Qualcomm chiede che Apple paghi una multa salata in Germania per il ban di iPhone

Continua la diatriba che vede contrapporsi Qualcomm ed Apple in Germania, dove il produttore di chip ha chiesto ed ottenuto il ban di iPhone 7 e iPhone 8. Qualcomm ora però contesta il fatto che questi dispositivi siano comunque disponibili in negozi indipendenti.

Gli avvocati di Qualcomm sostengono che Apple sta intenzionalmente sfidando l’ordine del tribunale, per chiedono multe significative per risolvere la questione. Apple ha infatti rimosso i modelli incriminati dal suo store, ma i dispositivi possono ancora essere acquistati attraverso altri rivenditori.

Il giudice Matthias Zigann ha stabilito il 20 dicembre 2018 che Apple ha violato i brevetti di Qualcomm sugli iPhone con i modem Intel. Inoltre il fornitore di Apple Qorvo ha violato un brevetto detenuto da Qualcomm, vitale per la conservazione della carica della batteria mentre il modem è attivo. Il divieto è applicabile solo in Germania, anche se Apple farà presto ricorso.

Attualmente Apple si affida ai modem Intel su tutta la linea di prodotti.

In merito alla vicenda si è espresso anche il consigliere generale di Intel, Steven Rodgers, secondo cui le autorità della concorrenza di tutto il mondo hanno ripetutamente trovato illegali le pratiche di licenza di Qualcomm, ma Qualcomm continua a cercare di ottenerne i diritti attraverso cause legali, spesso infruttuose.

Al momento, però, in attesa del ricorso di Apple in Germania, iPhone 7/8 non sono più disponibili alla vendita dallo scorso 4 gennaio.

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
News