Un documento interno svela il Visore AR di Apple?

21 aprile 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Un documento interno trapelano in queste ore fornisce alcuni indizi su un possibile visore AR che Apple starebbe testando nei suoi laboratori. Il documento in oggetto riguarda i report sugli infortuni di lavoro capitati all’interno del campus.

Gizmodo riferisce di avere acquisito questo documento interno che elenca gli incidenti sul luogo del lavoro capitati negli ultimi mesi nel campus Apple. Questo report sarebbe stato inviato erroneamente a centinaia di dipendenti Apple, e non solo ad alcuni dirigenti selezionati come da prassi; proprio per questo motivo il suo contenuto è stato diffuso online.

Nel report sono elencati oltre 70 incidenti, alcuni davvero curiosi e particolari (c’è chi è stato investito dalle auto elettriche che servono a muoversi nel campus o chi si è scottato con il forno in mensa) e altri che invece ci forniscono diversi indizi sui possibili futuri prodotti dell’azienda.

Il documento si riferisce agli incidenti capitati nei mesi di febbraio e marzo, e due di questi riguardano infortuni agli occhi per due dipendenti che stavano testando un nuovo tipo di occhiali: “L’utente ha consigliato di condurre un ulteriore studio dopo aver avuto un disturbo agli occhi e aver dichiarato di poter vedere il flash laser in diversi punti delle lenti durante il test”. E ancora: “Il dipendente ha riportato dolore agli occhi dopo aver lavorato con un nuovo prototipo, il che fa pensare che tali problemi possano essere associati al suo utilizzo. Il dipendente ha notato che il sigillo di sicurezza era stato rotto e ha pensato che l’unita potrebbe essere stata manomessa“.

Secondo la fonte che ha inviato questo documento a Gizmodo, il prototipo menzionato nei documenti sarebbe proprio un nuovo visore AR che Apple starebbe sviluppando nei suoi laboratori e che potrebbe essere presentato nel 2018.

Tra gli altri incidenti curiosi, c’è chi si è fatto male con le Apple Pencil, o chi si è infortunato al ginocchio durante una sessione di sci a Tahoe per testare alcune funzionalità dell’Apple Watch.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • gianluca iO

    Come ho accennato in altri post, nessuno mi leva dalla mente che un visore AR, per quanto testato attualmente in prototipi stand alone (alla google glass per intenderci), sia funzionale ad un nuovo modo di concepite il cruscotto all’interno del progetto titan.

    Con un minimo di vision, perché non valorizzare e far progredire tale tecnologia, magari lanciandola anche per testarla in un prodotto civetta che consenta di perfezionarla, per poi inserirla preponderantemente nell’apple car ?

  • JohnMisty

    Tutto bello ma senza semplicità e comodità resta un esercizio di stile, utile magari ad un autista di professione o ad una persona in catena di montaggio…la gente comune non vuole oggetti da indossare goffi e scomodi solo per duplicare funzioni che uno schermo può offrire con la massima comodità

  • Sh1m3oN

    Visto che porto gli occhiali 18 ore al giorno (le restanti li levo per dormire) non mi dispiacerebbe integrassero delle informazioni utili…

  • JohnMisty

    Eh certo utili come sull’apple watch 😛
    In compenso gli occhiali peseranno il triplo e dovrai ricaricarli ogni sera…naaa…giusto sperimentare in laboratorio ma non vedo cosa possa uscire da qui a pochi mesi di utile, comodo e bello

  • Vero, una specie di HUD integrato nel parabrezza sarebbe ottimo è sicuramente eviterebbe molti incidenti, dato che il navigatore sarebbe davanti a noi

  • Vero!

  • Alessio Tacci

    Dentro il campus vengono fatti esperimenti su qualsiasi cosa. Probabilmente oltre al prototipo degli occhiali ce ne saranno altre migliaia. Ma alla fine solo uno o nessuno di quei progetti arriva a essere presentato.
    Nelle aziende si sperimenta, in continuazione. Ciò non significa che quelle cose verranno presentate, prodotte e vendute.