Federighi difende il sistema anti-tracciamento di iOS 14

Craig Federighi di Apple difende il nuovo sistema anti-tracciamento in arrivo nel 2021 su iOS 14.

Craig Federighi afferma che il sistema anti-tracciamento pubblicitario di iOS 14 è un valore fondamentale di Apple e che i timori degli inserzionisti si dimostreranno infondati.

federighi

A seguito della dichiarazione di Apple di essere “pienamente impegnata” nella sua funzione di privacy ATT (App Tracking Transparency), Craig Federighi ha appoggiato la scelta dell’azienda affermando che fa parte di quelli che sono sempre stati i valori fondamentali di Apple.

Abbiamo introdotto la funzione anti-tracciamento diversi anni fa, e all’epoca parti del settore pubblicitario dicevano che la loro attività sarebbe stata distrutta dal fatto che non potevano più tracciare tutti. Beh, se si guarda a cosa è successo all’industria, tutto questo non è mai avvenuto e allo stesso tempo abbiamo anche protetto la privacy degli utenti.

Inoltre, Federighi si aspetta che questa nuova funzione venga ripresa anche dai concorrenti.

Poiché abbiamo dimostrato ai clienti l’efficacia di questo tipo di protezione della privacy … inizieranno a richiederla anche ad altri produttori e il resto del settore dovrà adeguarsi.

Secondo Federighi, la decisione di Apple di ritardare l’introduzione di questa nuova funzione di controllo del tracciamento fino all’inizio del 2021 è stata interamente dovuta a problemi tecnici. Secondo quanto riferito, la decisione di Apple sembra sia legata al fatto di voler dare più tempo agli sviluppatori.

Per adeguarsi a questa funzionalità, gli sviluppatori dovranno richiedere l’autorizzazione agli utenti prima che l’IDFA (ovvero l’identificativo per il tracciamento pubblicitario) venga utilizzato per monitorare il loro comportamento e le loro preferenze sulle app e sui siti web in ottica di pubblicità mirata. Senza autorizzazione, gli utenti continueranno a ricevere pubblicità casuali, mentre con l’autorizzazione gli advertiser cercheranno di mostrare solo annunci pertinenti ai propri gusti ed esigenze.

Federighi sostiene inoltre che Apple abbia già creato l’SKAdNetwork, un sistema alternativo per fornire agli inserzionisti informazioni che non comprometteranno gli utenti.

News