iPad (2018): ECONOMICO e con Apple Pencil! – RECENSIONE

10 aprile 2018 di Andrea Cervone (@AndreaCervone)
FEATURED

Presentato il 27 marzo nel corso di un evento tenutosi a Chicago, il nuovo iPad di sesta generazione è l’ultima proposta in ambito tablet di Apple. Non si tratta però di un modello “Pro” e quindi non ci troviamo dinanzi ad un’evoluzione, ad un salto generazionale. Si tratta più che altro di un upgrade incrementale per un prodotto come l’iPad del 2017 che ha saputo convincere con un rapporto qualità/prezzo impareggiabile per i concorrenti dell’azienda di Cupertino. Quest’anno il nuovo iPad diventa più potente, aggiunge il supporto alla Apple Pencil e costa anche meno, diventando ancora più appetibile. Scopritelo con noi nella recensione completa.

Il nuovo iPad di sesta generazione si presenta con il design iconico di Apple, assolutamente invariato rispetto a quello del modello precedente, ma quest’anno è disponibile anche in versione gold. Un gold più vicino a quello di iPhone 8 e di iPhone 8 Plus rispetto a quello di iPad Pro da 10.5”. Oltre questo colore troviamo ovviamente i classici Space Gray e Silver. Dimensioni e pesi invariati, con il tablet che risulta sufficientemente compatto da essere portato in borsa o in uno zaino senza problemi.

Lo schermo resta un IPS da 9.7 pollici di diagonale con una risoluzione pari a 2048×1536 pixel, ma in questo caso non si tratta di un’unità a laminazione completa. Una mancanza su cui si può assolutamente sorvolare, a patto di accettare il leggero gap tra lo schermo e il vetro e un suono leggermente meno appagante durante la digitazione. Mancano inoltre il rivestimento antiriflesso, la tecnologia ProMotion con refresh rate fino a 120Hz, la gamma cromatica P3 e la tecnologia True Tone. In definitiva non è certamente un pannello all’altezza di quello di iPad Pro, ma comunque non sfigura, soprattutto su un tablet di questa fascia.

Quest’anno c’è però una importante novità collegata allo schermo: infatti per la prima volta un iPad non-Pro può utilizzare la Apple Pencil che ha su questo nuovo iPad le stesse funzionalità già viste su iPad Pro. C’è una latenza leggermente superiore rispetto a quella del tablet top di gamma, è vero, ma nel quotidiano sarà difficile notare la differenza. Per il resto la Apple Pencil funziona esattamente come previsto: è possibile prendere appunti in Note, utilizzare la funzione Markup in Mail o negli screenshot ed interagire con un ottimo numero di applicazioni presenti su App Store e ottimizzate specificamente per la Apple Pencil.

Tra queste ci sono ovviamente Pages, Numbers e Keynote, la fantastica Pixelmator per l’editing foto, Procreate per il disegno, e l’ottima GoodNotes per creare dei veri e propri “quaderni” scrivendo a mano. La Apple Pencil garantisce come sempre un’ottima autonomia, tanto da farvi dimenticare che all’interno c’è una batteria che va ogni tanto ricaricata. La ricarica avviene tramite l’apposito adattatore incluso nella confezione oppure inserendola all’interno della porta Lightning dell’iPad. Tra l’altro il prezzo della Apple Pencil scende ora a 99€ rispetto ai 109€ a cui veniva proposta in precedenza.

La prima differenza rispetto al modello del 2017 riguarda il processore: all’interno del nuovo iPad è infatti presente il chip A10 Fusion, lo stesso di iPhone 7, per intenderci, che garantisce delle prestazioni praticamente paragonabili a quelle offerte da iPad Pro e dal suo chip A10X Fusion. Una differenza importante con iPad Pro la ritroviamo nella RAM a disposizione, pari a 4 GB sul modello più costoso e solo da 2 GB su questo nuovo iPad. Sentirete la differenza durante l’utilizzo del tablet? Assolutamente no. L’unica circostanza in cui potreste notare un vantaggio su iPad Pro è quando cercherete di mantenere attive tre app su schermo, cosa che invece non è possibile su iPad normale. L’esperienza utente, nel complesso, è però la stessa di un iPad di fascia superiore, quindi fluida e appagante in ogni situazione.

Rispetto ad iPad Pro, che può contare su un sistema composto da quattro speaker, questo nuovo iPad di sesta generazione include soltanto due altoparlanti, ma la qualità è comunque molto buona. Il volume è però leggermente meno potente rispetto a quello di iPad Pro e i bassi sono meno pronunciati. Non manca però un connettore jack per collegare le cuffie con cavo, ma in confezione non ne troverete. Un’altra differenza con iPad Pro sta nel sensore di sblocco: infatti su questo iPad troviamo un Touch ID di prima generazione, meno veloce e preciso del Touch ID di seconda generazione che troviamo sui tablet di fascia superiore. Tramite questo sensore sarà comunque possibile utilizzare Apple Pay per i pagamenti digitali.

Per quanto riguarda la connettività troviamo il WiFi Dual-Band, il Bluetooth 4.2, GPS/GLONASS e la compatibilità con 23 bande LTE, ovviamente solo per il modello Cellular che consente di navigare tramite NanoSIM anche in assenza di connessione wireless. Manca invece lo Smart Connector, che troviamo invece su iPad Pro, e questo vuol dire che non sarà possibile utilizzare la Smart Keyboard o qualsiasi altro accessorio che sfrutti questo connettore.

A bordo del nuovo iPad troviamo iOS 11, un sistema operativo che da il meglio di se proprio sui tablet Apple. Tra le novità di questo software troviamo un nuovo multitasking, decisamente più intuitivo e immediato, e un dock che può ospitare molte più app e può essere sempre richiamato, anche nelle applicazioni, per lanciare al volo le app preferite. Arrivano anche le funzionalità di drag&drop dei documenti che potranno essere spostati non solo all’interno di singole app ma anche tra app diverse che supportino questa funzionalità.

Troviamo anche la possibilità di affiancare due app simultaneamente e la possibilità di utilizzare Slide Over per trascinare addirittura una terza sullo schermo. Ovviamente Apple può poi contare – a differenza dellaconcorrenza- su un ecosistema di app ottimizzate in modo specifico per i suoi tablet. Tra queste vi sono anche Word, Excel e Power Point di Microsoft che girano alla perfezione sul nuovo iPad di sesta generazione.

Il modulo fotocamera di questo nuovo iPad è leggermente inferiore rispetto all’offerta di iPad Pro. Troviamo infatti una fotocamera posteriore da 8 megapixel provvista di lente con apertura f/2.4 e di un obiettivo a cinque elementi. È presente l’autofocus, ma è meno veloce e preciso di quello di iPad Pro, e l’HDR non è automatico. Su questo tablet manca inoltre un LED flash ma sono invece presenti le Live Photos. Le foto sono di qualità generalmente buona per un tablet, ma chiaramente siamo distanti dagli standard raggiunti dagli ultimi e più performanti iPad Pro. Per quanto riguarda i video il nuovo iPad consente di registrarli fino alla risoluzione 1080p con una buona qualità complessiva, anche se manca l’autofocus continuo; è presente anche lo slow motion a 120 fps a 720p. La fotocamera anteriore è invece una FaceTime HD da 1.2 megapixel (un po’ pochino ormai) in grado di registrare video fino a 720p.

A livello di autonomia il nuovo iPad riesce a garantire le classiche 10 ore di utilizzo, per un’autonomia complessiva che vi consentirà di completare una giornata con una sola carica del dispositivo, che però è affidata ad un caricatore non particolarmente rapido. Tuttavia con un utilizzo non particolarmente intenso del prodotto non sarà difficile completare anche due giornate intere di utilizzo prima di dover ricaricare.

Il nuovo iPad da 9.7 pollici è disponibile per l’acquisto a partire da 359€ (si arriva fino ai 579€ della versione top) e in questa fascia del mercato non esistono vere e proprie alternative alla soluzione proposta da Apple. L’unico concorrente di questo tablet è proprio l’iPad Pro da 10.5”, un prodotto che offre di più ma che viene offerto ad un prezzo certamente più importante (si parte da 739€).

iPad Pro è un tablet prestante e completo che può essere utilizzato come macchina principale per le proprie attività lavorative, magari sostituendolo anche ad un computer, mentre il nuovo iPad di sesta generazione è un dispositivo diverso, più modesto ed economico ma comunque in grado di regalare ottime prestazioni e di offrire un’esperienza d’uso appagante. Il supporto alla Apple Pencil è la ciliegina sulla torta che potenzia l’aspetto creativo del dispositivo che potrà sicuramente invogliare all’acquisto una nuova fetta di utenza. Si tratta quindi del miglior compromesso se si vuole acquistare un iPad oggi, nonché di una soluzione vincente per entrare nell’ecosistema Apple spendendo poco, e come detto non esiste concorrenza degna di questo nome in questa fascia del mercato.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.