AirPods Pro 2, ottima la cancellazione del rumore

Scopriamo le prime opinioni da chi ha già testato gli AirPods Pro di seconda generazione.

Dagli Stati Uniti arrivano le prime recensioni sugli AirPods Pro di seconda generazione.

airpods pro 2

Gli AirPods Pro di seconda generazione presentano una qualità audio migliorata, una maggiore durata della batteria e una cancellazione del rumore fino a due volte superiore rispetto agli AirPods Pro precedenti. Sono inoltre dotati di controlli touch per gestire il volume, di un nuovo sensore integrato per il rilevamento della pelle che attiva o disattiva la riproduzione audio con maggiore precisione e di una nuova opzione di auricolari XS.

Troviamo anche una custodia di ricarica aggiornata con altoparlante incorporato e chip U1 per il supporto a Find My con Precision Finding, un’apertura per collegare un cordino per facilitare il trasporto e resistenza all’acqua e al sudore con grado IPX4. Oltre che tramite Lightning e MagSafe, la custodia può ora essere ricaricata anche con un caricatore per Apple Watch.

Chris Welch di The Verge ha dichiarato che ci sono miglioramenti “sostanziali” nella cancellazione attiva del rumore:

Apple ha apportato notevoli miglioramenti alla cancellazione attiva del rumore. L’azienda afferma che, in media, la nuova implementazione è fino a due volte più efficace degli AirPods Pro originali. Pur non disponendo di strumenti di misurazione scientifici, questa affermazione non sembra irrealistica.

Nel nostro ufficio, ho recentemente cambiato scrivania e ora siedo vicino a una bocchetta d’aria che emette un fruscio persistente. Gli AirPods Pro originali ne lasciano traccia in modalità di cancellazione del rumore, ma con la seconda generazione tutto è completamente silenzioso e impercettibile. Posso ancora sentire i colleghi che chiacchierano se si avvicinano alla mia scrivania, ma nella maggior parte dei casi gli AirPods Pro mi garantiscono la massima serenità.

Ho notato miglioramenti anche durante gli spostamenti in metropolitana, e il rumore della strada si fa sentire meno quando si attraversa Brooklyn ogni giorno.

Welch ha notato anche una migliore qualità del suono in generale:

Parliamo subito della qualità del suono. Apple ha completamente ridisegnato l’amplificatore e il driver degli AirPods Pro, che pur avendo le stesse dimensioni di 11 millimetri degli AirPods di terza generazione, hanno un suono superiore e offrono l’uscita più pulita e dinamica di tutti gli AirPods fino a oggi.

Billy Steele di Engadget ha notato una durata della batteria di circa sei ore:

Durante i miei test, sono riuscito a ottenere sei ore e quindici minuti di utilizzo con un mix di cancellazione del rumore, modalità trasparenza e chiamate. Si tratta di un risultato superiore a quello della generazione precedente (4,5 ore) e alla pari con la maggior parte della concorrenza. Certo, alcune aziende offrono più di 10 ore con una carica, ma la media è di circa 5-7 ore per i prodotti con cancellazione del rumore che ho testato. Una maggiore durata della batteria sarebbe sempre gradita, ma le sei o sette ore che Apple riesce a ottenere sono sufficienti per superare la giornata lavorativa se ci si concede una breve pausa.

Andrew Liszewski di Gizmodo ha dichiarato che la nuova funzione di controllo del volume basata sul movimento del dito direttamente sullo stelo dei due auricolari è un aggiornamento gradito, ma a volte può essere un po’ difficile da gestire:

Si tratta di un aggiornamento interessante, ma che purtroppo ho trovato un po’ complicato da far funzionare. A volte ha richiesto un paio di passaggi prima che accadesse qualcosa. Poiché in genere detesto dover toccare gli auricolari mentre li indosso (inevitabilmente si staccano un po’), probabilmente continuerò a usare i comandi vocali di Siri per regolare il volume o saltare i brani (l’unica cosa che Siri sa fare molto bene).

Altri come Patrick O’Rourke di MobileSyrup hanno invece detto che il controllo del volume basato sul tocco è la loro funzione preferita degli AirPods Pro, in quanto offre un’esperienza di ascolto più comoda:

In base alla mia esperienza, i nuovi comandi a sfioramento del volume degli AirPods Pro sono estremamente reattivi e funzionano con modifiche minime. Se, ad esempio, si desidera abbassare o alzare il volume solo di una o due tacche, è possibile farlo con un breve passaggio. I controlli sono inoltre contrassegnati da un leggero rumore di scatto, che indica che sono attivi e funzionanti. Durante i giorni trascorsi con gli AirPods Pro non ho riscontrato pressioni accidentali, anche quando ho premuto a lungo sullo stelo per attivare/disattivare la cancellazione attiva del rumore o ho premuto due volte per passare da un brano all’altro.

O’Rourke ha aggiunto che la funzione Audio spaziale personalizzato di iOS 16 non è molto evidente:

In teoria, mi piace l’idea che l’audio sia sintonizzato in modo specifico sulla forma dell’orecchio, ma in pratica non fa molta differenza. Vale anche la pena di notare che, mentre apprezzo molto l’audio spaziale quando guardo film o programmi televisivi su piattaforme come Apple TV+, lo trovo poco efficace con la musica, soprattutto quando un brano non è stato originariamente registrato con questa tecnologia in mente ed è stato rimasterizzato.

Parker Hall di WIRED ha detto che il nuovo altoparlante integrato nella custodia di ricarica “suona abbastanza forte” per aiutare la localizzazione tramite l’app Dov’è, ma avrebbe voluto che la custodia avesse una porta USB-C per la ricarica via cavo invece del solito connettore Lightning:

Gli auricolari più avanzati di casa Apple sono disponibili in preordine sul sito ufficiale Apple e su Amazon al prezzo di 299€, anche a rate.

Apple iPhone 14 Plus in pre-ordine su

News