WhatsApp gratis per tutti e per sempre!

18 gennaio 2016 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)
FEATURED

Il CEO di WhatsApp Jan Koum ha annunciato un importante cambiamento nel modello di business dell’app: da oggi, il client di messaggistica istantanea più utilizzato al mondo sarà completamente gratuito per tutti. Abolito il pagamento annuale di 0,99€.

whatsapp-money1

Da diverso tempo, chi scaricava l’app per la prima volta poteva usare gratuitamente i servizi di WhatsApp solo per il primo anno. Superati i 12 mesi, bisognava poi pagare 0,99€ all’anno.

Ora, invece, le cose cambiano radicalmente e WhatsApp potrà essere utilizzato gratuitamente per sempre, anche da parte dei nuovi utenti o di chi dovrebbe rinnovare l’abbonamento annuale. Il CEO di WhatsApp fa sapere che 0,99€ all’anno non erano tanti, ma moltissimi clienti (soprattutto giovanissimi) non avevano accesso alle carte di credito e non potevano quindi usare il servizio, frenandone di fatto la diffusione a favore di altre app di messaggistica completamente gratuite.

Tolta questa “tassa” annuale, quale sarà il nuovo modello di business di WhatsApp? Stando alle prime indiscrezioni, WhatsApp sta pensando di far pagare le aziende che vogliono indirizzare le loro comunicazioni più rilevanti ai clienti. Ad esempio, le compagnie aeree potranno contattare gli utenti tramite WhatsApp per informarli su eventuali ritardi o cancellazioni. Allo stesso modo, una banca potrebbe usare WhatsApp per comunicare con i clienti su offerte o avvisi rilevanti. Al momento è escluso l’inserimento di pubblicità all’interno dell’applicazione.

In sintesi, il prodotto di WhatsApp saremo noi utenti. I soldi saranno spesi dalle aziende.

Il costo annuale sarà abolito da subito su tutte le piattaforme, iOS compresa, ma bisognerà attendere alcune settimane prima che tutta l’infrastruttura di pagamento venga tolta dalle singole applicazioni mobile. Non è però previsto alcun rimborso per chi ha pagato da poco o per chi lo farà nei prossimi giorni, fin quando l’infrastruttura di pagamento non sarà aggiornata.

[via]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Leandro Rocchi

    Io sono “obbligato” ad usare Whatsup perché ce l’hanno praticamente tutti i miei amici… ma fosse per me, passerei a telegram…

  • Francesco Dicarlo

    sento puzza di merda. Avranno capito che stanno migrando tutti a Telegram ?

  • Angelo Giovanni Ferrara

    Hahahah telegram chissà dove andrà a finire

  • Edoardo

    “Tutti”?

  • Francesco Dicarlo

    tutti quelli che conosco l’hanno fatto. Poi dipende da chi conosci.
    Esperienza personale, hanno provato e non sono tornati indietro

  • Filippo Bergamini

    Se ti puoi permettere un telefono e la Sim con una promozione per avere internet, non penso che 99 cent all’anno rovinino il bilancio della tua famiglia. Quindi piuttosto di rischiare che venga messa la pubblicità all’applicazione preferisco continuare a pagare.

  • Lucertola96

    E come guadagnano?

  • RockyBastone

    Ricordate che nessuno fa niente per niente.

  • Filippo Bergamini

    Se leggi c’è scritto…

  • Cos’è WhatsApp?

  • ѕσυтн-ραяк

    Li ho entrambi. Li uso entrambi. Hanno entrambi difetti e pregi. No problem.
    Saluti.

  • Leandro Rocchi

    per carità… ma se mi introducesse la pubblicità io abbandonerò sicuramente questo strumento

  •  Ombra® 

    Invece di rilasciare un aggiornamento con le balls e di aggiornare l’interfaccia vecchia da anni pensano a scalcolarsi

  • Lorenzo Demarchi

    Perché? C’è ancora gente che paga per WhatsApp? Io craccandolo con Wassapp l’ho rinnovato più volte completamente gratis.. Mi stupisco ci sia ancora gente che ci butta i 99 centesimi dentro

  • Alessandro

    Eh, pensa che c’è gente che per avere i servizi paga. Che fessi che sono, no? Poi ci si lamenta che il canone viene messo in bolletta.

  • Pingback: WhatsApp gratis per tutti e per sempre!()

  • MarvelEroes

    quoto

  • Alessandro

    Molti. Purtroppo anche gente che ha iPhone e tiene iMessage disattivo costringendomi a scaricare un app in più per motivi oscuri.

  • ROOT

    “Stando alle prime indiscrezioni, WhatsApp sta pensando di far pagare le aziende che vogliono indirizzare le loro comunicazioni più rilevanti ai clienti. Ad esempio, le compagnie aeree potranno contattare gli utenti tramite WhatsApp per informarli su eventuali ritardi o cancellazioni. Allo stesso modo, una banca potrebbe usare WhatsApp per comunicare con i clienti su offerte o avvisi rilevanti. Al momento è escluso l’inserimento di pubblicità all’interno dell’applicazione.

    In sintesi, il prodotto di WhatsApp saremo noi utenti. I soldi saranno spesi dalle aziende.”

    Basta leggere l’articolo…

  • Lorenzo Demarchi

    Il canone è un’altra questione, la televisione è un servizio che veramente va finanziato per andare avanti. Perché pagare invece WhatsApp quando tutti gli altri competitor sono servizi gratuiti? Cosa dà WhatsApp in più rispetto a Telegram, Viber, WeChat? Nulla, anzi, di meno. L’unica cosa che ha di più sono i milioni di pecoroni che schiacciano il ditino su “rinnova”, fieri di contribuire pensando di fare la cosa giusta, gli stessi che poi scrivono dappertutto su web e App Store che Telegram è meglio e blabla.. E poi sono i primi che rinnovano. Queste sono le contraddizioni che non capisco in questo mondo. Preferisco essere coerente: non sono soddisfatto del servizio, e quindi non lo pago, come sarebbe giusto guardando i prezzi nulli della concorrenza.

  • Se fossi veramente coerente, non useresti un servizio che non hai intenzione di pagare e ti affideresti SOLO agli altri che sono gratuiti. Visto che ne fai una questione di coerenza.

  • CArLIMERO

    Vai a tavola va.. che la pappa è pronta. E tra poco iniziano i cartoni!

  • ROOT

    Ma scusa un attimo, allora perché anche tu non usi un servizio gratis invece di usare un servizio che non desideri pagare?

  • Quello che fai è ILLEGALE.

  • Alessandro

    Non sei soddisfatto del servizio quindi non lo usi. Questo sarebbe corretto. Non lo uso rubandolo. Altrimenti sei ben peggiore di chi si fa pagare un servizio scadente.

  • ROOT

    Bravo, complimenti! Così taccagno che non paghi 99 centesimi ALL’ANNO per un servizio? Comunque, la tua procedura è illegale…

  • Lorenzo Demarchi

    È quello che faccio, ma siete voi stessi ad affermare che la massa è orientata tutta su WhatsApp, e per lavoro sono costretto a usarlo anche io, ma lo sto limitando sempre più in favore degli altri servizi. Se veramente volete distinguervi dalla folla, non omologatevi a quello che la folla stessa vi impone

  • Okay, quindi la tua etica prevede che teoricamente tu non voglia omologarti, però sei costretto a farlo. Ci sta. Ma allora devi pagarlo il servizio. Non si rubano i servizi e le applicazioni, perché la gente non lavora gratis. O tu forse sì? Se il tuo datore di lavoro ti dicesse “Guarda mi sei utile, però non so.. non ho intenzione di pagarti e non ti pago” come la prenderesti?

  • Carmine Cuofano

    Fanculo io ho già pagato fino al 2020!

  • Gabriele

    Bene! Peccato che io non l’ho mai pagato ????

  • Cioè l’hai craccato? Bravo, complimenti, sei furbo 😉

  • Gabriele

    Ma quale furbo! La realtà è molto più semplice! Ho il servizio whatsapp gratis a vita!!! Rientro nei primi che l’hanno scaricato e attivato! ✌?️

  • ROOT

    Mmm continuo a preferire Telegram per molte cose…
    Comunque, tutti e due sono due servizi molto validi…

  • Lorenzo Demarchi

    Questo si chiama omologazione, il grande fratello descritto in “1984”.. Lo dice la stessa Apple: “Think Different” (e per la cronaca, io ho il mio carissimo iPhone 5s comprato usato perché non compro a comando appena le multinazionali vendono, compresa WhatsApp)

  • Andrea Rossi

    Dunque, secondo la tua logica, siccome non sono soddisfatto del servizio che mi offre il mio ristorante, posso ritenermi esentato dal pagare il conto, visto che in giro posso mangiare lo stesso e magari spendendo molto meno?
    Idem per quanto riguarda la televisione ed il canone Rai. Siccome Mediaset e tutti gli altri offrono TV senza canone allora mi ritengo esentato dal pagare il canone Rai?
    Bell’Italia.. Bella proprio.. Se questi sono i principi che animano certa gente..

  • ROOT

    Quello che stai facendo con WhatsApp si chiama RUBARE non “Think Different”!
    Cosa c’entra se possiedi un iPhone 5S usato? L’hai pur sempre acquistato o gli hai detto a Apple che no, non volevi pagare per un telefono di 3 anni fa?

  • Alessandro

    Quindi l’hai pagato. Anche io rientro tra quelli che l’hanno comprato prima che si dovesse rinnovare ogni tot e quindi è “a vita”. Ma l’ho pagato. 89 cent

  • Andrea Rossi

    Idem come te.. E’ sempre stato bello vedere il simbolino dell’infinito e leggere “A vita”..

  • Alessandro

    No, tu rubi e basta.

  • Alessandro

    Se sei costretto ad usarlo, lo paghi. Con rammarico (come ho dovuto fare io).

  • Andrea Rossi

    Non è vero! Io ricordo di averlo scaricato prima di Natale, in un periodo in cui, forse promozionalmente, era gratuito

  • Lorenzo Demarchi

    Se da ora è gratis vuol dire che la stessa WhatsApp ha ammesso che era sbagliato chiedere un compenso, quindi rafforza indubbiamente la mia tesi

  • Gabriele

    Vabbe ragazzi pagato parolone! Cosa sono 89centesimi contro tutti i soldi buttati per 15cent. a sms per anni con gli operatori nell’epoca pre-smartphone? Niente!
    Io non ci ho pensato due volte. Sicuramente whatsapp sta facendo schifo nell’ultimo periodo anche nella cura degli aggiornamenti e nella velocità dei rilasci. Ma vabbe.

  • ROOT

    Anch’io preferirei usare Telegram però tutti i miei contatti usano WhatsApp e preferisco PAGARLO invece di craccarlo…

  • Zamba

    Che tristezza ragazzi, sono 99 fottutissimi centesimi all’ANNO!
    Allora se volete andare a bere un caffè cosa fate, elemosinate?
    Ma dai perfavore!

  • Alessandro

    Eh, pensa che c’è chi, qua sotto lo cracca e se ne vanta pure, perchè lui “Think Different”…

  • Alessandro

    A quanto pare alcuni quì prendono il caffè (perchè costretti dal dover stare con i colleghi), poi se non gli piace se ne vanno e non pagano. Boh

  • Andrea Rossi

    Buona questa!

  • Gabriele

    Ahahah piuttosto sprecherei quelle energie per inventare un’applicazione a pagamento!!

  • ROOT

    Ma hai letto l’articolo almeno?
    WhatsApp ha reso gratis il servizio perché ci sono delle persone che non avendo accesso a carte di credito non potevano usare il servizio, frenandone di fatto la diffusione a favore di altre app di messaggistica completamente gratuite.
    Tu hai RUBATO e punto. Non cercare scuse che tanto 99 centesimi all’anno di certo non cambiano la tua vita…

  • Alessandro

    La tua tesi potrà pure essere corretta. Ma hai commesso un illecito comunque. Perché hai RUBATO un prodotto.

  • Okay 🙂 scusa per la risposta aggressiva 😉 ci sono diversi furbi qua dentro!

  • nonlocommando

    anche io non l’ho mai pagato, l’ho scaricato gratis (da app store quando era in offerta gratuita) quando era a pagamento… non tutti lo “craccano” -.-

  • Alessandro

    Vabbè, sarà stato un caso eccezionale. Magari qualche promo natalizia.

  • La voglia di non omologarsi – che rispetto – non è una ragione valida per rubare un servizio che usi. Punto. Non giocare a fare il no global per favore, che siamo nel 2016.

  • Edoardo

    Io ho pochissimi contatti su telegram, circa 10 di cui 3-4 lo hanno usato solo per qualche giorno/settimana dopo l’attivazione.

  • Alessandro

    No, ma molti sì. Leggi più sotto, c’è gente che ne va pure fiera….

  • Kravinsky

    Sei proprio una volpe eh, mi stupisco di come tu non sia al comando di questo Paese.

  • Dario Leo

    Gli introiti deriveranno da banner pubblicitari sicuramente. Quindi saremo impestati di pubblicità. Pessima scelta. Era più intelligente stringere accordi con i gestori per poter pagare tramite credito telefonico o addebito su abbonamento. Perché se i più giovani non hanno carta di credito ( vero!!! anche se esistono le ricaricabili proprio a questo ) sicuramente o hanno una ricaricabile ( orami in disuso ogni anno di più ) oppure un abbonamento con carta di credito del genitore oppure un abbonamento rinnovabile tramite ricarica mensile ( più possibile! ) quindi da ciò quello detto dal ceo è una grandissima cavolata, una giustificazione del cavolo ( specchietto per le allodole) in realtà guadagnano più con la pubblicità martellante che con 0,99 cent all anno!!!

  • Sisi, lo so bene, mi sono infatti scusato per la mia risposta aggressiva. Il mio intento era far capire che non si devono rubare app e servizi. Se ci sono modi leciti (e so che ce ne sono) per averlo gratis per sempre, ben venga, ci mancherebbe 🙂 Mi scuso ancora per la mia risposta fuori luogo.

  • Kravinsky

    Anche io ho notato, negli ultimi due mesi, che moltissimi dei miei contatti hanno provato Telegram. E una buona parte di questi, al momento, continua ad utilizzarlo.
    Io WhatsApp lo tengo sul telefono per esigenza, ma ormai per comunicare con i miei contatti preferiti uso solo e soltanto Telegram.

  • La tua “tesi” non ha nulla a che vedere con le politiche di pricing di Whatsapp. Hanno semplicemente deciso di non far pagare l’end user e di fornire servizi B2B, con cui probabilmente guadagneranno di più.

  • Kravinsky

    Una persona normale ragiona come te, ma non hai idea di quanti tirchiacci ho sentito dire che 1€ era troppo.
    Io ho “abbandonato” WhatsApp per le funzionalità scarse, di certo non per il costo misero annuale.

  • Anche per me vale lo stesso. La gente che installa Telegram sta – fortunatamente – aumentando. Il problema è che sono ancora troppo pochi per sostituire completamente Whatsapp e probabilmente la cosa non cambierà.

  • Gabriele

    Carissimo! Citare il Grande Fratello come controllo sull’umanità per un servizio a pagamento, che non prevede un obbligo di utilizzo se non per una scelta puramente soggettiva e che non è minimamente paragonabile al fatto che tu abbia un iPhone e magari Facebook che sono i mezzi che sono oggetto di “omologazione” alla società moderna e del controllo di quel Grande Fratello di Orwell!
    La tua tesi perde acqua da tutte le parti, se non vuoi whatsapp e non vuoi pagarlo per non essere ‘omologato’ non prendere uno smartphone e rimani all’amato Nokia 3310! Genio!

  • Alessandro

    E no, perché poi dovrebbe pagare 15cent ogni messaggio. E non potrebbe più “non omologarsi” rubandoli. Questa purtroppo è la libertà che ci ha dato internet…

  • No, leggi l’articolo. Non è previsto l’inserimento di pubblicità, bensì servizi B2B

  • Alessandro

    Infatti!

  • Delafuerte

    Spero che un giorno, quando comincerai a lavorare (perché è evidente che chi fa un ragionamento del genere, i soldi forse li ha forse per le figurine), il datore di lavoro ti dica “sai che c’è, lavori in un modo che non mi soddisfa, sto mese niente stipendio!”

  • Lorenzo Demarchi

    Tu che fai tanto il bravo ragazzo onesto perché non fai donazioni a WhatsApp di 99 centesimi ogni anno visto che anche tu non lo paghi? Anche io ho pagato 99 centesimi il primo anno, come te, quindi perché invece di criticare e darmi del ladro non paghi pure tu lo stesso servizio che usufruisco anche io?

  • Alessandro

    Non ho capito, scusa? Io l’ho pagato il servizio, nel contratto che io ho firmato scaricando l’app e pagando c’era scritto che il servizio pagato una volta sarebbe stato garantito a vita. Quindi cosa avrei dovuto pagarlo a fare ulteriormente? Non capisco. Tu invece hai pagato il primo anno, e poi l’hai rubato il resto del tempo. Nel tuo contratto c’era scritto che con i 99 cent pagavi il primo anno, non per sempre. Hai firmato e poi frodato. Che fai, se io faccio l’abbonamento all’autobus e tu compri i biglietti, io devo pagare pure i biglietti? Ma cresci, per piacere che ti stai rendendo ridicolo.

  • Kravinsky

    Sì, purtroppo è così.
    Vige la regola del “Chi prima arriva, meglio alloggia”. WhatsApp è stato il primo servizio di questo tipo ad avere successo, e la gente meno informata non sa nemmeno dell’esistenza di Telegram a momenti.

  • Alessandro

    E comunque, non è che faccio il bravo ragazzo onesto. Semplicemente non rubo.

  • ROOT

    Donazioni a WhatsApp? Lui l’ha scaricato una volta quando poteva pagare per sempre, perché dovrebbe pagare ulteriormente? Basta non rubare e punto. Non rigirare la frittata a tuo favore…

  • Nicolò Barone

    Cosa sono i servizi B2B? Ho riletto l’articolo due volte, ma non ho ancora capito.

  • Lorenzo Demarchi

    E comunque tanto da ora in poi è gratis, quindi perché scaldarsi? Nessuno lo pagherà più. E cercate di passare a Telegram il più in fretta possibile, che quella società donazioni da me le ha ricevute, perché meritate

  • nonlocommando

    Molti commenti compaiono dopo 🙂 Quello che mi ha “stonato” è stata l’aggressività con cui hai risposto a Gabriele (una caduta di stile).

  • nonlocommando

    Si si li ho letti, che bisogna farci… purtroppo c’è sempre chi è più furbo degli altri..

  • nonlocommando

    Per un periodo è stato gratuito (2010 mi pare)
    EDIT, probabilmente in più di un’occasione

  • ROOT

    Ahaha certo, da ora in poi sarà gratis, ma finché costava 99 centesimi all’anno ti sei rifiutato di pagarli utilizzando escamotage non ufficiali e illegali. Hai usufruito di questo programma gratis, quindi hai rubato. Non c’entra niente se da ora in poi non costerà un centesimo. Se non volevi pagarlo non dovevi utilizzarlo sin dall’inizio.

  • Stefano

    purtroppo poca gente si rende conto che il cellulare inserito su Facebook spacciato da fb per rendere più sicuro il login di fb in caso di smarrimento credenziali comunica con whatsapp e troppo spesso inserendo un cellulare in rubrica ci si ritrova della gente semisconosciuta tra annunci di lavoro o mercatino delle pulci che non solo vedono se avete o no whatsapp ma Facebook suggerisce alle controparti nella lista delle persone che si possono conoscere su Facebook. A mio avviso whatsapp andrebbe cancellato come la peste nera

  • Danilo Pirazzoli

    Non è il primo di Aprile oggi, vero?

  • Lorenzo Demarchi

    Ok va bene, ho rubato 2 euro, cosa mi fanno ora? Un processo? Voglio trovarlo uno di voi che ora mi critica se in tutta la propria vita non si è mai avvantaggiato di 2 euro, probabilmente molti avranno rubato di più senza neanche accorgersene da quanto erano infime le cifre (come lo è questa).. Chi è senza peccato scagli la prima pietra

  • Leandro Rocchi

    Se tutti facessero come te non esisterebbero più i team di sviluppo e morirebbero progetti interessanti come lo stesso whatsapp.. Ricordatevi che chi ha creato Whatsapp (o qualsiasi altro software/gioco) ha investito tempo e denaro.. craccare i loro prodotti equivale a derubarli ne più ne meno.. poco importa se rubi 99 centesi, ma rubi comunque ad un gruppo che si è fatto un mazzo per tirare fuori un prodotto

  • Leandro Rocchi

    è una questione di principio, perché persone come te sono quelle che usano Cydia per scaricare giochi e programmi craccati, che modificano la playstation per avere i giochi masterizzati, che usano il pc per avere la roba copiata..etc etc.. io posso capire se tu fossi un ragazzo giovane (un quindicenne ad esempio) senza una indipendenza economica e che ripieghi su questi mezzi per poter avere questi servizi..ma da persona adulta non tollero che si rubi il lavoro e il sudore altrui.. c’è gente che ha passato ore e nottate della propria vita per tirare fuori un prodotto software in cui credeva..e vedere gente che in 10 minuti lo prendono copiato senza ripagare il sudore e la fatica mi fa andare in bestia

  • Alessandro

    Perché nel frattempo hai rubato un applicazione. In teoria dovresti ridare i 99 cent per ogni anno in cui li hai rubati, più danni. Ma vabbè, tanto a te non frega del fatto che per un periodo hai effettivamente rubato un prodotto, non ti senti in colpa.

  • StarLord

    O più semplicemente basta avere più coscienza delle cose ed evitare di fornire dati sensibili (come il numero di telefono) sui social network, evitando complicazioni di ogni sorta

  • ROOT

    Cosa centra? Loro con questi “insignificanti” 2 euro ci vivevano…
    Ma di sicuro non te ne frega niente, quindi…

  • rhakekel

    Comunque lo trovo scorretto per chi come me ha sottoscritto l’abbonamento quinquennale. E non di certo per le 3 euro, ma per la malafede. Una scelta del genere non viene decisa di certo dall’oggi al domani, date le cifre da capogiro che ci sono in ballo. Noi lo abbiamo saputo soltanto oggi, ma ovviamente lo avranno pianificato da almeno un anno. In quest’anno avrebbero potuto ad esempio togliere gradualmente l’opzione all’abbonamento quinquennale e poi quello triennale.
    In questo modo si “son fatti belli” con un servizio reso gratuito dall’oggi al domani, ma in realtà hanno RUBATO miliardi di euro all’utenza, facendola di fatto “felice e cornuta”.

    Comunque c’è poco da festeggiare: Non abbiamo ancora capito che non ci regala nulla nessuno.
    Nella migliore delle ipotesi, dovremo sorbirci fiumi di pubblicità, da rimuovere solo con l’acquisto della versione pro 😉
    Ne vedremo delle belle.

  • ROOT

    Business-to-business, spesso indicato con l’acronimo B2B, in italiano commercio interaziendale, è una locuzione utilizzata per descrivere le transazioni commerciali elettroniche tra imprese, in opposizione a quelle che intercorrono tra le imprese ed altri gruppi, come quelle tra una ditta e i consumatori/clienti individuali (B2C, dall’inglese Business to Customer o Business to Consumer, in italiano vendita al dettaglio) oppure quelle tra una compagnia e il governo (B2G, dall’inglese Business to Government, lett. “azienda-verso-governo).

  • ROOT

    No, leggi l’articolo. Non è previsto l’inserimento di pubblicità, bensì servizi B2B.

  • Mi sono scusato per l’appunto.

  • rhakekel

    Appunto.

  • Cioè offriranno servizi alle imprese, in modo che le imprese possano usare Whatsapp come canale ufficiale ad esempio per l’assistenza clienti – prima cosa che mi viene in mente. Ad oggi non si poteva fare direttamente. Quindi spostano il business model da una fee per gli utenti finali, ad un reddito basato su servizi aziendali fondamentalmente.

  • E’ esplicitamente esclusa la pubblicità. Offriranno altri servizi B2B.

  • ROOT

    Tu hai detto:

    “Nella migliore delle ipotesi, dovremo sorbirci fiumi di pubblicità, da rimuovere solo con l’acquisto della versione pro 😉
    Ne vedremo delle belle.”

    Per questo ti ho risposto che non è previsto l’inserimento di pubblicità, ma offriranno SOLO servizi B2B.

  • rhakekel

    Non è una buon cosa. Il B2B presuppone delle partnership. Potrebbe diventare una sorta di Facebook: dati utente ceduti alle multinazionali. Ancora è presto per fasciarsi la testa, ma io a naso avrei preferito lasciare tutto per com’era.

  • Ammesso che non stia già accadendo ora…

  • nonlocommando

    se leggevo le tue scuse subito neanche ti “attaccavo”, ma i commenti non essendo immediati mi hanno fatto pensare male 🙂
    Anche io ti chiedo scusa, avrei dovuto aspettare un pochino prima di commentare.

  • Alba ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    Grande trovata quella del canone Rai – così o paghi o paghi… perché la tv ce l’hanno tutti e chi non ce l’ha lo dimostra e non paga ma se dichiara il falso va al fresco.

  • Forla

    quindi nessuno di voi ha mai scaricato un film, una serie tv o una canzone… un po’ di coerenza dai…..

  • Rico

    L’italiano medio: classico lamentone e criticone che si fa bello con il cellulare all’ultima moda, ma che poi piange se deve pagare 99 cent l’anno per un’applicazione.
    Con whatsapp non so quanti soldi ho risparmiato in anni non pagando gli sms( e adesso anche telefonando)… Pagherei anche 30 euro l’anno per una applicazione ben fatta e che fa bene il suo lavoro!!!
    La gente fa veramente pena!!!!

  • Leandro Rocchi

    Si ed è sbagliato e personalmente non ne vado fiero. Ora che ci sono servizi che tutto sommato non costano niente (come Netflix o Spotify) , giuro, NON scarico più niente. E se un film o un album musicale mi piace in particolar modo lo acquisto anche fisicamente. Per quanto riguarda i videogiochi li compro tutti originali fin dall’epoca PS1. Preferisco averne pochi ma originali.

  • Sam

    Per quanto mi riguarda, il problema esisterebbe anche se si pagasse un centesimo all’anno. Non ho una carta collegata al mio account quindi non saprei come pagare. Se facessero pagare le app col credito telefonico, per me, sottolineo per me, non ci sarebbe il minimo problema.
    Poi l’italiano medio si sente sempre fregare…mentre le inchiappettate se le prende altrove..

  • Alessandro

    Si, per carità. Però è una cosa nata dal fatto che c’è gente che vuole avere il servizio/prodotto e non pagarlo. Perché a chi ha sempre pagato il canone, cambierà poco.

  • Alba ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    Appunto – lo so. Però onestamente sono stufa di pagare per gli altri che si vantano anchedi non pagare il canone (a spese di noi paganti) e ora sarebbe lo stato ladro che ha impedito a chi ruba a noi che paghiamo sempre, di rubare…. Mahhh. Una delle poche cose fatte benissimo e dovrebbe essere solo l’inizio. Ora tocca fare qualcosa per la spazzatura.

    Scusate lo sfogo ma odio pagare per gli altri contro la mia volonta e poi mi ridono anche in faccia…

  • nicola

    E CHI HA PAGATO IN ANTICIPO PER TRE ANNI????

  • Robert C

    Ahahahah scusate ma ora mi faccio una bella risata. E brava a Whatsapp, speriamo che perda allora sempre più punti così la gente si sveglierà dal torpore di un’app obsoleta :))))

  • Robert C

    E basta con sta “regola”! Quindi chi inventò il VHS fu il primo e perciò non si cambia? Dai su. Ti pesa davvero così tanto tenere su un telefono due app per comunicare? PAssa al meglio, non è difficile.

  • Ste

    Ci sono sempre le iTunes Card.

  • Saccente

    Se vogliono che usi il loro prodotto mi devono pagare 500 euro. Tanto vale un profilo.

  • Marco

    Escludendo i soliti commenti ridicoli da asilo infantile, hanno fatto bene e spostano il loro business verso le aziende, forti della enorme utenza attuale.
    Una buona mossa contro la concorrenza.

  • Alessandro

    Sono d’accordo con te. Lo schifo è che si credono pure furbi e se ne vantano in giro.

  • Dario Leo

    Mha sarà. Comunque la cosa mi puzza…. Vedrai che non tarderà ad arrivare la pubblicità proprio perché secondo me questo B2B ( ancora devo capire bene come produrrebbe denaro ) non è proficuo. Spero di sbagliarmi se no addio a 5 account WA

  • Secondo me no invece, proprio perché Whatsapp ha da sempre avuto una politica estremamente avversa alla pubblicità (i fondatori sono due ex di Yahoo che lavoravano nel mercato della pubblicità digitale e non ne potevano più). I servizi B2B saranno ben altri, ad esempio offrire Whatsapp per l’assistenza clienti o analoghi servizi enterprise.

  • VHS è stato superato da una nuova tecnologia, il DVD, e poi a sua volta è stato superato (cioè dei quantum leap di innovazione). Invece Telegram è un surrogato si Whatsapp, non è una nuova tecnologia radicalmente rivoluzionaria.

  • E’ una questione di principio, non di grandezze.

  • Dario Leo

    Speriamo. Sai come dice il mio principale?! Chi vivrà vedrà XD

  • Zoendav

    Il canone Rai mi obbligano a pagarlo anche se non lo guardo! E aggiungo che comunque non mi da un servizio di imparzialità politica in quanto questa al limite sarebbe l’unica ragione per cui avrebbe un senso finanziare una televisione pubblica! Quindi appunto non c’è nemmeno quel motivo per pagare il canone…
    Ma non si può paragonare con WhatsApp che invece lo decido io se acquistarlo o meno…

  • viktor

    Era ora

  • Kravinsky

    Ma che paragone idiota è, si parla di due programmi fondamentalmente identici mica di progresso tecnologico.
    E poi il tuo commento non ha assolutamente senso, dato che ho già scritto che uso Telegram da tempo e WhatsApp lo tengo sull’iPhone solo per esigenza nei confronti di chi non usa Telegram. Bah.

  • Giorgio

    vabbeh dai … Perdo soltanto due anni rimanenti di abbonamento. Va bene così.
    Spero soltanto che si diano pure una mossa a creare la versione per iPad

  • Mirko Ernoni

    cioè non ho capito, i nostri numeri li rendono pubblici alle aziende che fanno poi pubblicità o simili?
    ma che c?

  • Rossiccio89

    cos ha telegram in più? lo chiedo perche leggendo sotto tante persone parlano che ha cose in più ma quali ? =) scusate l ignoranza =)

  • Pietro

    Non capisco a questo punto come guadagneranno. La teoria delle Aziende che pagano è verosimile ma secondo me poco applicabile. Cioè whatsapp è una app non sono ne obbligato ad installarla ne tantomeno ad usarla qandi se prenoto un volo o se la banca mi deve contattare mi chiama o mi scrive un sms visto che , ripeto non e’ obbligatorio averla.
    Ovviamente ce l’ho perchè ce l’hanno tutti. Personalmente per il piano che ho con sms illimitati la trovo, ad oggi, un sistema per diminuire l’autonomia dell’iphone…ma non sono un troglodita quindi se gli amici la usano mi adeguo.

  • Pietro

    Io non l’ho notato ma sinceramente non me ne interesserebbe. Insomma mica posso seguire la gente a secondo di quale app di messagistica preferisce. Si stà arrivando ad i paradossi. Quindi se ho 3 amici uno che usa imessage uno whatsapp uno telegram io mi devo sbattere con 3 apps diverse? Per il mio carattere che mi mandino sms a questo punto o se interessati mi chiamano 🙂

  • un sacco di faccine fighe e i messaggi che si autodistruggono che sono antisgamo per la fidanzata! ahahah

  • Robert C

    Dai su cerca di capire il senso! Ovvio che se ti addentri nello specifico il paragone non è molto calzante, ma il senso si.

  • Robert C

    Dai su cerca di capire il senso!

  • Non ha senso il tuo commento! Paragoni due tecnologie equivalenti ad un salto tecnologico, non solo non è calzante, è proprio fuorviante. Avrebbe avuto più senso paragonare VHS vs Betamax, oppure BluRay vs HD DVD, o qualsiasi altro esempio di guerra tecnologica tra due formati tecnologicamente equivalenti, in cui poi l’ha spuntata non per forza il migliore, ma quello che si è aperto un varco più ampio nel mercato riuscendo a imporsi come standard.

    Ti lascio due link:
    https://en.wikipedia.org/wiki/Videotape_format_war
    https://en.wikipedia.org/wiki/High_definition_optical_disc_format_war

  • Alessandro

    Purtroppo il canone non è per guardare i canali Rai, ma è per il possesso di apparecchi in grado di riprodurli. Che di per sé è una frase senza alcun senso, ma pur di fregarci quei soldi sarebbero capaci di mettere la dicitura “per il possesso di organi (occhi) in grado di guardare i programmi dei canali Rai”. Un po’ come pagare la SIAE perché sul cellulare ho un Hard Disk.

  • Rossiccio89

    ok ok XD tutte cose di cui possiamo fare a meno su =) da ciò che mi dici quindi le persone sotto hanno ingigantito i pregi di quel programma quando le differenze sono minime XD

  • Kravinsky

    Sì ma non ha comunque senso, dato che quello che ho scritto in precedenza.

  • Kravinsky

    Il punto è un altro.
    Se su 20 contatti preferiti che hai, 15 usano WhatsApp e 5 Telegram, tu cosa fai? L’alternativo che usa Telegram da solo? No, è ovvio che opterai anche (o solo) per WhatsApp per questione di comodità.
    Io uso Telegram, ma WhatsApp sono “costretto” a tenerlo ugualmente sul telefono per la questione che ti ho spiegato. Gli SMS ormai sono l’ultima spiaggia per quasi tutte le persone.

  • lorenzo

    In alternativa ci sono gli sms

  • Robert C

    Siete noiosi quanto gli update di Whatsapp… ahahaha ;))

  • Kravinsky

    Mah.

  • Patrick Padova

    Ma tutti chi? 😀

  • Enrico Forti

    Ma lo capite che il problema non sono gli 89 centesimi all’anno? Il problema è che uno deve mettere la carta di credito(che i giovani non hanno ) oppure comprarsi la tessera iTunes Store… Ma sinceramente non andrei a spendere 15 euro di una carta App Store(il minimo è 15) per pagare gli 89 centesimi di whasapp!

  • ROOT

    Ti allego un link dove spiegano i vantaggi di Telegram rispetto a WhatsApp: https://www.androidpit.it/telegram-migliore-whatsapp-motivi

  • Rossiccio89

    grazie ma resto della mia opinione XD cioè le uniche cose positive che leggo sono a quanto dicono maggior sicurezza (non sto a questionare sul come quando e perchè) e l utilizzo su altri dispositivi, che diciamolo farebbe comodo poter usare whatsapp su ipad quando lo stiamo usando =) ma insomma le altre cose quali registrazione intuitiva magari potevano evitare di scriverlo dato che nel 2016 non la vedo una cosa ardua mettere il numero di telefono e scrivere un codice di autenticazione ahahah =) stessa cosa per i file non credo che gli utenti IOS si mandino film o canzoni ma insomma dipende dall uso che se ne fa =) cosi leggendo mi pare un ottima risorsa più per android che per IOS =)

  • Robert C

    Non credo ti pesi molto installare anche Telegram… pensa se tutti ragionassero come te aspettando il “miracolo”. Dai su, ognuno di voi “attendisti” iniziate ad averla e vedrete che saremo alla fine TUTTI 😉

  • Robert C

    Avere entrambi è già qualcosa! E pensa poi se lo facessero tutti quelli che fanno gli “attendisti”. Dai forza e coraggio che installare un’app per comunicare su un dispositivo fatto per comunicare non è una cosa strana… chissà quante app senza senso hanno tutti e poi si fa tanta fatica ad aggiungerne una buona… :))))

  • ROOT

    Non sono d’accordo ma rispetto la tua opinione.
    Telegram ha tante piccole migliorie rispetto a WhatsApp che rende quest’applicazione superiore alla competenza, non solo a WhatsApp tipo: possibilità di inviare le foto con la risoluzione originale invece di comprimerle, applicazione disponibile in qualsiasi piattaforma (altro che WhatsApp Web), sicurezza superiore di WhatsApp (opzione di autodistruggere i messaggi inviati, bloccare l’applicazione con codice), opzione di chattare attraverso un nickname invece di dover dare il numero di telefono a tutti, possibilità di inviare GIF animate, possibilità di creare gruppi da 200 persone e molte altre caratteristiche che lo rendono migliore di WhatsApp.
    Purtroppo ti sei limitato a guardare solo il primo punto dell’articolo che ti ho allegato perché se lo leggi tutto ti renderai conto che è davvero un’ottima applicazione. ??

  • Giulio Latini

    Non ho capito..

  • Giulio Latini

    Meglio perché io con la gente meno informata non ci voglio parlare…
    Mi fanno perdere tempo…

  • Giulio Latini

    Nicolò caro, hai ragione, ma vedi purtroppo c’è l’ho pure io “la gente meno informata ti fa perdere tempo”. Il problema non è tanto informarli, per questo uno fa dei siti di informazione come questo, iPhone Italia, oppure Wikipedia… di certo è scomodo informarli uno a uno personalmente. Il problema principale cmq è che i non informati parlano E fondamentalmente non hanno argomentazioni per cui cercano di farti passare le loro teorie per buone, vorrebbero pure magari che la pensi come loro… Tanto vale che ci facciano una lobotomia.

  • Giulio Latini

    Hai ragione , ma vedi purtroppo a rispondergli hai perso tempo….

  • Alessandro

    C’è gente che si compra l’iPhone e tiene disattivi gli iMessage, perché tanto ha Telegram o Whatsapp.

  • Rossiccio89

    Leggere ho letto tutto ma non ho trovato il discorso di 200 persone XD forse nei commenti comunque ottima cosa che mi dici è la compressione delle foto che mandarle in dimensione originale è un ottima cosa =) poi il resto continuo a dire sicurezza non ne parlo perchè non posso parlare di sicurezza senza aver visto codici test ecc.. ma cmq dico ti serve veramente che i messaggi si cancellino da soli? XD e un gruppo di 200 persone a cosa serve realmente ?XD boh non sò.. dipende tanto da cosa si vuol fare alla fine io da utente IOS non ho bisogno di mandare file di 1,5gb o non so fare chat di 200 persone in cui ci sarebbe solo caos e stesso discorso non ho bisogno di far sparire i messaggi perchè sono un agente segreto o faccio i cornoni alla donna XD insomma grazie per aver aggiunto cose che io nell articolo non ho trovato =) almeno so le differenze =) Grazie 🙂
    p.s. mi pare che pure whatsapp abbia i messaggi criptati dal lontano 2014 mi sembrava di averlo letto da qualche parte =) a ecco lo aggiungo https://www.whatsapp.com/faq/?forum=general&entry=21864047&l=it

  • ROOT

    Allora ribatto punto per punto così da farti un’idea di com’è questa applicazione: inizio nel dire che esistono anche i supergruppi che supportano fino a 1.000 persone rispetto alle 200 persone supportate dai gruppi “normali”.
    Qua il sito ufficiale dove riporta questa notizia: https://telegram.org/faq/it#domande-generali
    Per quanto riguarda la sicurezza te lo spiego meglio: Telegram è più sicuro delle applicazioni di messaggistica di massa come WhatsApp e Line. Telegram si basa sul protocollo MTProto, costruito utilizzando algoritmi testati a lungo per rendere la sicurezza compatibile con una grande velocità e affidabilità. Lavorano costantemente con la community per migliorare la sicurezza del loro protocollo e dei loro client.

    In più le speciali chat segrete di Telegram utilizzano la crittografia end-to-end, non lasciano tracce nei loro server, supportano l‘autodistruzione dei messaggi e non permettono l’inoltro. Inoltre, le chat segrete non fanno parte del cloud di Telegram e vi si può accedere solo dal dispositivo di origine.

    Telegram supporta due livelli di crittografia. La crittografia server-client che è usata nelle Chat Cloud (chat private e di gruppo) mentre le Chat Segrete utilizzano un ulteriore di livello di crittografia client-client. Tutti i dati, a prescindere dal tipo, sono crittografati nella stessa maniera — sia che siano testi,media o file.

    La loro crittografia è basata sulla crittografia AES simmetrica a 256-bit, sulla crittografia RSA 2048 e sullo scambio di chiavi di sicurezza Diffie-Hellmam.

    Forse ti chiederai perché dovresti fidarti di Telegram: Telegram è aperto, chiunque può controllare il codice sorgente, il protocollo e le API, vedere come tutto funziona e prendere una decisione ragionata. Infatti, loro danno il
    benvenuto agli esperti di sicurezza per rivedere il loro sistema e apprezzano ogni feedback.

    In più, Telegram è un servizio no profit, quindi gli interessi economici non interferiranno mai con i loro obiettivi.

    Ti lascio la fonte ufficiale con moltissimi dati interessanti: https://telegram.org/faq/it#d-quanto-sicuro-telegram

    Spero di non essermi dilungato troppo; ribadisco: tutti i servizi sono molto validi comunque preferisco Telegram.

    Ti allego la pagina ufficiale dei FAQ di Telegram dove puoi trovare TUTTE le prove che chiedevi sulla superiorità di quest’applicazione rispetto alla competenza: https://telegram.org/faq/it

  • Giulio Latini

    Ora ho capito, si è assurdo tenere disattivo iMessage

  • ROOT

    Qual è la differenza tra Telegram e WhatsApp?
    Diversamente da WhatsApp, Telegram è un servizio di messaggistica basato sul cloud con sincronizzazione istantanea. Il risultato ti permette di accedere ai tuoi messaggi da diversi dispositivi contemporaneamente, inclusi tablet e computer, e condividere un numero illimitato di foto,video, file (doc, zip, mp3, etc.) con dimensioni fino a 1,5 GB per ogni documento. E se non vuoi salvare dati nel tuo dispositivo, puoi sempre tenerli nel cloud.

    Grazie alla loro infrastruttura con più data center e alla loro crittografia, Telegram è anche più veloce e molto più sicuro. Oltretutto, Telegram è gratuito e lo sarà per sempre — nessuna pubblicità, nessun costo di abbonamento, per sempre.

    La loro API è aperta, e gli sviluppatori che creano la propria app di Telegram sono i benvenuti. Hanno anche un’ API per i Bot, una piattaforma per sviluppatori che consente a ognuno di creare strumenti personalizzati per Telegram.

    E questo è solo la punta dell’iceberg.

  • Plissk3n

    Quoto,condivido e te lo appoggio…. -_-

  • Pingback: WhatsApp vs Telegram vs Facebook Messenger vs iMessage: qual è l’app di messaggistica migliore? - iPhone Italia Blog()

  • Pingback: WhatsApp vs Telegram vs Facebook Messenger vs iMessage: qual è l’app di messaggistica migliore? | maticciofive()