POS obbligatorio, a settembre nuovo decreto legge con sanzioni per chi non si adegua

08 agosto 2017 di Luca Ansevini

Nonostante negli ultimi mesi l’utilizzo della moneta elettronica in Italia sia cresciuto notevolmente, grazie anche alla maggiore semplificazione con sistemi quali Apple Pay e carte contactless, il nostro paese si ritrova ancora ad essere fanalino di coda in Europa nonostante un incremento nell’ultimo anno del 12% di dispositivi POS installati nei vari esercizi commerciali italiani.

Nell’ottica di diffondere maggiormente il pagamento elettronico ed allo stesso tempo contrastare l’evasione fiscale il governo, nella figura del vice ministro dell’economia Luigi Casero, sta pensando ad un decreto legge che introdurrà una sanzione di 30 euro verso tutti quegli esercizi commerciali che ancora non saranno in regola con l’adozione del POS.

Questo decreto andrebbe quindi a dare seguito alla legge di stabilità del 2016 che già ha sancito l’obbligo di accettare i pagamenti con moneta elettronica per tutti gli importi pari o superiori a 5 euro, ma che ancora non prevede sanzioni in caso l’esercente sia sprovvisto di POS o si rifiuti di accettare il metodo di pagamento da noi scelto. Il decreto dovrebbe andare inoltre ad introdurre un sistema di sgravi fiscali per i contribuenti, incentivandoli all’adozione della moneta elettronica al posto del contante.

E’ bene precisare che alcune categorie di esercenti potrebbero rimanere fuori da tale decreto ed allo stesso tempo sarà predisposto dal governo un tavolo di confronto sia con i commercianti che con gli istituti di credito, al fine di ridurre i pesanti costi sulle spalle dei commercianti e favorire la diffusione di un sistema che ad oggi ha incontrato proprio nei costi di gestione e nelle commissioni il muro più difficile da abbattere.

Il governo ha come obiettivo quello di introdurre questo nuovo decreto il mese prossimo, con entrata in vigore prevista già entro la fine dello stesso mese di settembre. Che impressione vi siete fatti su questa manovra?

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Max Sullivan Gates

    Giusto, era ora, bisogna aggiornarsi e così si aiuta anche l’evasione fiscale a calare

  • fili

    Sono stato un mese fa negli Stati Uniti e a Londra , noi a confronto siamo indietro anni , qualunque pagamento anche da 5 centesimi viene effettuato con il pos , ho visto il 30 % della gente pagare con Apple Pay in modo contactless e guarda caso l’evasione fiscale li è molto molto inferiore rispetto a quella italiana spero vivamente che questo governo applichi questa “legge” per rimodernarsi e sopratutto so avrà un evasione fiscale molto meno presente .

  • fili

    Comunque 30 euro sono pochi di sanzione dovrebbero essere 300

  • Lo Pan

    Ma volete mettere la comodità e sicurezza nel girare con solo la carta di credito?La perdi,denunci(con i contanti hai voglia..)e se ti rapinano,devono per forza portarti al più vicino bancomat(inutile per il rapinatore chiedere il PIN,tanto si blocca subito). Preferisco che sia introdotto di legge il POS.

  • Riccardo Ravaioli

    come al solito perchè abbiamo delle banche ladrone.. dovrebbero essere solo contente se si utilizza di più il POS.. girano più soldi in quella determinata banca.. dovrebbero darlo gratuitamente e senza spese di gestione.. Prima o poi ci arriveranno..

  • Alexiss079

    Allora, praticamente solo per il caffè si può pagare con L’€? Io ho capito sul tg, che un bar abbia rifiutato la carta per il caffè!

  • Max Sullivan Gates

    Ti aggiorno su una cosa: guarda che quando andai un anno fa negli USA, mi guardavan malissimo quando vedevan soldi in mano. Là pagan anche gli sputi con bancomat e contactless. Qui sarebbe bello se proprio i soldi li eliminassero, nessuno ti rapinerebbe più, e anche un caffè è tracciato, quindi o ti fan scontrino o te lo offrono sempre. Calcola su scala nazionale quanto cala l’evasione, e conseguentemente le tasse attuali

  • GianlucaRoma

    Mi informai per mettere il pos nel mio locale…sinceramente i costi sono troppo elevati…si parte dal canone per avere il pos che sono circa 25€/mese e poi la percentuale che la banca si prende su ogni transazione…se poi il cliente paga con la carta di credito, la mia banca mi applica un fisso + una percentuale…direi che è troppo alto! Pagare in un bar 5/6/7€ di consumazione (facendo una media) e vedersi addebitare dalla banca 20/30 cent non è una cosa molto positiva…

  • papau

    Calerebbe si l’evasione, ma avrebbero più soldi da mangiare. Non c’è niente da fare, l’italiano è ladro per natura. E le tasse annuali aumenterebbero comunque.

  • Max Sullivan Gates

    La penso come te, ma siccome mangiano a prescindere, almeno le entrate gli aumentano.. non possono aumentare gli stipendi

  • claudio

    Buona sera, il suo discorso non fa una piega, ma quel caffè quanto lo ha pagato?..
    Per capire facendo utilizzare il POS in qualsiasi occasione, ci sarà di certo più sicurezza e maggiore traccia ma ci sarà anche un notevole aumento del costo della vita, dal piccolo caffè quotidiano a salire perché ovviamente a guadagnare non sarà di certo il negozio “massacrato” dalle tasse di commissione.

  • Ale Marino

    Hanno avuto un anno di tempo per abbassare le commissioni sulle carte di pagamento e non l’hanno fatto…

  • Max Sullivan Gates

    Come riportato nell’articolo, occorre prima che diminuiscano le imposte sui pos, sia da parte dello stato, che degli istituto di credito. Quindi ho basato il mio discorso su questo punto. SE abbassano le tasse sui pos avrebbero di sicuro più entrate senza perderci NULLA, perchè anzi è ancora più denaro che fanno circolare

  • Paolo Massardi

    Unico modo serio per combattere l’evasione fiscale oltre all’eliminazione del denaro contante in modo radicale è introdurre la deducibilità di una percentuale di tutti gli acquisti per i quali viene emessa ricevuta.

  • Robertino68

    Il problema è sempre e solo uno. Le banche.
    Spero che venga adottato la tecnologia delle Blockchain che sta alla base delle criptovalute come i BitCoin, che grazie ad essa la transizione avviene senza intermediari quali banche e finanziarie. Chi ha visto il programma “Codice: La vita è digitale” trasmessa il 28 luglio su Rai1, sa di cosa sto parlando.

  • Fede950

    Non proprio in tutti gli USA… sono andato in posti che difficilmente veniva accettata…ma il linea di max hai perfettamente ragione

  • Max Sullivan Gates

    Beh parlo di località turistiche (ad esempio new york/san francisco), poi logicamente anche loro come noi avran zone “buie” per queste cose.. ma paragonare italia e stati uniti in quanto a “adozioni tecnologiche” stanno 180.000 a 1

  • fili

    Sono rimasto anche io sorpreso negli USA un esempio banale , da Starbucks ho preso un pezzo dolce e un espresso il totale era circa 2,50 $ quando ho tirato fuori dal portafogli i quarter of dollar la commessa mi ha guardato come se fossi un alieno fatto sta che il giorno seguente ho pagato con Apple Pay con Apple Watch per la commessa era la normalità invece qui se paghi 10 euro con la carta dicano che il pos è rotto . Lo stesso è accaduto anche a Londra certo in modo meno accentuato ma noi italiani siamo anni indietro

  • Max Sullivan Gates

    Io penso che l’italiano medio rifiuti la novità perchè non la capisce, sostanzialmente.. Basta vedere mia mamma quando cambia la disposizione dell’home banking “ah nonono troppo incasinato” quando semplicemente non ha pazienza di osservare e capire.. Quindi in Italia ci sono molti POS abilitati anche al contactless (per farti un esempio banalissimo), ma nessuno lo sa usare o si fida.. Io quando vedo il simbolo contactless avviso il gestore di come si possa procedere, gli insegno e mi ringraziano.. nella mia città molti ora vedo che una volta che li INFORMI poi capiscono la semplicità

  • Alexiss079

    E lo immagino! Ma purtroppo! Noi italiani non c’è niente da fare! Io ho un tipo di ticket restaurant che non vengono accettati da tutti! Semplicemente perché non vogliono sbattersi i cosiddetti.

  • Max Sullivan Gates

    Attenzione, per i ticket la faccenda è tutt’altra. Non ci troviamo dinanzi ad una “compatibilità”, ma di convenzioni.. se al locale manca la convenzione con tot istituto non li accetta. Non centra la tecnologia o evasione qui

  • Antonio Oliva

    La carta moneta non può essere eliminata, in quanto è un diritto del cittadino avere la scelta, e non pagare un conto in banca se proprio lo desidera (ovviamente, per altre ragioni, alla fine il conto in banca lo hanno tutti!). Detto questo, i pagamenti digitali, sopratutto i nuovi contactless e i sistemi come  pay, sono assolutamente in benvenuti, il problema è che finché tutti (e intendo tutti) non abiliteranno questi pagamenti, la chimera di non andare in giro con bancomat e carte di credito nel portafoglio resterà tale. Aggiungo poi che per eliminare l’evasione fiscale serve ben altro…anche se, eliminato completamente la carta moneta, i privati non potrebbero davvero più evadere in quanto tutte le transazioni sarebbero controllabili…ma questo non avverrà mai…le caste privilegiate campano sulla evasione (vedi medici, liberi professionisti di ogni fascia etc etc…)

  • Pippo

    Ti do ragione in tutto, ma le tasse che si abbassano sono un utopia in Italia. non succedera’ MAI nemmeno se l’evasione calasse al 1%

  • Pietro

    Beh io la vedo più semplice basta che se non accetta il pagamento elettronico pur avendo gli adesivi che dicono di si….tu semplicemente non paghi perche’ non hai dietro contanti. Oppure dici perfetto da te non ci compro più. Lo fanno 10/20/50 persone vedi come anche per il caffè cominciano ad accettare i pagamenti elettronici.
    Stati Uniti confermo ma li’ da decenni e’ normale pagare il caffè con la Visa/Mastercard. Anche l’Europa e’ messa molto meglio di noi ed in moltissimi accettano pagamenti irrisori e senza guardarti male come fanno qui. Io fortunatamente ho qui l’Auchan ed ormai da qualche anno con la cassa self service è normalissimo che paghi con la contactless anche i 30 centesimi del panino o i 14 cent della cipolla che mi ero scordato alla spesa precedente 🙂 Ovviamente idem alla cassa…ma capisco che quella e’ super grande distribuzione ed alla commessa poco gliene frega di come paghi..diverso e’ il pezzentino che non accetta giustificandosi col fatto che ci paga il 4% in commissioni! E CHISSENE? Personalmente se le sigarette (e sarebbe ora) le vendessero anche al Supermercato (cosa che all’estero avviene) terrei 4/5 euro solo veramente per il caffè.
    Aggiungo ho vissuto in Irlanda ed oltre a quanto sopra..al supermercato puoi richiedere il “cash back”. Esempio il conto viene 20, tu paghi 50 con Carta e la cassiera ti dà 30 in contanti e senza commissioni…sembra stupido ma e’ comodissimo …invece di sbattersi ai vari bancomat a cercare il contanti!

  • Pietro

    Vero il governo avrebbe potuto spronarli. E’ anche vero che sono visti come servizi accessori e quindi le società emittenti si fanno pagare…alla fine c’e’ una infrastruttura tecnologica che gestisce il tutto qulcuno la deve pagare.
    Il discorso comunque del rifiuto o del lamentarsi da parte dell’esercente della commissione e’ la solita MMMM ITAGLIANA!!!! Perche’ se da un lato il 4% puo’ fartele girare pero’ non si pensa che ad esempio eviti furto perche’ e’ tutto elettronico…i soldi li hai direttamente accreditati sul conto corrente bancario. Solo solo per questo se fossi un commerciante li pagherei volentieri le commissioni. Che poi se vogliamo estremizzare il 4% di 1 Euro (il caffè) sono 4 centesimi….e’ risaputo che al barista l’espresso costa max 20 centesimi…ti assicuro che grande perdita. Solo che come al solito ognuno più riesce a guadagnare (anche i centesimi). Comunque quando entrerà la legge mi divertiro’..sopra i 5 euro consumo e do’ bancomat/c.d.c. se l’esercente non accetta sarà problema suo. Essendo strumento di pagamento valido lui per legge sopra i 5 dovrà accettare senno’ “gratis”…cosi’ come io 6 euro li posso pagare anche con monetine di un centesimo..alla fine son sempre soldi 🙂

  • Ale Marino

    Pensa però ai tabaccai che hanno margini bassissimi, oppure ai generi alimentari. Con la benzina sono riusciti a trovare un accordo per abbassare le commissioni ma solo perchè gli incassi dei distributori sono della compagnia e non del gestore.

  • Pietro

    Per i tabacchi hai ragione anzi direi di più dovrebbe pagare lo STATO le commissione visto che i tabacchi sono in Monopolio ed il governo prende l’80% di ricavi dalla vendita del singolo pacchetto delle bionde. Per i piccoli alimentari spiace per loro ma alla fine parliamo di commissioni nell’ordine del 3/4% … in 2 parole l’etto di cotto a 10 euro sarebbe come venderlo a 9.60 …tranquillo che in mezza giornata risolvono il problema aumentando il prezzo a 10.50 al Kg e guadagnandoci pure, senza che il consumatore se ne accorga.

  • Fatta la legge, trovato l’inganno
    Emanata una legge, c’è sempre chi trova l’espediente per eluderla. Si
    dice in genere con rassegnata sfiducia nella forza delle norme giudicate
    buone, e con riprovazione per i furbi, ma talora assume il valore di
    una sollecitazione all’astuta mancanza di scrupoli. ecco l’italia

  • Fede950

    Si le zone turistiche non sanno cosa siano i contanti…. Sono solo rimasto un po deluso dal wifi libero dagli USA….mi aspettavo di essere “sempre” connesso invece mica tanto….

  • Roberto Galbiati

    Tutto ciò è anticostituzionale. Non esiste alcun motivo per l’obbligo alla moneta elettronica. Il vero motivo è l’interesse dello Stato, nello spendere di meno e fare ricadere i costi sui cittadini. Per non parlare dell’ovvio echelon. Così i burocrati ladri avranno ancora più denaro a loro disposizione e più potere . Viva il contante

  • 7/11

    Le sigarette non si possono pagare con la carta?

  • krd

    Probabilmente diventeremmo l’unico paese dove il POS è obbligatorio.
    ED’ assurdo che lo stato obblighi un impresa su come gestire i propri affari
    Negli USA si usa principalmente la moneta elettronica nelle grandi città per una questione di sicurezza, i borseggi e le rapine sono all’ordine, non del giorno, ma del minuto… Negli USA si acquistano le auto, le barche, in contanti. Il fatto che noi italiani risultiamo tra gli ultimi paese come utilizzatori di carte di credito è dovuto principalmente il fatto che sia tra i paesi che acquistano meno online.
    Siete convinti che l’evasione diminuirà perche un bar incassa una colazione con il POS?
    Pensate che il dentista, lo studio medico, l’avvocato, vi fatturi l’intero importo?
    L’evasione è solo un pretesto, basterebbe far pagare alle multinazionali le tasse nei paesi dove vendono e controllare tutte quelle società che hanno altre sedi off shore.

  • Pietro

    Sinceramente no. Insomma mai visto. Ricordo che nel 2015 ho chiesto ed una mi ha detto no…comunque vado giornalmente e non solo con carta neanche con bancomat. Solo contanti.

  • cantafulvio

    Il problema è che non pagare le tasse negli usa è un reato ed anche una vergogna personale. Ma le tasse negli usa sono molto più basse e accettabili. In Italia non pagare le tasse è uno sport molto in voga, grazie anche ad una tassazione spropositata. Inoltre se pago un caffè con la carta alla fine quanto costa?

  • drPatrick

    Vero, ma negli USA le imposte sul bancomat/carta di credito/debito sono ridicole rispetto a noi.

  • cbdj79

    Il problema dell’evasione non lo sconfiggi con il pos obbligatorio nei negozi se non marginalmente, intanto è obbligatorio avere il pos ma non è obbligatorio pagare con il pos …. e poi se il dentista o l’idraulico ti dicono € 300 con fattura e pos o € 200 in contanti e poi tu accetti i 200 in contanti per risparmiare … nemmeno il problema delle repine è così risolvibile, non mi pare sia calato negli USA grazie all’adozione onnipresente dei pos. Sicuramente chi ci guadagnerà saranno al solito le banche.

  • Alex

    AHAHHAH mia mamma uguale identico “troppo incasinato, meglio di no” cit xD

  • MS86UK

    Sono a Londra ormai da 3 anni, e credo di aver pagato cash solo 2 volte, in due chioschetti durante le classiche “sagre”. Per tutto il resto, che sia un valore grande o infinitesimo, come un francobollo da 0.56 £, si paga tutto con la carta di credito / Apple Pay.

    Non vi sono commissioni per chi paga (del tipo “pagamento minimo 5£ altrimenti ti costa 50 centesimi in piu’ se paghi con la carta) e le commissioni bancarie per l’esercente sono, se ricordo bene, attono allo 0.1% del totale

    In Italia chi si rifiuta di accettare pagamenti elettronici lo fa solo per tornaconto personale…

  • Luke

    Dipende dove le compri. In Autogrill le ho pagate con Apple Pay senza problemi ma dal classico tabaccaio dubito 🙂

  • Luke

    In parte ai ragione. Diciamo che è giusto imporre la moneta elettronica nel momento in cui essa non comporta un costo aggiuntivo per l’esercente. Siccome non è così o vengono riviste le commissioni al ribasso o capisco la rabbia dei negozianti quali ad esempio tabaccai che dovranno accettare pagamenti con moneta elettronica anche sulle sigarette, dove già hanno un margine di guadagno basso.

  • Luke

    Se così fosse anche qui sarebbe molto più equo ma continuo a pensa che in Italia comunque ci si ritroverebbe di fronte a negozianti che, pur di non farti pagare con carta, ti scontano il prezzo della commissione.

  • 7/11

    Ma le hai pagate singolarmente o con altre cose? Comunque essendo monopolio dello stato non capisco perché debbano far pagare la commissione si tabaccai che già ricavano poco!

  • Luke

    Eh infatti è una cosa incomprensibile. Comunque si le ho prese singolarmente senza problemi ma è chiaro che una società come Autogrill avrà commissioni molto più basse rispetto ad un normale tabacchino.
    Il che è assurdo se ci pensiamo… Dovrebbero proprio essere le grosse catene a pagare le maggiori commissioni.

  • krd

    A Londra, come in qualsiasi altra parte del mondo, è una scelta dell’azienda accettare pagamenti elettronici, non un imposizione da parte dello stato .

  • MS86UK

    È una imposizione della società.. prova te a non accettare le carte, vedi come tutti ti snobberanno

  • krd

    Resta comunque una scelta e non un imposizione statale.

  • somma

    parliamo di cose serie: solo a me bruciano gli occhi all’immagine con la carta di credito strisciata con la banda magnetica verso l’alto?!

  • macuser79

    Il problema non è avere il pos, il vero problema è il pos non funzionante…alcuni giorni fa sono stato in una pizzeria che per mantenere bassi i costi, ha dichiarato che il pos non era rotto. A Roma, vi parlo per esperienza personale, dichiarare che il pos è rotto è prassi comune per tanto sei costretto a pagare con i contanti, quindi tu l’evasione non la sconfiggerai mai…

  • johnny

    sacrosanto. Apporterei due piccole modifiche: 1) devono accettare tutti gli importi, anche 20cent, altrimenti sanzioni pesantissime da centinaia di euro. 2) commissioni zero, lo stato si fa carico delle commissioni per un breve lasso di tempo cosi’ gli utenti sono incoraggiati a usare le carta.

  • MS86UK

    Certe societa’ sono piu’ oneste di altre… Dove non arriva il popolo, interviene la legge…

  • Luke

    Voglio vedere quando questo decreto diventerà legge. L’attuale legge ti da diritto a non pagare e regolarizzare successivamente la tua posizione. Vedi che quando dici ‘non ho contante’ il POS torna a funzionare 😀

  • Fra

    Da commerciante, perche dovrei favorire la carta rispetto al contante e perdere 1,50% della vendita (UNO E CINQUANTA) per darlo alle banche? Negli USA che tanto decantate non ci sono commissioni per il commerciante!