Apple zaino in spalla per migliorare le mappe in Italia

Apple inizierà presto a raccogliere i dati a livello pedonale in alcune città italiane.

Dalla prossima settimana, gli abitanti di alcune città italiane potrebbero notare delle persone con un particolare zaino in spalla. Niente paura, si tratta di dipendenti Apple a lavoro per raccogliere i dati a livello pedonale da utilizzare in Apple Maps.

apple maps zaino

In particolare, i primi dati saranno raccolti nelle città di Roma, Milano e Como. Con questi speciali zaini, Apple è in grado di raccogliere dati dettagliati per migliorare Apple Maps, continuando quel lavoro di aggiornamento delle mappe che continua ormai da diversi anni.

Apple ha infatti percorso più di sei milioni di chilometri per ricostruire le sue mappe da zero e offrire mappe nettamente migliorate, con una copertura stradale più ampia, migliori dati pedonali, indirizzi più precisi e maggiori dettagli del territorio.

Come attività complementare alla raccolta di immagini tramite i veicoli che tanti di voi hanno notato anche in Italia negli scorsi anni, l’azienda inizierà ora a utilizzare un sistema portatile a zaino per raccogliere immagini e dati LiDAR nelle aree di Roma, Milano e Como dal 23 maggio al 25 luglio, nelle zone dove non è possibile accedere con l’auto.

Il sistema di raccolta dati pedonale è una versione più compatta del sistema di raccolta tramite veicoli, ma consente comunque di raccogliere immagini LiDAR. La raccolta dei dati con questi zaini può includere zone pedonali, parchi, piazze, stazioni di servizio e tanto altro, con i dati che possono essere utilizzati per creare mappe 2D.

Ovviamente, per tutelare la privacy Apple renderà irriconoscibili i volti e le targhe delle auto nelle immagini raccolte prima della pubblicazione.

Apple iPhone 13 Pro Max in sconto su

News