Real Racing 3: ecco come funziona la formula free-to-play

Giusto ieri vi abbiamo fornito importanti informazioni sul prossimo titolo EA e Firemonkeys, ovvero Real Racing 3. Ad una prima notizia piuttosto positiva, ovvero la data di rilascio prevista per il prossimo 28 di Febbraio, se ne è affiancata un’altra più scoraggiante: il titolo sarà free-to-play. Per il tramite di Touch Arcade, che ha avuto il piacere di testare una versione completa di gioco, veniamo a conoscenza di come funzionerà esattamente il modello “finanziario” di gioco. Ecco, in estrema sintesi, cosa proporrà Real Racing 3.

iphone-5-scns-realracing3-big

Il funzionamento della formula free-to-play è abbastanza semplice e piuttosto tradizionale se paragonata ad altri prodotti dello stesso genere. In gioco ci saranno due valute: la prima è convenzionale, ossia verrà generosamente elargita dagli eventi che disputeremo, mentre la seconda, come facilmente intuibile, dovrà essere acquistata attraverso in app purchase. Ma vediamo esattamente a cosa serve l’una, e a cosa l’altra. La moneta di gioco gratuita, che guadagneremo semplicemente partecipando agli eventi offerti, servirà come consueto ad acquistare auto e ad effettuare riparazioni o upgrade alla vettura. La seconda moneta, acquistabile con denaro reale, servirà soltanto a velocizzare tutte queste operazioni.

real_racing2_3

Già, perché l’acquisto di auto, le riparazioni e gli aggiornamenti richiederanno del tempo per essere completati. Un timer “bloccherà” quindi il giocatore in officina, a seconda di quanto gravi siano le riparazioni da fare. Ad esempio, ci informa la redazione di Touch Arcade, riparare le luci posteriori dell’auto, rotte dopo una gara, richiederà circa un minuto. Ovviamente, se dopo una gara la nostra vettura richiederà riparazioni multiple, il timer di attesa andrà a sommare le varie riparazioni da effettuare e, dunque, richiederà un tempo certamente maggiore. Una delle prove effettuata da Touch Arcade ha portato la vettura a danni tali da richiedere 20 minuti di attesa prima di poter nuovamente scendere in pista con la medesima vettura.

Fortunatamente, si potrà anche rinunciare a riparare il veicolo dopo una gara, e il gioco ci consentirà di sapere quando i danni o l’ usura generale arriva al punto da influire negativamente sulle prestazioni della nostra auto. Anche l’installazione di aggiornamenti o l’acquisto di nuove auto daranno vita ad un timer di attesa.

Come avrete facilmente intuito, per i meno pazienti, il rimedio è rappresentato dalla seconda valuta di gioco, che consentirà di accedere a riparazioni o aggiornamenti immediati, così da eliminare completamente i tempi di attesa in officina. Questo, più o meno, sarà il modello free-to-play adottato da Real Racing 3.

Lasciamo a voi, ovviamente, ogni tipo di commento, ma le mie prime impressioni non sono poi così negative. I giocatori più accaniti potranno acquistare le monete d’oro per riparare il veicolo in fretta, mentre il resto dell’utenza potrebbe accontentarsi di attendere diversi minuti prima di partire per una nuova gara con la medesima auto. Inoltre, ci informa la redazione di Touch Arcade, che in un gioco come Real Racing 3, dove ci sono più di 900 eventi e circa 50 veicoli, ci sarà quasi sempre qualcosa da fare, anche mentre restiamo in attesa di alcune riparazioni o di alcuni aggiornamenti.

real-racing-2(3)

L’unica volta in cui possiamo immaginare di rimanere bloccati in attesa di aggiornamenti o riparazioni, è l’inizio del gioco, quando disporremo ancora di una sola vettura e non potremo utilizzare altri veicoli per partecipare agli eventi proposti. Una volta che progrediremo con la massiccia campagna principale, però, acquisiremo più auto e avremo a disposizione diversi eventi, così da poter partecipare a gare, mentre una diversa auto rimane in officina, in attesa di riparazioni. I timer delle riparazioni o degli aggiornamenti, infatti, continueranno a scorrere in sottofondo, mentre potremo liberamente partecipare ad altri eventi. Infine, un popup veloce ci informerà delle avvenute modifiche.

Non so voi, ma ritengo questo sistema un piacevole compromesso. Dopo aver acquisito tante auto, infatti, saremo in grado di continuare a divertirci gratuitamente, mentre avremo la situazione sotto controllo, come nel più piacevole dei giochi manageriali. In questo modo, infatti, senza acquistare monete d’oro, ci ritroveremo a dover gestire non solo la gara in sè, ma anche l’officina e il backstage di ogni evento. Insomma, una simulazione a 360 gradi.

Non sappiamo ancora in pratica se questo sistema si rivelerà piacevole o meno, ma a differenza di molti altri titoli, dove le monete reali servono per acquistare potenziamenti e oggetti necessari al gioco, il “timer” sembra essere uno strumento meno invasivo e più apprezzabile. I giocatori, infatti, non dovranno spendere denaro reale per poter guidare l’auto più potente, ma solo per accorciare i tempi di attesa in officina. Certo, la formula free-to-play in passato ha acquisito connotazioni negative e spaventato i giocatori, ma Real Racing 3, oltre a stupire tutti per gameplay, potrebbe anche riscattare il buon nome del free-to-play.

Insomma, mi sento un po’ rincuorato da questa notizia e l’hype è aumentato ancora di più. Ricordiamo che il titolo in questione sarà rilasciato in App Store il prossimo 28 Febbraio. Ci risentiremo certamente per quella data. Accendete i motori.

Apple Watch Ultra in sconto su amazon logo

Giochi