Un test su larga scala per capire l'impatto delle app sulla salute mantale - iPhone Italia

Un test su larga scala per capire l’impatto delle app sulla salute mantale

05 dicembre 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Otto istituzioni accademiche australiane faranno presto partire uno studio per capire se le app possono avere un impatto positivo sulla salute mentale, soprattutto tra gli adolescenti.

Il team è composto da diversi ricercatori provenienti da varie istituzioni accademiche australiane: UNSW Sydney, Deakin University, Australian National University, University of Sydney, University of Melbourne, University of South Australia, Macquarie University e The Black Dog Institute.

Per lo studio sono stati già stanziati 1.6 milioni di dollari di finanziamento. Il test durerà 5 anni e coinvolgerà oltre 20.000 adolescenti che testeranno varie tipologie di app, per capire se queste sono in grado di migliorare la salute mentale ed evitare disturbi come la depressione.

Si tratta di uno studio molto complesso, che utilizzerà i dati provenienti dai vari sensori dello smartphone per rilevare segnali che possono essere identificati come sintomi della depressione. Lo studio Future Proofing cercherà anche di capire se le app basate sulla terapia cognitiva comportamentale sono efficaci nel ridurre i sintomi dell’ansia, i disturbi alimentari, i rischi di suicidio o altri sintomi psicotici. Si cercherà di capire anche il loro impatto sul rendimento scolastico, il sonno, la salute fisica e l’utilizzo di droga e alcool.

Si tratta di uno degli studi più grandi dedicati alla salute mentale degli adolescenti.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Marco Spetti

    salute mentale .. c’è un errore di digitazione nel titolo 😉