in 7 notizie per 7 giorni

Chi possiede un iPhone è, nella maggior parte dei casi, anche un appassionato di tecnologia, come lo siamo noi di iPhoneItalia. Proprio per questo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica, denominata “7 notizie per 7 giorni”, nella quale verranno riassunte le 7 notizie di tecnologia più interessanti e curiose della settimana, ma non riguardanti propriamente il mondo iPhone. Un modo per discutere insieme di tecnologia e non far mancare nulla ai nostri lettori! Eccoci arrivati ad un nuovo appuntamento.

banner-7per7-570x21811111


I vantaggi del digitale per le microimprese: Fondazione Politecnico di Milano li ha misurati

Schermata 2013-08-24 alle 11.05.13

Per una microimpresa con meno di 10 addetti, il passaggio al digitale porta risparmi di tempo medi variabili da 6 a 70 ore mensili, oltre a una sensibile maggiore disponibilità e affidabilità delle informazioni digitalizzate. E’ quanto ha misurato l’analisi della Fondazione Politecnico di Milano nell’ambito del progetto “Digilavorando – Cresco in Digitale” di Epson.

L’introduzione delle tecnologie di digitalizzazione, cioè di acquisizione tramite scanner e successiva archiviazione sul computer dei documenti cartacei come fatture, bolle, preventivi, disegni, progetti ecc, ha avuto un impatto positivo su molti processi, anche semplici come la gestione dell’archivio, che finora il campione di microimprese selezionate (studi professionali, attività commerciali, artigiani) aveva sempre gestito in modo tradizionale.

Dall’analisi emerge come, nel caso di processi semplificati e ad alta ripetitività, il risparmio di tempo ottenuto grazie alla maggiore velocità di accesso ai dati, alla grande facilità d’uso e alla maggiore sicurezza delle informazioni, rappresentino i vantaggi principali per le microimprese.

Da una valutazione effettuata nell’arco di 60 giorni, su un insieme di casi rappresentativi, Fondazione Politecnico di Milano ha ottenuto una serie di dati significativi per individuare e quantificare il risparmio e i vantaggi portati dalle tecnologie digitali. Data l’eterogeneità dei processi aziendali e delle differenti modalità di lavoro delle imprese, i risultati sono rappresentati nei grafici seguenti evidenziando, in una situazione “normale” di gestione dei documenti cartacei, il caso migliore e quello peggiore.
In particolare emerge come, in funzione del volume dei documenti gestiti ogni mese, sia possibile risparmiare grazie al digitale, da circa 6 fino a 70 ore mensili, e quindi poter dedicare da una a otto giornate di lavoro alle altre attività aziendali.

Non è tutto. Dall’analisi emerge infatti come, accanto alla velocizzazione e snellimento delle pratiche di gestione e archiviazione dei documenti, si assista anche a un miglioramento dell’usabilità e della sicurezza dei documenti.
Sulla base dei risultati ottenuti e della soddisfazione delle microimprese coinvolte nel progetto Digilavorando – Cresco in Digitale, Epson invita tutte le aziende interessate a digitalizzare la loro attività e con meno di 10 addetti a segnalare la disponibilità a partecipare alle prossime iniziative legate all’introduzione del digital printing nelle microimprese.
Samsung Young Design Award 2013: annunciati i 10 progetti finalisti

Schermata 2013-08-24 alle 11.03.22

Samsung annuncia i 10 migliori progetti di design ispirati al tema scelto per l’edizione 2013, “Una lezione per il Domani. Tecnologia per l’Educazione del Futuro”, entrati ufficialmente in finale e che si contenderanno la vittoria della settima edizione del Samsung Young Design Award, concorso patrocinato da ADI (Associazione per il Disegno Industriale) aperto quest’anno non solo agli studenti di design, ma a tutti coloro che sono iscritti ad una università italiana e ai giovani professionisti fino ai 30 anni.

Dopo una prima fase d’iscrizione e invio del proprio concept digitale, i ragazzi che hanno proposto i 10 progetti più innovativi avranno l’opportunità di perfezionare il proprio lavoro in vista della fase finale sotto la guida di 2 tutor – i designer Ilaria Marelli e Fabio Di Liberto.

I dieci progetti selezionati, ispirati al mondo di possibilità che l’elettronica offre per cambiare il modo in cui guardiamo all’educazione, sono:

  • Calamò: calamaio digitale in grado proiettare un foglio su qualsiasi superficie, che consente di salvare e condividere il proprio lavoro grazie ad una gestualità storica;
  • Cerere: dispositivo pensato per favorire una corretta educazione alimentare dei bambini attraverso l’utilizzo di avatar digitali;
  • LessON: prodotto ibrido per il mapping interattivo, capace di tracciare il movimento e convertirlo in azioni su uno schermo proiettato;
  • Madeleine: sistema digitale basato su dispositivi e applicazioni Cloud che aiuta lo studente ad approfondire le connessioni tra le diverse discipline didattiche;
  • Magic book: libro didattico composto da app e card interattive, pensato per stimolare l’apprendimento dei bambini in età scolare;
  • Noah: tastiera destinata ai bambini della scuola materna, che fonde le dimensioni di creatività musicale, visiva e tattile diventando strumento musico-artistico terapeutico;
  • Ogh: device che accompagna il bambino durante tutto il percorso scolastico, agevolando l’apprendimento, stimolando l’interesse e sollecitando la memoria;
  • Oplà: sistema composto da componenti hardware, software e applicazioni pensato per lo sviluppo di lezioni interattive ed un metodo di apprendimento “obliquo”;
  • Parallelo: mappamondo digitale pensato come strumento di informazione e condivisione sulle culture, gli usi, i costumi e le notizie provenienti da tutto il mondo;
  • Wikid: strumento che stimola i bambini ad esplorare il mondo della natura e a salvare informazioni, foto e contenuti sul sistema, condividendolo con i genitori e gli altri bambini.

Tra questi 10 progetti, il 30 settembre durante una cerimonia ufficiale, verranno scelti i vincitori dalla giuria composta dai designer Chris Bangle, Denis Santachiara e Luisa Bocchietto, Alberto Ronchi, Francesco Schianchi, dal giornalista e direttore di SETTE Pier Luigi Vercesi, Dario Moretti e da Kyung Hoon Lee direttore di Samsung Design Milano.

Anche quest’anno i premi assegnati saranno 3: il Premio Oro di 5 mila euro, il Premio Argento di 3 mila euro e il Premio Bronzo di 2 mila euro, a cui si potrà aggiungere il prestigioso Gran Premio della Giuria, che consiste in 15 mila euro.
Arriva in Italia Google Map Maker: gli utenti contribuiscono alle Nuove Mappe

IT_before_after

Google Map Maker è uno strumento che consente di condividere la vostra conoscenza del territorio direttamente su Google Maps, fornendo informazioni sui luoghi e le attività che conoscete in modo da rendere le mappe ancora più accurate e fedeli rispetto alla realtà che ci circonda.

Da oggi Google Map Maker è disponibile anche in Italia, inclusi Vaticano e San Marino. Sia che si tratti di una strada costiera o di un sentiero sugli Appennini, una volta che effettuate delle integrazioni alle mappe queste saranno valutate e dopo essere state approvate appariranno direttamente su Google Maps, Google Earth e Google Maps per cellulari a tutti gli utenti nel mondo.

Le mete più desiderate del web nel #VoglioAndareA di trivago, la classifica

Nelle settimane più importanti dell’anno dal punto di vista turistico, molti italiani le vacanze le sognavano anche su twitter, Londra la meta più desiderata. Il contest #VoglioAndareA lanciato dal primo motore di ricerca prezzi hotel trivago.it proprio nel weekend di Ferragosto ha registrato oltre 40 mila tweets e 35 milioni di visualizzazioni sulla piattaforma di microblogging più famosa al mondo.

Ecco la classifica delle mete più citate e desiderate dagli Italiani:

Schermata 2013-08-24 alle 10.59.06

Un successo inaspettato per trivago che ha pensato di utilizzare l’ormai noto leit motiv “Voglio andare a Venezia” della propria campagna spot tv “Hotel a Venezia” per rilanciarlo con l’omonimo hashtag #VoglioAndareA e chiedere quindi ai viaggiatori italiani dove sarebbero voluti andare in quel momento. Il contest è partito il 15 Agosto alle 10 del mattino ed è terminato il 18 alle 23:59. Il regolamento, molto semplice, richiedeva che ogni tweet #VoglioAndareA indicasse la meta preferita (es, #Parigi) e fosse indirizzato a @trivago_it, profilo ufficiale di trivago Italia su twitter. In palio un voucher da 1000€ che verrà assegnato al tweet vincente con un’estrazione il prossimo 23 Agosto. Il vincitore dovrà partire per la meta indicata.

Numerosi gli utenti che hanno twittato anche la stessa meta centinaia di volte o che hanno indicato tutte le mete più remote del mondo, scartabellando l’atlante di casa. Mete soprattutto europee nella classifica dei desideri con Londra in testa: la City è la destinazione più amata dai viaggiatori italiani, seguita da New York e Parigi. Firenze, in settima posizione, è la sola meta italiana nella classifica delle mete più richieste. Voglia anche d’America nella top-10 italiana delle mete da sogno: dopo New York in seconda posizione, seguono Los Angeles in quinta e Las Vegas in nona.
Un audio straordinario incontra l’estetica minimalista nel nuovo impianto di diffusori stereo Bang & Olufsen

001-beolab-22.08

Bang & Olufsen annuncia il lancio di un nuovo subwoofer e set di diffusori che eroga un audio ampio e mozzafiato da un design minimalista e alla moda. BeoLab 14 2.1 è un impianto stereo che si collega senza problemi ai televisori Bang & Olufsen e di altre marche e può essere anche collegato a Playmaker di Bang & Olufsen per creare un impianto musicale ambizioso, ad alte prestazioni, pronto per la vostra raccolta di musica digitale. Con una serie di opzioni di posizionamento flessibili e di colori, il trio sub e sat è ideale per le abitazioni che esigono il meglio in assoluto nelle prestazioni acustiche oltre a un raffinato design.

A seguito del lancio coronato da successo del suo impianto audio surround BeoLab 14, Bang & Olufsen presenta ora una versione stereo della stessa tecnologia che consente ai possessori di qualsiasi televisore o apparecchiatura audio di godere del vero audio Bang & Olufsen.

Che possediate già un televisore Bang & Olufsen o che abbiate un televisore di altra marca, BeoLab 14 2.1 migliora drasticamente la visione aprendo nuove dimensioni di emozioni audio. E se volete scoprire il pieno potenziale della vostra raccolta di musica digitale, dovete solo collegare BeoLab 14 2.1 a Playmaker di Bang & Olufsen. Nell’arco di pochi secondi, Playmaker e BeoLab 14 2.1 si collegano per estrarre la migliore musica digitale ed erogare il vero audio Bang & Olufsen senza amplificatori separati o cavi, il tutto controllato dal vostro smartphone o tablet.

BeoLab 14 2.1 è un altro esempio ancora dell’impareggiabile competenza dei tecnici del suono danesi nel ritoccare con eleganza i volumi contenuti per erogare un audio sorprendente. Il cuore pulsante di questa fonte di energia risiede in un subwoofer scultoreo: dalla sua base sorprendentemente sottile, il subwoofer eroga bassi estremamente soddisfacenti dato che nasconde amplificatori separati per tutti i diffusori.

I diffusori satellite sono stati ottenuti da alluminio anodizzato con cover in tessuto intercambiabili in una vasta gamma di colori che possono essere facilmente abbinati anche agli arredi più rigorosi. Il satellite flessibile può essere montato direttamente a parete o a soffitto, a pavimento o su stand da scaffale – con diverse opzioni di posizionamento flessibili.

Secondo Lars Fredsgaard, Category Director per i diffusori, BeoLab 14 2.1 è stato ideato per i consumatori che desiderano un audio high-end senza le ingombranti scatole nere o scendere a compromessi con gli arredi.

Ricreare l’audio proprio come lo intendeva l’artista è il motore di tutto quello che facciamo in Bang & Olufsen“, spiega Fredsgaard. “I nostri tecnici del suono hanno imparato molto dalla produzione dell’audio naturale in cabinet di dimensioni ridotte e dalla creazione di impianti audio per alcune delle auto più belle del mondo e questi diffusori sono un esempio della loro competenza sul lavoro. Anche se occupano poco posto e sembrano splendidi, erogano un audio che compete con molti dei diffusori tre volte più grandi”.

Nel vero stile Bang & Olufsen, è garantito che un investimento nel nuovo impianto stereo dimostri il suo valore per molti anni. Potete infatti aggiungere diffusori satellite a BeoLab 14 2.1 e trasformarlo in un vero e proprio impianto audio surround 5.1 in futuro. “Bang & Olufsen significa prodotti con i quali convivere a lungo e da aggiungere alla propria collezione man mano che le esigenze cambiano”, afferma Fredsgaard. “Se volete aggiornare il vostro BeoLab 14 2.1, dovete solo acquistare altri satelliti e collegarli. Tutto il resto è pronto”.

Tutti i prodotti BeoLab 14 possono essere collegati facilmente a qualsiasi unità principale Bang & Olufsen e a qualsiasi televisore o impianto audio di terzi. È ora disponibile un autentico audio Bang & Olufsen, indipendentemente dagli altri impianti sui quali erogate i vostri contenuti.

Con un prezzo di 2.495 euro, l’impianto di diffusori BeoLab 14 2.1 è ora disponibile in tutti i punti vendita del mondo.

Ricevute cartacee per pagamenti in mobilità; payleven collabora con BIXOLON

Schermata 2013-08-24 alle 10.56.23

payleven, start up specializzata nei pagamenti con smartphone e tablet, e BIXOLON, produttore mondiale di stampanti altamente tecnologiche, annunciano la loro collaborazione. Da oggi sarà possibile acquistare la stampante mobile BIXOLON SPP-R200IIi direttamente sul sito di payleven.

Gli attuali e nuovi clienti possono ordinare la stampante da sola, o congiuntamente al dispositivo Chip & PIN, allo speciale prezzo di 299 Euro. Con la nuova stampante Bluetooth BIXOLON SPP-R200IIi tutte le ricevute potranno essere stampate immediatamente, senza bisogno di alcun cavo, utilizzando il proprio smartphone o tablet.

L’utilizzo simultaneo della stampante BIXOLON e del dispositivo Chip & PIN permette di usufruire di ancora più funzioni rispetto a quelle offerte da un tradizionale lettore di carte. Le piccole e medie imprese potranno beneficiare di due dispositivi, facili da utilizzare, mobili e di piccole dimensioni. L’app di payleven permette di accettare pagamenti sia con le carte di credito che con quelle di debito; inoltre se il consumatore lo desidera, grazie alla stampante BIXOLON l’esercente potrà fornirgli la ricevuta immediatamente dopo l’acquisto stampandola in forma cartacea.

payleven basa la sua forza sull’innovazione e sulla mobilità; lo stesso vale per noi. La versatilità che gli esercenti otterranno dal contemporaneo utilizzo del Chip & PIN e della BIXOLON SPP-R200IIi, permetterà di soddisfare tutti i bisogni dei clienti.” afferma Ralf-H. Bauer, Direttore Vendite BIXOLON Europa.

Siamo felici di aver trovato un partner solido come Bixolon. Una recente indagine ci ha mostrato che alcune imprese ed esercenti desiderano stampare la ricevuta della transazione immediatamente dopo averla effettuata.” dichiara Alberto Adorini, Amministratore Delegato di payleven Italy. “BIXOLON è una stampante all’avanguardia, ad un prezzo accattivante, insomma, molto più di quanto potreste desiderare”.

La stampante è wireless e utilizzabile in ogni circostanza, così come il dispositivo Chip & PIN; inoltre dispone di una batteria che in standby resta funzionante per 14 ore, e in attività 8 ore. Entrambi i dispositivi sono compatibili con smartphone e tablet Android e iOS. I clienti payleven, da oggi, hanno dunque una duplice possibilità, continuare a inviare le ricevute delle transazioni via e-mail o fornirle in forma cartacea direttamente ai propri acquirenti.

payleven  rappresenta un punto di riferimento nel mondo dei pagamenti attraverso smartphone e tablet. L’iniziativa, già attiva in 6 diversi Paesi (Italia, Germania, Uk, Polonia, Brasile, Olanda), è finanziata da Rocket Internet, il maggior investitore ed incubatore globale di società internet ed e-commerce con oltre 100 società in più di 40 paesi (tra cui CityDeal, ora parte di Groupon, e Zalando). payleven ha raccolto fiducia ed ingenti capitali da un selezionato gruppo di partner strategici, primari fondi di venture capital ed investitori istituzionali che hanno creduto nella sua capacità di fare impresa. Da marzo 2013, payleven è stata autorizzata dal Financial Services Authority (FSA) di Londra (UK) ad operare come Istituto di Pagamento e quasi contemporaneamente è diventata socio ufficiale dell’Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica (A.I.I.P.). payleven fa cosi parte del programma mobile POS di MasterCard, un progetto che garantisce che i fornitori di mobile POS rispettino i corretti principi del settore. payleven si è aggiudicata il premio “WWW 2012” de Il Sole 24 Ore per la categoria website – financial services e il Mob App Award di SMAU 2013 per la categoria migliore App nel mercato business.

Sagemcom lancia i cordless con design ricercato 

Sagecom D790

Sagemcom presenta il nuovo top di gamma della propria linea di telefoni DECT: Sagemcom D790. Dopo il successo di Sagemcom Sixty, D790 conserva un concept di elegante design, dall’aspetto unico, con le sue linee raffinate e slanciate. Un telefono che si allontana dalle tendenze della telefonia moderna: l’originalità di D790 sarà motivo di meraviglia in qualsiasi casa.

In aggiunta alle sue forme futuristiche D790 presenta una luce sul retro del portatile per segnalare le telefonate in entrata. Pratico e di semplice utilizzo, questo modello ha una tastiera piatta retroilluminata con tasti touch, rubrica da 150 contatti e vivavoce sul portatile. Grazie alla disponibilità della base separata, questo cordless offre la flessibilità di installarlo in qualsiasi parte dell’abitazione si desideri.

Come seguito ideale del suo rinomato predecessore nella linea di design, Sagemcom Sixty, D790 è il perfetto completamento del concept “Anni 60 ovunque”. Nella modalità duo o trio, i portatili sono perfettamente compatibili: possono condividere contatti, realizzare  conference call  a tre, etc.

Sagemcom presenta il nuovo top di gamma della propria linea di telefoni DECT: Sagemcom D790. Dopo il successo di Sagemcom Sixty, D790 conserva un concept di elegante design, dall’aspetto unico, con le sue linee raffinate e slanciate. Un telefono che si allontana dalle tendenze della telefonia moderna: l’originalità di D790 sarà motivo di meraviglia in qualsiasi casa.

In aggiunta alle sue forme futuristiche D790 presenta una luce sul retro del portatile per segnalare le telefonate in entrata. Pratico e di semplice utilizzo, questo modello ha una tastiera piatta retroilluminata con tasti touch, rubrica da 150 contatti e vivavoce sul portatile. Grazie alla disponibilità della base separata, questo cordless offre la flessibilità di installarlo in qualsiasi parte dell’abitazione si desideri.

Come seguito ideale del suo rinomato predecessore nella linea di design, Sagemcom Sixty, D790 è il perfetto completamento del concept “Anni 60 ovunque”. Nella modalità duo o trio, i portatili sono perfettamente compatibili: possono condividere contatti, realizzare  conference call  a tre, etc.  Disponibile in Italia al prezzo di 69.90€.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.