Microsoft Sway con nuovi modelli aziendali, testo in pila e miglioramenti vari

13 agosto 2017 di Fabio Padula (@Fabio_Padula)

“Microsoft Sway” per iPhone e iPad consente di creare in modo semplice e veloce presentazioni, newsletter e storie personali. Oggi vogliamo segnalarvi l’aggiornamento alla versione 1.21 con alcune migliorie molto interessanti.

Microsoft Sway consente di creare velocemente delle presentazioni, presentazioni, newsletter e storie personali direttamente sui vostri dispositivi iOS. Bisogna semplicemente inserire le immagini, i video ed il testo,  mentre il motore di layout incorporato creerà una presentazione interattiva. Con Microsoft Sway è facile combinare titoli, testo, immagini, didascalie eusare la dettatura vocale per aggiungere del testo velocemente. Sulla versione Mac o PC è anche possibile mettere insieme materiale proveniente da OneDrive, dispositivi, social network e dal web.

Con la versione 1.21 di Microsoft Sway, Microsoft Corporation ha introdotto la possibilità di diventare subito operativi con nuovi modelli di presentazione, notiziari, procedure, rapporti e altro ancora. Inserita anche la funzione “testo in pila“, utile per raggruppare schede di testo in pila –appunto– che consente di comunicare un messaggio un punto alla volta oppure per creare flashcard interattive. Gli autori riportano anche di aver lavorato costantemente per poter garantire un miglioramento generale dell’app, risolvendo diversi problemi che causavano malfunzionamenti indesiderati.

Link – Prezzo GRATIS!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • ShakyBoy

    Sbaglio o gli articoli in questi giorni sono uno più noioso dell’altro?

  • ROOT

    Quando non ci sono indiscrezioni non c’è molto da leggere.

  • Andrea

    Ciao