Android O, le emoji saranno più simili a quelle di iOS

19 maggio 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Tra le tante novità di Android O ci sarà anche una nuova grafica per le emoji, che sarà più simile a quella presente su iOS.

Con Android O, Google cambierà l’aspetto delle emoji, rendendole più coerenti con le icone visualizzate su iOS 10. Le precedenti versioni di Android utilizzavano una forma a “blob” tagliata in basso, mentre ora avremo una forma completamente rotonda, molto più simile alle emoji presenti in iOS 10 e in altre piattaforme.

Inoltre, su Android O saranno integrate tutte le nuove Emoji 5.0.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • And91

    A quelle Apple… insomma le Emoji sono sempre state tonde, è Google che fa un po’ come vuole.

  • marco

    meno male

  • Ste82

    Pur di riempire un post di un blog cosa non si scrive!!!!!Addirittura Android che copia le Emoji da iOS! Allucinante.

  • iPaper

    Scusa ma dove c’è scritto che Android copia le emoji da iOS? 🤔

  • Ste82

    Cito “saranno più simili a quelle di iOS”… La linea la vedo molto sottile e cmq è un putt..ata pazzesca. Come se Apple avesse inventato le Emoji..

  • Cadillac

    troppa zizzania tra Apple e Android, sono solo frutti di persone che lavorano molto per e rendono piacevoli i dispositivi, che sono molto simili, bisogna apprezzare la diversità senza invidiarla ma ammirarla e trovarne l’ispirazione per migliorare.
    Così anche nella vita.

  • iPaper

    Non le ha inventate Apple ne tantomeno quì c’è scritto che Android le copia, solamente, visto che quì si parla di Apple in generale, hanno scritto “simili alle emoji di iOS” tutto quì.

  • Saccente

    Non serve scriverlo, è palese.

  • Saccente

    Si, entrambi lavorano per rendere piacevoli i dispositivi. Cambia la prospettiva: per Google il dispositivo è un raccogli-dati utente, per Apple è un prodotto da vendere. L’obiettivo finale è il lucro per entrambi. Però sarebbe giusto che all’utente Android il terminale venisse dato in comodato d’uso, a spese di Google. Invece oggi l’utente Android lo paga due volte: in denaro e in “natura”.

  • iPaper

    Lo scrivo perchè c’è gente che non lo capisce.