Steve Jobs voleva il tasto “back” su iPhone

19 giugno 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Nel libro “The One Device” dedicato al dietro le quinte della realizzazione del primo iPhone, si parla anche di un’idea che Steve Jobs voleva portare avanti: il tasto “back” su iOS.

Grazie ad una serie di racconti e interviste condivise da molti degli ingegneri che hanno lavorato alla realizzazione del primo iPhone, questo atteso libro condivide con il mondo aneddoti curiosi e segreti che si nascondono dietro allo smartphone che ha cambiato per sempre la storia del settore.

In uno dei capitoli del libro, si parla di quando Steve Jobs cercò di indirizzare il team Apple verso una strada precisa: inserire un tasto “back” fisico sul dispositivo, oltre al tasto Home. Insomma, un’idea molto simile a quella attuata dagli smartphone Android. Il racconto è stato condiviso da Imran Chaudhri, designer specializzato in interfaccia utente che ha lavorato per quasi 20 anni alla Apple:

Il telefono era touch-based  e originariamente era presente soltanto lo schermo, anche se tutti sapevamo che bisognava integrare almeno un tasto fisico. Steve Jobs, però, ne voleva due: un tasto Home per ritornare alla schermata principale e un tasto “back” per ritornare alla schermata precedente. Ci furono molte discussioni e anche io ero d’accordo, ma alla fine lo stesso Jobs decise di integrare un solo tasto, onde evitare confusione negli utenti. L’iPhone doveva essere semplice e generare fiducia, e un tasto “back” andava contro questa idea.

Nel libro viene anche spiegato quali sono le aree scelte da Apple e dai suoi fornitori per l’estrazione delle materie prime (soprattutto Bolivia e Cile), i problemi con le condizioni di lavoro nelle strutture cinesi della Foxconn (che costrinsero Apple a prendere decisioni ferree in materia) e tutte le difficoltà incontrate nel sviluppare uno smartphone completamente touch. Si parla anche delle trattative con la ARM per la fornitura dei processori e i rapporti con la Gorilla Glass per la realizzazione del vetro “indistruttibile” utilizzato sul primo iPhone.

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • ROOT

    Un tasto back fisico non sarebbe simile a quello stock di Android. Mi sa che ho capito male, all’inizio dell’articolo viene citata la controparte del tasto back su Android, poi si parla di un tasto fisico back…

  • nando

    Quindi anche lui alla fine ne voleva soltanto uno… c…b..t?

  • Neu

    Si… peccato che nella biografia ufficiale ci sono cose un pelo diverse rispetto a quelle contenute in questo libro

  • CAIO MARIOZ

    Infatti non lo voleva, come c’è scritto nella biografia di Isaacson

  • ROOT

    Non voleva né il tasto fisico back né quello a schermo in stile Android allora.

  • CAIO MARIOZ

    Voleva solo il tasto home

  • Ghedo

    In realtà Jobs voleva anche un terzo tasto fisico sull’iphone: il tasto Bixby.

  • Conan3

    da quando un tasto back crea confusione? io boh.