La musica streaming continua a crescere, record negativo per i download digitali

Nuovi dati confermano che la musica streaming sta trainando l'intera industria negli Stati Uniti.

La Recording Industry Association of America ha pubblicato il consueto studio annuale sulle entrate dell’industria musicale durante il 2019. Non sorprende che la musica streaming continui a crescere, con un aumento del 25% rispetto al 2018.

entrate musica 2019

I nuovi dati della RIAA confermano il grande momento dello streaming musicale, che di fatto sta trainando l’intero mercato USA. In totale, l’industria musicale negli Stati Uniti ha registrato entrate per un valore di 11,1 miliardi di dollari nel 2019.

I servizi di musica in streaming a pagamento, come Apple Music e Spotify, hanno registrato 6,8 miliardi di dollari di entrate nel 2019, con un aumento del 25% su base annua. Questo significa che i servizi streaming a pagamento ora rappresentano il 61% di tutte le entrate dell’industria musicale. Se combiniamo questo dato con i servizi streaming supportati dalla pubblicità, raggiungiamo il 79% totale delle entrate negli USA.

Anche il numero totale di abbonati a pagamento è aumentato del 29% durante il 2019, passando da 46,9 milioni a 60,4 milioni, mentre le vendite dei supporti fisici calano ulteriormente del 10% fatta eccezione per i vinili, che crescono per il 14° anno consecutivo raggiungendo i 500 milioni di dollari di entrate.

Un dato molto interessante è la caduta dei download digitali, che non registravano un dato così negativo dal 2006. Tra i più colpiti c’è ovviamente iTunes, anche se Apple ha recuperato le perdite grazie ad Apple Music. Nel 2019, i download digitali hanno rappresentato solo l’8% delle entrate dell’industria musicale, addirittura meno dei supporti fisici.

Dati di vendita