Gli iPhone di oggi costano quasi il doppio rispetto al 2007 e i profitti aumentano

Acquistare un iPhone nel 2021 costa oltre l'80% in più rispetto a qualche anno fa.

Dal suo lancio avvenuto nel 2007, il prezzo dell’iPhone è aumentato di oltre l’80% in gran parte del mondo a tutto vantaggio dei profitti.

Secondo uno studio condotto da Self, oggi acquistare un iPhone costa circa 400 dollari in più rispetto al 2007, con un aumento dei prezzi che supera l’80% nella maggior parte dei paesi in cui è disponibile lo smartphone. Per la precisione, l’iPhone 13 Pro Max costa 437$ in più rispetto al primo iPhone rilasciato da Apple nel 2007.

Ovviamente, questo aumento dei prezzi è legato sia alle tecnologie sempre più avanzate che vengono integrate sugli iPhone, sia all’inflazione che è aumentata nel corso degli ultimi 14 anni. Dallo studio, emerge però che Apple ha aumentato i prezzi degli iPhone di circa il 26% in più rispetto ai tassi d’inflazione di gran parte dei paesi. Questo significa che acquistare un iPhone di punta costa 154$ in più in termini reali rispetto al primo modello.

Per quanto riguarda l’Italia, l’aumento di prezzo al netto dell’inflazione è stato del 27,88%.

Questa politica dei prezzi ha consentito ad Apple di avere il più alto profitto in assoluto nel mercato degli smartphone, malgrado l’iPhone non sia il dispositivo più venduto in assoluto. Basti pensare che, nel secondo trimestre dell’anno, gli iPhone hanno rappresentato solo il 13% delle spedizioni globali, ma se si guarda ai profitti la storia è completamente diversa.

Counterpoint afferma infatti che gli iPhone hanno rappresentato il 40% delle entrate globali degli smartphone e ben il 75% dei profitti. Si tratta di dati impressionanti, anche se sono inferiori rispetto a quelli del quarto trimestre del 2020, quando i profitti arrivarono all’86% grazie soprattutto alla novità 5G sugli iPhone 12. Il restante 25% è diviso soprattutto tra Samsung e Xiaomi.

Lo studio fa poi notare che Apple beneficia anche della interoperabilità dei suoi dispositivi:

La comodità con cui si può passare da un Mac, un iPad e un iPhone incoraggia gli utenti di un dispositivo Apple a rimanere all’interno dell’ecosistema dell’azienda, acquistando altri dispositivi del brand. Ciò è reso possibile dal controllo significativo di Apple sia sull’hardware che sul software, consentendo la sincronizzazione senza interruzioni tra i vari dispositivi. È probabile che Apple mantenga questo vantaggio, consentendole di continuare a far pagare prezzi premium per i suoi telefoni, mantenendo così elevati margini di profitto operativo.

L’alta redditività di Apple riflette il fatto che l’azienda vende solo dispositivi premium, mentre molti marchi Android vendono telefoni anche a basso costo, limitando di fatto i profitti operativi. Non a caso, Apple detiene il 57% del mercato degli smartphone da oltre 400 dollari.

a una gamma di prezzi, alcuni dei quali sono a malapena redditizi o addirittura perdono denaro. La società ha notato il mese scorso che Apple aveva una quota del 57% del mercato degli smartphone da oltre 400 dollari.

Apple Watch Series 7 in sconto su

News