Apple Watch, in arrivo il supporto per le watch face di terze parti - iPhone Italia

Apple Watch, in arrivo il supporto per le watch face di terze parti

16 aprile 2018 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Sin da quando è stato presentato l’Apple Watch con relativo watchKit, gli sviluppatori hanno iniziato a chiedere di poter creare i propri quadranti da offrire agli utenti. Finalmente, sembra proprio che questa novità potrebbe arrivare molto presto.

Attualmente, solo le watch face vengono realizzate e condivise solamente da Apple, visto che gli sviluppatori non hanno la possibilità di creare dei propri quadranti. Uno dei motivi di questa scelta è il fatto che Apple vuole preservare l’esperienza utente ed evitare la fuoriuscita di centinaia di quadranti che poco si adattato al marchio e a watchOS. Anche guardando le watch face presenti attualmente su Apple Watch, si nota che le uniche eccezioni sono i quadranti Pixar e Walt Disney, realizzati comunque sempre dai designer di Cupertino.

Tuttavia, nel codice di watchOS 4.3.1 ci sono i primi suggerimenti su un’apertura di Apple verso la creazione di watch face anche da parte di sviluppatori terzi.


Un componente del NanoTimeKit, il framework Apple responsabile proprio dei quadranti, implementa ora un developer tool server progettato per comunicare con Xcode e pensato per consentire a terzi di realizzare le watch face.

La funzione non è ancora stata implementata, ma è molto probabile che questa novità venga presentata insieme a watchOS 5 durante la prossima WWDC di giugno.

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • MatteoV

    Mah. Chissà se poi implementeranno davvero tale possibilità, molto insolita per Apple. I quadranti di Apple “centellinati” con gli upgrade creano attesa e allo stesso tempo incentivano l’aggiornamento. Sono elementi di novità. Averne a disposizione all’infinito alla fine satura l’esperienza utente (anche perché siamo seri: alla fine si usano sempre quei due tre soliti quadranti). Sono curioso di capire se questa scoperta nasconde qualcosa che ci sfugge