NZ Herald: “In 10 anni, Apple non ha pagato tasse in Nuova Zelanda”

20 marzo 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Il New Zealand Herald riporta che Apple non ha pagato alcuna imposta sul reddito in Nuova Zelanda negli ultimi 10 anni, con l’azienda di Cupertino che avrebbe versato solo 37 milioni di dollari per le imposte generate dalle vendite nel paese non in Nuova Zelanda, ma in Australia.

Secondo l’analisi effettuata dall’Herald, le vendite di prodotti Apple in Nuova Zelanda ammontano a 4,2 miliardi di dollari, che si sono tradotti però in soli 37 milioni di dollari di imposte pagate dall’azienda. Queste tasse, tra l’altro, sono state versate alle casse Australiane e non al fisco neozelandese. Tra l’altro, in Nuova Zelanda l’imposta sul reddito è anche più bassa, pari al 28% rispetto al 30% previsto dal fisco australiano.

Il motivo per cui Apple non ha pagato un solo dollaro di tasse in Nuova Zelanda è dovuto al fatto che i due paesi hanno stipulato un trattato sui doppi crediti fiscali per le società controllate da holding che risiedono in uno o nell’altro paese. Dal momento che Apple New Zealand è di proprietà di una società madre con sede in Australia, le imposte di entrambi i paesi sono pagate presso l’Ufficio delle imposte australiano. Tramite altri raggiri fiscali del tutto legali, Apple è anche riuscita quasi ad azzerare le imposte dovute dall’azienda “neozelandese”.

Si tratta quindi di una procedura legale, ma che sta scatenando molte critiche soprattutto ora che è uscita allo scoperto. Diversi rappresentati politici hanno già fatto sentire la propria voce e chiedono che Apple inizi a pagare le tasse anche in Nuova Zelanda. Il leader del partito dei Verdi James Shaw ha dichiarato che “… è assolutamente straordinario come Apple riesca a cavarsela con il pagamento di imposte pari a zero nel nostro paese. Mi piacciono molto i prodotti Apple perchè sono incredibilmente innovativi, ma sembra proprio che il reparto fiscale dell’azienda sia ancora più innovativo rispetto a chi progetta i vari prodotti“.

Un portavoce Apple ha ribadito che l’azienda è orgogliosa dell’aiuto che i suoi prodotti hanno offerto ai cittadini neozelandesi, e che gran parte delle tasse vengono pagate negli Stati Uniti, dove Apple progetta i suoi dispositivi.

In Nuova Zelanda si sta però già discutendo di una modifica alle norme fiscali, che obbligherà le multinazionali a pagare il 28% di tasse su tutti gli utili generati nel paese, senza alcun tipo di “raggiro” possibile.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • lm

    Evvvai

  • I veri responsabili di tutto ciò è chi fa le leggi (come in Europa del resto), non di sicuro chi le applica seppure in modo creativo.

  • mirco

    Perchè esistono grosse società che pagano le tasse? possibile che mi sia sfuggita?

  • mr.Mela

    fanno le cose e poi si lamentano? come sempre è “causa” delle scelte dello stato. A parte che mi pare troppo, perché poi quel 30% finisce sul prezzo finale e quindi a noi (non a caso in italia il costo dei prodotti è altissimo per colpa dello zampino degli operatori telefonici e per colpa delle tasse)

  • Vincenzo Capriotti

    Prima o poi la bolla esploderà, e ‘ste multinazionali “creative” andranno tutte a fondo a colpi di bastonate del fisco.

  • mr.Mela

    non è possibile perché è un po’ il gioco alla “1 fiorino” (se hai visto il film, “Non ci resta che piangere”), c’è globalizzazione senza esserci globalizzazione.

  • Saccente

    Tramite altri raggiri fiscali del tutto legali, Apple è anche riuscita quasi ad azzerare le imposte dovute dall’azienda “neozelandese”.

    Eh beh, Apple ha risparmiato un sacco di soldi pagando le tasse agli australiani invece che ai neozelandesi…

  • bravodillo

    È una vergogna. Le multinazionali guadagnano miliardi di dollari, non pagano le tasse, costruiscono sedi e negozi di ultra lusso, pagano i manager milioni di dollari e spostano i soldi nei paradisi fiscali. Se pagassero le tasse avremmo più servizi sociali e infrastrutture (scuole, ospedali, università, strade, autostrade, fibra ottica…) e il denaro circolante aumenterebbe ( a tutto vantaggio degli investimenti) invece di marcire nei paradisi fiscali. Alla fine siamo tutti più poveri e poi quando andiamo in ospedale per curarci ci dicono di aspettare 5 mesi… E c’è pure chi difende Apple. Bisognerebbe smettere di comprare prodotti delle aziende che non pagano le tasse. Bisognerebbe istituire un bollino verde non solo per le aziende che rispettano l’ambiente ma anche per quelle che pagano le tasse. Non hai il bollino verde fiscale? Non puoi vendere i tuoi prodotti. Punto. Purtroppo i politici che dovrebbero arginare questo fenomeno pietoso fanno parte dei consigli di amministrazione delle multinazionali o sono corrotti. Quindi secondo me sarà dura risolvere il problema.