Tasse arretrate e risarcimenti, il governo USA non potrà aiutare Apple in appello

18 maggio 2018 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha bloccato i tentativi del governo degli Stati Uniti di aiutare Apple nell’appello per la causa relativa al pagamento di tasse arretrate per un ammontare di circa 13 miliardi di euro. Intanto, Apple ha pagato la prima rata di questa ingente cifra.

Come riportato da Bloomberg, la Corte di giustizia ha confermato una sentenza del dicembre 2017, secondo la quale il governo degli Stati Uniti non era riuscito a dimostrare in che modo potesse avere un interesse diretto nella questione. Per cercare di convincere la Corte, gli Stati Uniti hanno affermato di avere un interesse legittimo nei confronti delle battaglie fiscali di Apple, in quanto la società potrebbe potenzialmente richiedere crediti di imposta per pagare i 13 miliardi di euro all’Irlanda. Il ministero del Tesoro degli Stati Uniti ha persino affermato che l’Unione Europea si sta trasformando in una “autorità fiscale sovranazionale“.

Ricordiamo che Apple è stata condannata al pagamento di 13 miliardi di euro di tasse arretrate per aver beneficiato di un illegittimo favore fiscale da parte del governo irlandese, in cambio di investimenti nel paese. Per diversi anni, Apple ha pagato tra lo 0.005 e l’1 percento di imposte sui profitti.

Intanto, Apple ha già versato in un conto di deposito 1.5 miliardi di euro come garanzia, in attesa che venga emesso il giudizio finale. Entro settembre, Apple dovrà versare a garanzia il resto della somma.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.