Apple ha un problema nel gestire la sua catena di distribuzione?

23 ottobre 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Un interessate articolo pubblicato da Bloomberg mette in risalto un aspetto legato ai problemi di fornitura dell’iPhone X: e se Apple avesse perso la sua famosa esperienza nel gestire la catena di distribuzione?

Come ormai saprete, l’iPhone X sarà disponibile in pochissime unità almeno per i primi due o tre mesi dal lancio. I motivi sono legati quasi esclusivamente ai problemi di produzione del pannello OLED, della nuova antenna e del sensore 3D della fotocamera frontale.

Secondo Bloomberg, Apple si è lasciata tradire dal suo desiderio di innovazione, prima ancora di capire la disponibilità dei componenti necessari. I primi problemi, si legge nell’articolo, sono nati quando Apple ha deciso di utilizzare uno schermo OLED:

Quando a Cupertino hanno deciso di utilizzare gli schermi OLED su iPhone X non si sono accorti che questa scelta sarebbe stata molto rischiosa. I componenti sono pochi e oggi al mondo l’unico vero fornitore affidabile per questo tipo di schermi si chiama Samsung. Probabilmente, Cook e Williams pensavano che Samsung sarebbe stata in grado di realizzare un numero adeguato di pannelli OLED con le specifiche richieste, o forse pensavano di riuscire a trovare subito un fornitore alternativo. Chiaramente, si sbagliavano.

Inoltre, la decisione di puntare tutto sull’innovazione ha portato Apple a sviluppare una tecnologia per integrare il Touch ID all’interno del display:

Lo sviluppo di questa tecnologia è stato un fallimento e Apple ha dovuto abbandonare l’idea. L’azienda ha quindi puntato tutto sul riconoscimento facciale, dovendo poi realizzare qualcosa di veramente affidabile: il sensore 3D. Tempi stretti e troppa fiducia nei fornitori hanno provocato un ulteriore collo di bottiglia nella produzione.

Sembra difficile pensare che Apple abbia rischiato così tanto e si sia fatta prendere dalla voglia di innovare, prima ancora di capire la reale fattibilità di alcune tecnologie. Il risultato è che l’iPhone X verrà lanciato in ritardo e con scorte davvero limitate. E se l’azienda non riuscisse a risolvere la questione nemmeno per il periodo natalizio, sarebbe un gravissimo problema per Apple e i ricavi generali.

Bloomberg fa poi notare che, dall’altra parte, Apple è stata quasi obbligata a innovare, proprio partendo dallo schermo OLED. Uscire quest’anno con la sola linea iPhone 8, e ancora con il solo schermo LCD, sarebbe stato davvero un suicidio di marketing nei confronti della concorrenza che avanza spedita. Apple ha preferito scommettere, ma le scommesse sono un azzardo e non sempre si vincono.

E voi, cosa ne pensate?

 

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.