7 notizie per 7 giorni: nuovo appuntamento con la rubrica hi-tech di iPhoneItalia – Appuntamento 08/04

08 aprile 2012 di Giuseppe Migliorino

Chi possiede un iPhone è, nella maggior parte dei casi, anche un appassionato di tecnologia, come lo siamo noi di iPhoneItalia. Proprio per questo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica, denominata “7 notizie per 7 giorni”, nella quale verranno riassunte le 7 notizie di tecnologia più interessanti e curiose della settimana, ma non riguardanti propriamente il mondo iPhone. Un modo per discutere insieme di tecnologia e non far mancare nulla ai nostri lettori! Eccoci arrivati ad un nuovo appuntamento.

A rischio dieci milioni di carte di credito VISA e Mastercard

Diverse banche sono state allertate direttamente da VISA e Mastercard per possibili minacce di violazioni perpetrate da un gruppo di hacker. A riportare la notizia è stata l’emittente CNBC, la quale fa sapere che le due istituzioni stanno indagando per capire quali carte sono state violate. Il consiglio è quindi quello di controllare il vostro estratto conto e verificare che non vi siano operazioni illecite e non autorizzate.

[via]

Google Glass: ecco gli occhiali del futuro

Google ha presentato il nuovo Project Glass: occhiali con funzioni di realtà aumentata che presto potrebbero invadere i negozi di tutto il mondo. Con questi occhiali sarà possibile scattare foto, inviare email, avere indicazioni stradali direttamente sulle immagini che visualizziamo, effettuare videochiamate e registrare un video. Il prodotto è ancora in fase di sviluppo, ma le prime foto e i primi video cominciano a circolare. Questi occhiali speciali hanno una montatura con una piccola lente display sopra l’occhio. In uno dei video dimostrativi si vede un ragazzo che, appena sveglio, indossa gli occhiali e comincia a laggere comodamente le email mentre fa colazione. Uscito di casa, il ragazzo si accorge che la metropolitana è fuori servizio, allora gli occhiali iniziano a fornire una serie di percorsi alternativi per raggiungere la destinazione. La tecnologia è simile a quella adoperata dal Pentagono per i caschi dei piloti dei jet di ultima generazione, che consentono di sfruttare la visiera come uno schermo interattivo che reagisce a comandi vocali e movimenti degli occhi. La piccola lente, montata in alto sulla lente di destra, fa quindi da schermo per ricevere informazioni di 14 tipi – dagli sms ai messaggi vocali, dai meteo fino alle mappe interattive – e inviare a voce i relativi comandi per interagire nel cyberspazio, mentre la microtelecamera consente di esaminare le immagini viste dal vivo per scattare foto, girare video o semplicemente chiedere informazioni a Google su dove andare o che cosa fare.

Stop ai furbetti di eBay che truffano sull’identità

In Italia la compravendita di merce su eBay è un po’ più sicura, grazie ad una sentenza della Cassazione che ha condannato un utente al pagamento di 1.140 euro per aver utilizzato i dati anagrafici di una donna, aprendo a suo nome un account e una casella di posta elettronica e facendo così ricadere sull’inconsapevole intestataria le morosità nei pagamenti di beni acquistati mediante la partecipazione ad aste in rete. Questo significa che dietro ogni nickname di eBay è necessario che vi sia obbligatoriamente un’identità certificata che renda regolare le singole transazioni. La Cassazione ha quindi stabilito che  l’uso di uno pseudonimo presuppone necessariamente che corrisponda a una reale identità “accertabile online da parte di tutti i soggetto con i quali vengono concluse le compravendite”. Il condannato sosteneva di aver utilizzato i dati anagrafici di una conoscente solo per procedere con l’iscrizione al sito di aste; lo pseudonimo era poi di fantasia.

[via]

Arriva il poster interattivo che si fa baciare

Oggi vi mostriamo un nuovo display che reagisce quando qualcuno cerca di baciarlo. Attualmente si tratta di un progetto in fase di sviluppo presso la Keio University. Ecco le parole di uno degli ideatori:

“Sono un grande fan degli idoli pop, ed ho i loro poster nella mia stanza. E’ un peccato che questi manifesti non si muovano. Abbiamo costruito questo sistema affinché un manifesto possa muoversi, essere interattivo e divertente al fine di soddisfare le persone. Questo sistema è molto semplice. C’è un sensore ad ultrasuoni che rileva la distanza del poster dalla vostra testa. Quando ci si avvicina, il quadro cambia e diventa un volto animato in  procinto di ricevere un bacio, mentre quando ci si allontana, il viso arrossisce. Il sistema attuale produce solo cambiamenti visivi, ma potremmo includere anche il profumo dello shampoo della persona, o un gusto di limone sulle labbra, o un diffusore che sussurra ti amo. La gente che ha provato questo sistema ci ha consigliato di fare queste cose. In effetti, abbiamo imparato molto parlando proprio con gli utenti.”

Presto potrebbe essere sviluppata anche un’app per iPad che sfrutti lo stesso sistema: “Crediamo di poter raggiungere gli idoli pop e di vendere questa tecnologia attraverso un’applicazione che magari potrebbe essere utilizzata nel settore della segnaletica digitale. Pensiamo che la gente sarebbe davvero attratta da un viso che dà un bacio mentre ci si cammina di fianco”.

[via]

 A Torino esordisce la prima cabina telefonica intelligente

A Torino è stata inaugurata la prima cabina telefonica intelligente. Si tratta di un prototipo realizzato da Telecom Italia con la collaborazione della start up Ubi Connected e ubicato in Corso Duca degli Abruzzi, davanti al Politecnico di Torino. “La nuova postazione, lanciata in via sperimentale”, si legge nel comunicato stampa, “oltre a consentire di effettuare chiamate telefoniche, è dotata di un touch screen per accedere a informazioni e servizi di pubblica utilità, turismo, mobilità, commercio, tempo libero, social networking e servizi online per gli studenti del Politecnico di Torino. Sarà inoltre consentito nel corso del trial l’accesso ad Internet in modalità Wi-Fi. Il prototipo è anche corredato da più display grazie ai quali potranno essere visualizzate informazioni pubblicitarie, istituzionali, turistiche e news.”

La nuova cabina hi-tech è stata ideata anche pensando all’ecosostenibilità e alla mobilità elettrica. Il prototipo è  infatti munito  di un pannello fotovoltaico che contribuisce al fabbisogno energetico della postazione, ospita una centralina per il rilevamento dell’inquinamento atmosferico, un sistema di videosorveglianza collegabile alla sala controllo della Polizia Municipale e avrà, nelle immediate vicinanze, sei colonnine predisposte alla ricarica delle biciclette e degli scooter elettrici.

[via]

Sonicwall presenta il Firewall per PMI, ambienti al dettaglio e sedi remote

Mentre l’uso della rete e il numero di dispositivi che accedono a Internet da casa e dall’ufficio continua ad aumentare, le prestazioni vengono spesso compromesse da soluzioni firewall datate che faticano a contrastare le nuove minacce e garantire al tempo stesso un flusso di lavoro produttivo. Quando si tratta di scegliere tra una maggiore sicurezza o il rischio di paralizzare la rete, molte PMI tendono a fare un passo indietro sulla sicurezza pur di agevolare la produttività. In questo ambito, SonicWALL presenta il nuovo TZ 215 – un firewall disponibile sul mercato per piccole aziende, attività al dettaglio, filiali e sedi distaccate. Il TZ 215 offre  funzionalità di prevenzione delle intrusioni, servizi anti-malware, filtraggio URL e controllo delle applicazioni, nonché il più ampio supporto per piattaforme mobili di laptop, smartphone e tablet.

Per proteggersi dalle attuali minacce in continua evoluzione, le PMI hanno bisogno di un firewall che garantisca una sicurezza avanzata senza compromettere le prestazioni della loro rete. Il nuovo TZ 215 è un firewall dual-core ad alte prestazioni “sensibile alle applicazioni”, con servizi di protezione completa contro virus, Trojan, key-logger e attacchi a livello applicativo. Il TZ 215 integra anche funzionalità di networking avanzate, tra cui accesso remoto tramite IPSec e SSL VPN, uno switch integrato a 7 porte gigabit, tecnologia wireless dual-band 802.11n con captive portal per utenti guest e gestione centralizzata per un’amministrazione semplificata della rete. Inoltre è l’unico firewall UTM sul mercato in grado di fornire l’accesso remoto tramite client SSL VPN per dispositivi Apple iOS e Mac OS, Google Android™, Microsoft Windows e Linux. Per le aziende interessate a servizi di alta disponibilità, il TZ 215 supporta il failover verso provider multipli e/o connessioni 3G tramite la porta USB e il failover a livello hardware tra due firewall. Il TZ 215 è pensato per uffici e ambienti di lavoro distribuiti, dove può prendere il posto di piccole appliance che non sono più in grado di soddisfare le esigenze di rete e i volumi di traffico delle filiali in crescita. I firewall installati presso le filiali sono spesso sfruttati oltre le loro capacità, in quanto le aziende tendono a relegare i servizi di sicurezza e le funzionalità di controllo delle applicazioni ai margini delle loro infrastrutture.

Così come le grandi aziende, anche le piccole imprese devono proteggersi da malware sofisticato e da tentativi di intrusione in grado di eludere i tradizionali firewall stateful mentre gli utenti navigano in Internet, inviano e ricevono mail o scaricano file da PC o dispositivi mobili. Inoltre, con il progressivo spostamento nel cloud delle applicazioni business-critical, le PMI devono garantire la disponibilità della larghezza di banda affinché i loro dipendenti possano accedere in modo semplice e rapido ai dati d’importanza vitale. Il brevettato motore Reassembly-Free Deep Packet Inspection di SonicWALL, basato su un’architettura multi-core, protegge efficacemente il traffico a tutti i livelli di rete per impedire l’ingresso di pericolose minacce. La funzionalità Application Intelligence and Control di SonicWALL garantisce la continua disponibilità della larghezza di banda per le applicazioni aziendali strategiche, limitando al contempo le applicazioni improduttive. Il TZ 215 è l’unico firewall della sua categoria ad offrire l’analisi avanzata del traffico applicativo con visualizzazione drill-down, per una comprensione approfondita dell’uso della larghezza di banda e delle minacce alla sicurezza. Queste funzionalità utilizzano dati sia storici che in tempo reale per agevolare la risoluzione dei problemi ed eventuali analisi forensi. Il prezzo è di 845$.

 Twitter dichiara guerra agli spammer

Twitter ha finalmente deciso di porre fine ai messaggi automatici pubblicati sul noto social network, denunciando gli sviluppatori che creano i tool che permettono questo tipo di operazioni. Twitter è infatti divenuto uno degli obiettivi principali degli spammer, anche grazie ad una base utenti attivi di 140 milioni di unità.  Ecco cosa si legge sul blog ufficiale di Twitter:

“Questa mattina, abbiamo sporto denuncia al Tribunale Federale di San Francisco contro cinque dei più aggressivi fornitori di tool e spammer. Con questa causa puntiamo dritti alla fonte. Eliminando i fornitori di tool, eviteremo che gli spammer abbiano questi strumenti a disposizione. In più, speriamo che la causa faccia da deterrente nei confronti di altri spammer, dimostrando la forza della nostra volontà di tenerli fuori da Twitter“.

Le parti denunciate da Twitter sono TweetAttacks, TweetAdder, TweetBuddy e gli utenti Garland Harries e James Lucero.
Inoltre, Twitter ha implementato strumenti di sicurezza aggiuntivi compresi algoritmi per tracciare meglio lo spam @reply ed ha aggiunto controlli per assicurarsi che i servizi di “short url” non permettano link a siti pericolosi.

[via]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

  • Ospite

    Sono stupendi i Google Glass!!! ne voglio un paio subito =)

  • Andepagin

    Peccato che nn esistano…….ne parliamo tra una decina di anni