Guida al backup dell’iPhone

Applicazioni che crashano. Programmi che non funzionano correttamente. Springboard o funzioni che ad un certo punto letteralmente “impazziscono”. Sono alcuni dei problemi più frequenti che possono essere riscontrati dagli utenti del telefonino targato Apple: e come molti di voi avranno potuto verificare più volte, uno dei metodi più efficaci (quanto tragici) per ovviare a tali inconvenienti è quello di fare un Restore del terminale. In tal modo si resetta totalmente la memoria del telefono: vengono cioè cancellati tutti i dati, tutte le impostazioni, tutte le applicazioni e viene reinstallato il firmware.

Di conseguenza è consigliabile effettuare un backup completo dei dati presenti sul telefono, cioè un salvataggio sulla memoria fissa del Pc di tutti dati “a rischio”, nel caso si sia appunto costretti a ripristinarlo.

Backup con iTunes

Possiamo distinguere gli elementi dei quali è bene fare un backup in primari e secondari, indicando con primari quelli connessi ai dati “originali” dell’iPhone e con secondari quelli delle applicazioni terze parti. Per quanto riguardo quelli primari, iTunes ci viene in aiuto, poichè crea, una volta sincornizzato il telefono, un backup automatico dei seguenti:

  • Musica e Video (solo se presenti anche nella memoria del Pc)
  • Contatti
  • Calendario
  • Preferiti (solo se erano già precedentemente sincronizzati con un Web Browser)

Tale salvataggio avviene in automatico come già detto, e una volta collegato l’iPhone (dopo il ripristino) ci viene chiesto da iTunes stesso se sinconizzare il terminale con i dati del backup precedentemente effettuato.

Backup dati personali via SFTP

Con questa rapida guida voglio però suggerirvi quali siano tutti gli altri elementi importanti che potrebbe essere utile salvare sul proprio computer. Iniziamo dicendo che per poter copiare dati da iPhone a Pc è indispensabile saper utilizzare programmi di connessione SFTP quali WinSCP o Cyberduck. A tal fine vi rimando a questo link.

Nell’elenco verranno citati varie applicazioni, ognuna delle quali presenta suoi specifici dati dei queli creare un bakcup. Ovviamente ciascun utente dovrà riscontrare ciò che è, a sua discrezione, più utile salvare o cosa invece può essere tralasciato.

Per effettuare dunque un backup di un preciso file è sufficiente creare sul Pc una cartella corrispettiva nel quale copiare il dato desiderato. Per fare questo basta utilizzare programmi di connessione SFTP, grazie ai quali si possono copiare dati via Wi-Fi. (Inseriremo anche quegli elementi che iTunes dovrebbe salvare in automatico).

Lista dei file consigliati

Ecco la lista delle cartelle in cui sono presenti file che può esser vantaggioso salvarsi:

  • /private/var/mobile/Library/YouTube – File realativi al player video YouTube
  • /private/var/mobile/Library/AddressBook – Contatti salvati
  • /private/var/mobile/Library/Calendar – Dati del calendario
  • /private/var/mobile/Library/Notes – Note
  • /private/var/mobile/Library/Safari/Bookmarks – Preferiti di Safari
  • /private/var/mobile/Library/SMS – Messaggi di testo
  • /private/var/mobile/Library/Mail – File riguardanti l’applicazione Mail
  • /private/var/mobile/Library/Installer/TrustedSources.plist e PackageSources.plist – Sources dell’installer personali
  • /private/var/mobile/Library/CallHistory – Lista delle chiamate fatte/ricevute/perse
  • /private/var/mobile/Library/Summerboard/Themes – Temi di Summerboard
  • /private/var/mobile/Library/MxTube – File relativi a MxTube
  • /private/var/mobile/Media/MxTube – Video scaricati da MxTube
  • /private/var/mobile/Media/Dcim – Foto scattate dall’iPhone

Vi sono ovviamente numerose altre cartelle da copiare, relative alle diverse applicazioni presenti sul nostro iPhone: a quel punto ognuno è tenuto a creare un backup di ciò che ritiene necessario. In ogni caso quasi tutti i file si trovano in /private/var/mobile/Library o in alternativa in /private/var/mobile/Media.

Una volta copiate tali cartelle sull’iPhone appena ripristinato, è sufficiente cambiare i permessi dei file a “777”, in modo che il terminale li riconosca come originali: per cambiare i permessi è sufficiente selezionare le cartelle, click destro, ed andare su Proprietà.

Se infine si possiede il firmware 1.1.2 o 1.1.1 la lista delle cartelle si troverà in /private/var/root/Library/YouTube.

Concludendo, con queste semplici operazioni potete risparmiarvi una notevole quantità di tempo se un giorno doveste essere sfortunatamente costretti al ripristino: la precauzione, in questi casi, non è mai troppa.

Guide