Apple è la prima azienda privata della storia da mille miliardi di dollari

One trillion dollar company. Questo campeggia già in tutti i notiziari americani. Un trilione di dollari (per gli americani). Mille miliardi di dollari per noi. Apple tocca una capitalizzazione record che sembrava, anni fa, irraggiungibile.

Era la metà degli anni 90 ed Apple era un’azienda ormai vicinissima al fallimento. Venne richiamato Steve Jobs, il prode sregolato visionario, mandato via pochi anni prima, a salvarla dalle ceneri. Ed il resto è storia, sono 20 anni di una veleggiata che ha reso le aziende della Silicon Valley tra quelle più influenti al mondo e tra queste c’è anche Apple.

Oggi, 2 Agosto 2018 a Cupertino si segna un altro record della storia della finanza e del capitalismo. Dopo aver segnato nel Q1 2018 il trimestre con il fatturato più alto della storia, la società, adesso guidata dall’erede di Steve Jobs, Tim Cook, è la prima azienda privata a raggiunge l’incredibile capitalizzazione di mercato sulla borsa di Wall Street di mille miliardi di dollari (il PIL della Spagna, tanto per dare un’idea, o il valore di 10mila Cristiano Ronaldo, se vogliamo stare sullo sportivo).

Mentre, se vogliamo fare un raffronto con i maggiori competitor, Google oggi vale 852 miliardi di dollari mentre Microsoft 829 miliardi.

Leggerete anche impropriamente tradotto, probabilmente, “triliardo di dollari” ma nel nostro sistema di misura il triliardo sono 1000 miliardi di miliardi (10^21).

C’è però un “ma”. La capitalizzazione di mercato in questo momento è un calcolo che ha risultati diversi a seconda di chi vi fornirà la risposta (benvenuti nel magico mondo del mercato azionario). Questo perché Apple sta proseguendo con una massiccia campagna di buyback delle proprie azioni.

Il buy-back (o riacquisto di azioni proprie) è l’operazione di acquisto di azioni proprie da parte di una SPA. Per questo il numero delle azioni circolanti diminuisce e la capitalizzazione (che altro non è che il valore delle azioni moltiplicato per il loro numero) potrebbe essere un valore non così facilmente determinabile. In questo momento Yahoo Finance (che poi fornisce i propri dati all’applicazione per iOS) ha già confermato lo sfondamento del tetto di mille miliardi di dollari. Yahoo, però, nel suo database, ha il numero di azioni circolanti  di Maggio. Nel frattempo Apple sta continuando a comprare azioni proprie e, matematicamente, dovremmo toccare quota mille miliardi di dollari quando le azioni avranno un valore intorno ai 207.05$.

EDIT – L’app di Yahoo adesso riporta il valore corretto e aggiornato. Apple è ufficialmente una “1 trillion company” e, con una capitalizzazione di 1.006 miliardi di dollari è l’azienda con la più alta capitalizzazione mai raggiunta nella storia.

EDIT 2 – Per gli amanti della statistica: è la seconda volta che, statisticamente, un’azienda tocca l’apice dei mille miliardi di dollari. La prima fu PetroChina, azienda petrolifera di proprietà del governo cinese che, nel primo giorno di contrattazioni nel 2007, sulla borsa di Shangai, passò dalla valutazione di contrattazione iniziale di 16,70 yuan a chiudere a più di 43 yuan, con un’impennata record di contrattazioni che fece chiudere la giornata ed il titolo a mille miliardi di dollari (1.005, per l’esattezza). Il titolo calò immediatamente dopo e ne seguì uno dei tracolli di valutazione più importanti mai visti. La valutazione non tornerà mai nemmeno più a quella iniziale di 16 yuan. Una dinamica molto differente dalla scalata lenta ma costante del titolo Apple di questi ultimi 10 anni.

Al netto della matematica precisione ed esattezza, è impressionante vedere e analizzare l’andamento del trend delle azioni Apple. In 30 anni l’azienda è riuscita a costruire un colosso tecnologico e finanziario staccando addirittura i giganti del petrolio.

News