A Napoli si inventano le truffe alle finanziarie per vendere gli iPhone a 100€

Una volta (e ancora oggi..) si faceva il pacco: soprattutto a Napoli, nei pressi della stazione, decine di furbetti si avvicinano ad ignare persone offrendo gli ultimi modelli di smartphone a prezzi vantaggiosi. Chi ci casca e paga si accorge subito dopo di aver acquistato un bel mattone, con il truffatore che ormai si è nascosto chissà dove. Bene, se questa era la pratica più in voga fino a poco tempo fa, oggi i furbetti hanno inventato una nuova strategie che va a truffare anche le finanziarie!

Schermata 2013-03-21 alle 14.36.16

Nei pressi della stazione Garibaldi a Napoli si possono trovare venditori abusivi, mercatini di roba contraffatta, ambulanti che vendono qualsiasi cosa e poi ci sono loro, i veri artisti della truffa. Artisti che, dal vecchio tavolo con le tre carte ai pacchi e paccotti, si sono ora aggiornati inventandosi un modo nuovo per fare soldi illegalmente: la truffa alle finanziarie, con protagonisti iPhone e iPad. Questa volta, infatti, l’iPhone o l’iPad te lo porti veramente a casa, per poi scoprire che a subire la truffa è stata la finanziaria…

Come? In pratica, questi truffatori ti propongono un iPhone a 100€ (“Lo dovrei vendere a 280, ma a te ti faccio lo sconto) e un iPad a 150€ . Sembra tutto bello, un affare per l’acquirente, ma dietro c’è ben altro e spiegartelo ci pensa lo stesso truffatore, proprio per farti capire che è tutto fatto “alla luce del sole”:

Sono articoli che prendiamo a rate, con le finanziarie. Ogni volta cerchiamo una testa di legno, un prestanome diverso che si vende la firma. Su 5000 euro di spesa a lui vanno 500 euro. Sono nullatenenti, non hanno nulla da perdere. Anche se non pagano e risultano insolventi le agenzie non possono agire. Una volta prendemmo un barbone per strada, lo ripulimmo di tutto punto, gli preparammo i documenti e gli facemmo comprare quasi 10mila euro di telefonini iPhone, tablet e televisori. Mi risulta che lo stanno ancora cercando, chissà quello dove sta”.

In pratica, i truffatori pagano una persona nullatenente per far acquistare diversi iPhone e iPad a rate. Pagata la prima rata, questa persona non effettua più pagamenti: la finanziaria continua a pagare il negozio, e intanto cerca di rivalersi sul soggetto insolvente. Peccato che tale soggetto non abbia nulla intestato e sia impossibile recuperare la spesa. E intanto l’iPhone o l’iPad sono stati già venduti…

 

Apple iPhone 13 Pro Max in sconto su

News