Backup su Mac? Ecco una suite di strumenti sviluppata da EaseUS

14 giugno 2017 di Francesco Siciliani (@FrSiciliani)

EaseUS Todo Backup for Mac è una suite di interessanti strumenti utili agli utenti per poter gestire backup, ripristini e trasferimenti di file tra hard drive e supporti di archiviazione. Scopriamola meglio nella nostra recensione completa.

Il backup su Mac non è così difficile da eseguire grazie alle ottime potenzialità di Time Machine presenti di default all’interno del sistema operativo di Apple. Il sistema nativo però, per quanto intuitivo e comodo in quanto automatico, non riesce a fornire gli altri strumenti che questa suite mette a disposizione degli utenti. EaseUS Todo Backup è quindi una suite di funzionalità interessanti, personalizzabili e avanzate rispetto al classico sistema Time Machine.

Facciamo subito una distinzione: Time Machine va bene per tantissimi utenti ma per chi cerca qualcosa in più, questo software si rende particolarmente utile in quanto ci permette di eseguire alcune operazioni in più. Scopriamo cosa ci permette di fare di seguito.

Possiamo eseguire, in sostanza, quattro operazioni differenti sul nostro Mac. La prima sezione è quella classica relativa al backup. Da qui possiamo creare dei “progetti” o delle categorie e quindi accedere a tante opzioni dedicate al salvataggio dei dati tramite backup.

Il sistema ci permette di aggiungere file, cartelle e applicazioni in base alle nostre necessità e ci permette di visualizzare la data di ultima modifica e le dimensioni dei file (quando disponibili). Abbiamo poi a disposizione un semplicissimo pulsante “play” che ci permette di far partire il processo di backup. Tra le opzioni a disposizione, avremo anche la possibilità di scegliere quali file includere o escludere dal processo, come ad esempio i file incisimi o i file relativi al Finder di macOS (DS_Store).

Possiamo quindi creare più sezioni a seconda delle nostre esigenze e pianificarle nel modo più vicino ai nostri interessi. Magari possiamo dividere il backup delle applicazioni da quello dei dati e dei documenti, la libreria musicale da quella video e via discorrendo. In questo modo sarà più facile gestire le priorità e programmare al meglio i backup, grazie anche ai tanti strumenti messi a disposizione per la pianificazione per giorno, settimana o all’attivazione del disco di backup.

La seconda modalità che abbiamo a disposizione è relativa alla creazione di archivi. Quindi una modalità simile a quella di backup che però genera degli archivi compressi dei file e delle applicazioni che intendiamo salvare.

Questa ci permette di impostare gli stessi parametri che abbiamo visto sulla modalità precedente, con il conseguente salvataggio dei dati sotto forma di archivio. I file archiviati, messi a paragone, pesano decisamente meno rispetto al backup classico.

La terza modalità ci permette di clonare l’hard drive del nostro Mac per poter usare un secondo hard drive magari in caso di sostituzione o di danni. Questo secondo disco sarà praticamente identico al primo quindi non si tratterà di un semplice backup ma di un backup molto più accurato e completo.

Anche in questa sezione è possibile programmare le operazioni da eseguire in modo semplice e comodo per orario e giorni.

L’ultima sezione è relativa alla sincronizzazione dei files. In sostanza si tratta di un’operazione comoda da eseguire in modo programmato per poter sincronizzare i contenuti di una cartella o più cartelle su un supporto di archiviazione. Ad esempio per sincronizzare la cartella documenti ogni settimana con la chiavetta USB che portiamo sempre con noi.

Chiaramente i backup possono essere ripristinati dal comando “restore” presente nelle varie sezioni compatibili. Potremo scegliere il backup da ripristinare e la destinazione quindi una cartella a scelta o la posizione originale.

Per i più attenti ed esperti, c’è una modalità di controllo molto più avanzata che mostra all’utente un log dettagliato delle operazioni in esecuzione.

I backup possono essere anche criptati con tante opzioni di sicurezza a disposizione (AES-168, AES-256, Blowfish e Triple DES). Il prodotto è compatibile con il nuovo macOS Sierra e con i precedenti Mac OS X 10.11, 10.10 e 10.9.

Vi alleghiamo il link alla pagina ufficiale del software sul sito del produttore per maggiori informazioni e per l’acquisto del prodotto al prezzo di 39,95 dollari (c’è comunque la versione di prova gratuita). Per chi fosse interessato, anche per Windows c’è una versione del software dedicata.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Andrea

    Come funziona il ripristino totale di un backup?
    Immagino non ci sia modo di “formattare” l’intero OS per poi ripristinarlo direttamente come con Time Machine.

    Oppure si?

  • Cristian Mandelli

    Ciao, non non é possibile formattare direttamente, ma puoi farlo e poi ripristinarlo a sistema formattato…
    L’ho provata qualche tempo fa, per sincronizzare dei dischi USB con il NAS, ma per contenuti di grandi dimensioni (circa 2TB) e tanti file piccoli come documenti ed immagini, l’app va in crisi ed in una notte non riusciva nemmeno a terminare la fase di analisi dei dischi…
    Per i backup non l’ho mai provata… ma per la sincronizzazione se i dati sono tanti la sconsiglio vivamente..

    Cristian

  • Andrea

    Grazie 1000 Cristian!