Su Facebook potrai raccogliere fondi per te stesso e non solo…

30 marzo 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Dopo Snapchat, Facebook prende spunto da GoFundMe e si appresta a lanciare una funzione di raccolta fondi personale negli Stati Uniti.

Le raccolte di fondi personali permettono alle persone in difficoltà di raccogliere denaro per se stessi, ma anche per amici, conoscenti e persone, cose o animali non presenti su Facebook. Questa funzione sarà abilitata nei prossimi giorni negli Stati Uniti e sarà aperta agli utenti che hanno compiuto almeno 18 anni. Facebook la presenta come una funzione ancora in versione “beta”, che sarà migliorata con il tempo e che inizialmente consentirà di raccogliere fondi solo per sei categorie pre-stabilite. Ogni proposta di raccolta fondi sarà controllata da un apposito team e verrà approvata o rifiutata entro 24 ore.

Inizialmente, le sei categorie saranno:

  1. Istruzione: tasse scolastiche, libri, forniture per le scuole, ecc…
  2. Medico: visite, cure, medicinali, operazioni, ecc…
  3. Veterinaria: visite, cure, medicinali, operazioni e altro dedicato agli animali
  4. Crisi: fondi per le vittime di crisi pubbliche o disastri naturali
  5. Emergenza personale: danni alla casa o all’auto, furti, ecc…
  6. Funerali: spese di sepoltura, aiuto economico dopo aver perso una persona cara che si occupava di sostentare la famiglia, ecc…

Dato che le raccolte fondi vengono pubblicate da profili reali presenti su Facebook, i donatori potranno vedere chi ha creato la raccolta, chi sono i beneficiari e come saranno spesi i soldi.

Dopo un primo test negli USA, questa funzione potrebbe arrivare anche in altri paesi.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • PiGiu

    mettete un mi piace per salvare i bambini del burundi….. già prima era un casino, ora prevedo anche le grandi truffe