Perchè Apple non utilizza la USB-C al posto della porta Lightning su iPhone?

09 gennaio 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

USB-C sta finalmente diventando uno standard diffuso, con i vari produttori che hanno integrato la nuova porta sia su computer che su smartphone. Apple ha addirittura proposto i nuovi MacBook con la sola porta USB-C, suscitando non poche polemiche. Ma su iPhone, l’azienda ha deciso di fare il contrario e di puntare ancora sulla porta proprietaria Lightning. Come mai?

usb-c-vs-lightning-port-size-dimension-comparison-graphic

La prima risposta è la più semplice. Nel 2012 non esisteva la USB-C e Apple introdusse la porta Lightning su iPhone 5. Le specifiche di questa porta proprietaria sono state poi perfezionate e aggiornate nel 2014. Certo, a quei temi si parlava già di una nuova porta USB con funzioni avanzate, quindi Apple avrebbe potuto attendere qualche anno continuando con il vecchio connettore a 30-pin. Ma quella porta era già superata nel 2012, figuriamoci dopo qualche anno.

Il secondo punto è che Apple ha sempre utilizzato porte proprietarie sui propri dispositivi mobile. Anche sul primo iPhone poteva essere utilizzata una porta micro-USB, ma Apple decise invece di confermare l’introduzione del connettore a 30 pin, che fece il suo esordio su iPod nel lontano 2002. Proprio il grande successo dell’iPod convinse Apple a confermare quel connettore anche su iPhone.

Nel 2012, anche il connettore a 30 pin non era più in grado di soddisfare le esigenze di Apple per i nuovi iPhone. Le strade erano due: o creare una nuova porta proprietaria, o affidarsi alla tecnologia USB. Ma a quei tempi, l’USB era un disastro. C’erano gli standard USB-A, mini USB e micro USB. Gli ultimi due offrivano vantaggi in termini di spazio occupato, ma a livello di funzioni non erano soddisfacenti. Apple voleva qualcosa di moderno, che potesse durare per i prossimi 10 anni, ed ecco che introdusse la porta Lightning. Un connettore simmetrico, facile da collegare, totalmente digitale, veloce e con possibilità di evolversi in base alle esigenze dei nuovi dispositivi Apple.

E ora che l’USB-C è pronta e matura come tecnologia, cosa farà Apple? Probabilmente niente. La porta USB-C è fisicamente più grande di quella Lightning, non di molto certo, ma sappiamo che Apple cerca di massimizzare ogni millimetro per diminuire peso e dimensioni dei suoi iPhone. Non a caso, sugli ultimi modelli è stata addirittura tolta la porta jack audio da 3,5mm, proprio per non sprecare spazio.

Inoltre, USB-C è uno standard aperto e compatibile, ma meno flessibile. Con la porta Lightning, Apple può fare ciò che vuole, quando vuole, senza dover attendere gli altri. Questo significa che se nasce qualche nuova tecnologia il prossimo anno, Apple può immediatamente integrarla e gestirla con la porta Lightning senza dover attendere l’organo di normalizzazione che gestisce lo standard USB.

Ancora, l’introduzione della porta USB-C richiederebbe un cambiamento per gli utenti, tra accessori, cavi, batterie e così via. Molti hanno criticato l’addio al 30-pin dopo 10 anni, figuriamoci cosa succederebbe con la sostituzione della porta Lightning a soli 5 anni dal suo esordio. Con questa connessione, inoltre, Apple ha il massimo controllo sugli accessori ufficiali e sulla certificazione.

Su Mac, invece, il discorso è diverso perchè la porta Lightning non è stata mai utilizzata, e perchè si tratta di un prodotto che necessita chiaramente di avere una connessione standard di tipo USB.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Cooper

    Secondo me vi siete fatti troppe pippe mentali. Semplicemente rovinava l’estetica: l’unica cosa che la maggior parte delle persone vede quando compra smartphone, specie iPhone!

  • 7/11

    Io l’unica cosa che “rimprovero” ad Apple è non aver messo l’USB-C sugli ultimi alimentatori come quello di iPhone, Apple Watch ecc. È un po’ un controsenso. Voi di iPhoneitalia che ne pensate?

  • 7/11

    Naturalmente non intendo sul dispositivo, ma tra il cavo e la presa da muro.

  • Mstr.M

    secondo me , iphone 8 non avr� una porta lightning, sar� una tavoletta di vetro che si caricher� via induzione/wirless senza porte fisiche , giusto quelle per gli speacker (e il carrellino della SIM)

  • Matteo Tacconi

    non capisco perchè non esista un cavo USBC-Lightning oppure non siamai stato fatto un cavo Thunderbolt-Lightning. se le dimensioni ridotte dei nuovi macbook hanno costretto gli utenti ad accettare laptop con la sola connessione USBC, oppure con una sola porta USB normale e le altre thunderbolt, per quale motivo costringere gli utenti ad utilizzare uno standard, l’USB-A, che loro stessi stanno eliminando dai propri computer? forse per assicurarsi le vendite di costosi adattatori? come sei venale, mamma Apple, questo è il tuo più grande peccato.

  • æternum

    ve lo spiego io il motivo del perchè non cambia la porta lightning con una usb-c = $$$$$$$

  • Tonino

    Si, mi pare che il ragionamento non fa una piega.

  • francesco1996

    Così col cavolo che puoi usare l’iPhone mentre è in carica… non penso una cosa del genere avverrà a breve o almeno fino a quando la ricarica true wireless non sarà realtà ma 1) questa tecnologia è ancora molto acerba 2) già siamo immersi in onde elettromagnetiche molto deboli e gli effetti sulla salute sono ancora molti da vedere figuriamoci onde molto più potenti che hanno addirittura il compito di trasmettere un certo quantitativo di energia centinaia di volte maggiore di quello di un normale router wifi.

  • Vincenzo Capriotti

    Finché non aggiornano xCode non succederà.

  • Vincenzo Capriotti

    È per far cassa sugli accessori, ormai lo sanno anche i muri.

  • ROOT

    Ma perché vi ostinate a trovare delle scuse per difendere la posizione imposta da Apple? Apple non ha tolto lo standard Lightning semplicemente perché guadagna dagli accessori. Punto. Un’ulteriore conferma è stata l’eliminazione del jack da 3,5″. Vi ricordate quando ogni produttore di cellulari aveva il suo connettore proprietario? Era una vera giungla, nonché un disagio per noi utenti.

    Dopo aver fatto la cafona ad aver mantenuto uno standard propietario anche su richiesta della Commissione europea Imprese e Industria ora continua mantenendo i suoi standard per ricavare altro profitto…

  • JonathanDeCaria

    la Ricerca e Sviluppo costa…

  • LucianoLucio

    Il cavo lightning-USB C esiste

  • JohnMisty

    Capisco il senso dell’articolo ma non capisco perché non mettere una porta lightning sui nuovi Mac, è ridicolo non poter collegare la cuffia di iPhone 7 al Mac nè potere ricaricare o collegare il cellulare senza adattatori o Wi-Fi!

  • Paralex

    Se un telefono Android funzionasse perfettamente come iPhone, di certo non spenderei quella cifra… ma siccome è utopia, spendo i miei 1000€.

  • Riccardo Cambo

    Sbagliato, la lighting è presente in tutti gli accessori per mac.
    La Apple dovrebbe passare alla C, fine, niente scusanti.

  • federico

    Più piccola è meglio è, così da permettere dispositivi più sottili. A parte tutto dovrebbero concentrarsi su “fogli” di batteria cosi tecnologici da far durare la carica di un dispositivo un paio di giorni, mantenendo sottile lo spessore generale del device

  • Neu

    Per il semplice fatto che la USB C è poco diffusa ancora. Per ogni utente che ha la USB C nel proprio computer 10 hanno la USB tradizionale

  • Neu

    Dubito perché apple dovrebbe inventarsi un modo per trasferire i dati sostituendo l’attuale cavo

  • Neu

    Guarda che esistono anche accessori Lightning di terze parti eh… io ho un cavo Lightning pagato 7 euro su Amazon contro i 25 chiesti da Apple. Nessuno ti obbliga a comprare quelli originali Apple

  • Neu

    Perché teoricamente le cuffie Lightning sono un tampone per chi non vuole acquistare delle cuffie Bluetooth

  • JohnMisty

    La porta lightning serve “anche” per la cuffia ma è principalmente il modo più veloce per far parlare il Mac con iPhone. A volte mi capita di voler passare dei file anche di un giga dal computer all’iphone e senza cavo è una tortura, e ricordiamo la necessità del collegamento via cavo anche per questioni di ripristino e riavvio totale iPhone…la possibilità di collegamento con il Mac doveva essere garantita, o nel Mac/iPhone andava incluso un adattatore (l’ennesimo!) che infatti ormai quasi regalano a 9€ negli store per un senso di colpa evidente

  • CAIO MARIZ®

    Perché passi i file via cavo quando AirDrop è più veloce?

  • CAIO MARIZ®

    Facciano almeno le usb c nei caricatori di iPhone e iPad, così si potrebbe collegare facilmente ai nuovi MacBook Pro

  • JohnMisty

    prova a passare un video di 2 giga e poi torna qui a chiedere scusa

  • CAIO MARIZ®

    Io ho passato un gioco da 5 GB in 2 minuti con AirDrop

  • JohnMisty

    attendo video di prova, tra l’altro passare un gioco significa avere il jb, quindi altra storia

  • CAIO MARIZ®

    Tra Mac e Mac, con iPhone passo foto e video per lo più

  • JohnMisty

    bene, ci fa piacere, quindi avevi capito che si parlava di problemi di collegamento iphone-mac?

  • CAIO MARIZ®

    Che funziona uguale

  • JohnMisty

    certo, come no. Tra due mac arriva anche a 80m/s, tra mac e iphone è invece più lento del cavo purtroppo. Un trucco per velocizzarlo cmq è scollegare la rete locale e sfruttare il wifi diretto per la massima velocità airdrop

  • Pippo

    perche’ si prende un sacco di royalty dai produttori = $$$$

  • federico_massano

    Anche l’usb “classico” ha il maschio all’interno e ne ho visti a migliaia storti… se non altro il tipo c essendo simmetrico l’utonto non distrugge la porta tentando di fare entrare una pendrive al contrario! Comunque storcerlo a parere mio è ben difficile perché riempie l’intero buco la femmina entrante quindi o spacca tutto o non lo storce

  • Andrea Canella

    Io metterei come standard la porta Lightning anche su android ! 🙂

  • Pindol

    beh ma può succedere magari mentre è in carica che uno inciampa sul filo o altro, io proprio non capisco questa soluzione, secondo me avrebbero dovuto farla esattamente come il lightning con la femmina sul disposivito

  • Marco

    Magari funzionerà con questa cavolo di SIM virtuale, ché la SIM fisica è veramente da preistoria!!! Per parlare mentre si carica basterebbe usare gli AirPod… se uscissero insieme all’iPhone…

  • Emanuele

    Se iphone 8 deve essere rivoluzionario ci può stare qualsiasi cosa..! Per chi pensa che si troppo avanti ci sarà il 7s.
    Personalmente se non avesse nessun tipo di tasto e nessun tipo di entrata non ne sentirei la mancanza..!

  • 7/11

    Si ma che ragionamento è? Questo discorso vale benissimo anche per i nuovi Mac o si osa i tutto o in niente. È stato un controsenso

  • francesco1996

    Si illudetevi che l’iPhone 8 sarà rivoluzionario… sarà uguale al 7 con processore e fotocamera migliore, tranquilli. Poi per una ricarica true wireless, a parte gli effetti sulla salute, ancora la tecnologia praticamente non esiste e non sarà Apple a fare il miracolo.

  • 7strings

    La tecnologia esiste , chi la sviluppa ha detto che verrà commercializzata per un noto produttore di smartphone a fine anno , quindi o Samsung con il note o Apple con iPhone . Comunque la tecnologia c è e sono solo paranoie che fa male

  • æternum

    Si ma l’azienda che ha prodotto il tuo cavo da 7€ a chi credi debba pagare i diritti per l’utilizzo del lightning?

  • 7strings

    Certo , dopo tutto rappresentano ben lo 0,5 delle entrate di Apple

  • 7strings

    Come per usare hdmi , come per i bluray, come per Tb. Su via , sono briciole per Apple

  • æternum

    Si, briciole proprio 😂

  • 7strings

    Hai ragione , quando Apple parla dei dati di fine trimestre si vede le royality come voce primaria no?

  • Emanuele

    La tecnologia e’ stata gia’ presentata al ces dello scorso anno. L’implementazione su uno smartphone verrà sicuramente con iphone prima di tutti. A questo punto il 7s che verrà sicuramente prodotto sarà uguale al 7 come dici te, ma i rumors oramai sembrano tutti concentrarsi in una nuova concezione di smartphone targato 🍎…

  • francesco1996

    Ahahahah ma dai quella presentata al CES permette solo di accendere qualche led o una carica estremamente lenta in uno spazio di poche decine di centimetri, è pateticamente inutile, al pari della ricarica ad induzione! Purtroppo è una limitazione fisica, per trasmettere una grande quantità di energia servono onde molto potenti e i problemi sono 2, ovvero ti friggono il cervello e un sacco di energia andrebbe sprecata perché non catturata dal telefono.

  • Emanuele

    se sei convinto che si sta parlando di fantascienza rispettiamo il tuo pensiero..

  • francesco1996

    No, sono solo realista perché i miracoli non esistono e parlo con cognizione di causa. Se mi dicono che gli asini volano non ci credo. L’azienda più avanti in questo campo è Energous la quale ha ammesso che la sua tecnologia è DIREZIONALE (ovvero il telefono deve essere posizionato in un’area a cono specifica) e che funziona solo a una distanza di pochi pollici dall’emettitore (che comunque vorrebbero estendere a qualche piede). Senza contare che l’efficienza energetica di questo sistema è praticamente nulla.

  • ROOT

    Si ma guarda che il produttore terzo è obbligato a pagare una percentuale a Apple per usare il suo connettore propietario come metodo di input per i suoi accessori…

  • ROOT

    Si, assolutamente briciole…

  • ROOT

    Purtroppo dovrai ricrederti. Un semplicissimo telefono sui 200 euro, come può essere il Moto G4, il P9 Lite (solo per citarne alcuni) funziona esattamente come l’iPhone.

  • ROOT

    Embè? Non sono sempre soldi?

  • ROOT

    Ma non si può! Il Lightning é proprietà di Apple e non concederà il suo utilizzo ai produttori Android…

  • Come no! Ciao.

  • Cafona o meno, mi spiegate che vi applicate a fare? Vi pare disonesto o ingiusto che una sociatà commerciale faccia profitti, anche con gli accessori? Ti sta bene, compri. Non ti sta bene, non compri. Mica ci vuole tanto. Semplicemente, c’è chi può permettersi [o, rischia ad] di avere standards propri e chi si deve accodare [senza però rischiare]. Chi ti dice di comprare prodotti Apple se la sua politica non ti sta bene?!
    Rispetto al tuo commento [per carità, rispettabilissimo!] credo che vi sia molta più gente intenta a demonizzare Apple per ogni scorreggia che fa, rispetto a quella che, come dici tu, si ostina a difenderla.
    Per quanto mi riguarda, io sono un utente assolutamente trasversale in termini di prodotti tecnologici. Ma, alla fine, preferisco di gran lunga l’esperienza utente offerta da Apple, rispetto a quelle concorrenti.

  • Scusa ma a te cosa te ne frega chi paga i diritti a chi?! Cos’è, una questione di etica politica? Ma che Apple viene a sindacare – che so – il fatto che magari qualcuno paghi a te l’affitto per poter vivere in casa tua? Non siamo ridicoli. Ciascuno fa il proprio mestiere e, dati i numeri, mi sa che Apple faccia bene il proprio.

  • Ma non lo farebbe se non convenisse anche a lui, non solo in termini di guadagno, ma proprio in termini di presenza sul mercato. Te lo assicuro.

  • Paralex

    Non parlo delle funzioni. Parlo della longevità… e parlo di come fa le cose.
    Io non tornerò più indietro.

  • Alessandro

    Pure un nokia 3330 funziona. Fa quello che fa un iPhone.

  • ROOT

    Per le funzioni basilari un Mi5 funziona esattamente come un iPhone 7, non ti credere…

  • ROOT

    Perfetto, ora cercherò di dare la mia giustificazione. Inanzuttuo cercherò di spiegarti che non odio Apple a prescindere, anzi…
    Ovviamente se ti dicessi che anche io ho diversi prodotti Apple e apprezzo molto la qualità di essi sei libero di non credermi.

    “Cafona o meno, mi spiegate che vi applicate a fare? Vi pare disonesto o ingiusto che una sociatà commerciale faccia profitti, anche con gli accessori? Ti sta bene, compri. Non ti sta bene, non compri. Mica ci vuole tanto. Semplicemente, c’è chi può permettersi [o, rischia ad] di avere standards propri e chi si deve accodare [senza però rischiare]. Chi ti dice di comprare prodotti Apple se la sua politica non ti sta bene?!”

    Io non ragiono come l’azienda. Non me ne può fregar di meno se Apple guadagna o meno dalla vendita dei prodotti. Io ragiono come consumitore e come grande apprezzatore dei suoi prodotti (non sempre). Proprio per questa ragione ho il diritto di criticare i suoi prodotti o politiche quando mi sembrano ingiuste verso noi consumatori. Non è che ogni scelta Apple bisogna rispettarla e condividerla. Si possono anche comprare i suoi prodotti senza condividere al cento per cento la loro filosofia. A me questa scelta del connettore proprietario non è piaciuta per niente. Punto. Questa è la mia opinione completamente discutibile.

  • Matteo Tacconi

    davvero esiste? mai visto… E comunque il cavo lightning-thunderbolt, che sarebbe tornato utile per tutti i macbook pro di vecchia generazione

  • ROOT

    Ma veramente non ho mai detto il contrario! A chi non conviene è a noi consumitori!

  • ROOT

    Se avessimo parlato di funzioni allora ti avrei dato ragione. Ma stiamo parlando esattamente di come un telefono svolge le cose più banali. E su questo fatto un Mi5 (tanto per dirne uno) è identico a un iPhone 7. Poi ovviamente sei libero di non tornare in dietro, ognuno fa le sue scelte e giustamente non sono qui per convincere nessuno.

  • Mi piace discutere con te Root.
    Ma ti dico che, se per questo, anche il mio vecchio Qtek 10 anni fa funzionava benissimo, per le cose basilari, come un dispositivo moderno. Ma ti pare veramente conferente la tua risposta? Per le funzioni basilari TUTTI i dispositivi funzionano, ci mancherebbe [forse solo Nokia ha avuto il coraggio di vendere prodotti che manco quelle funzioni basilari riuscivano a fare bene]. E’ evidente che le differenze stanno altrove. Altrimenti, sappi che anche l’Huawei base di mia suocera 75enne funziiona esattamente come un Mi5/iPhone7. Ma dai, ti voglio bene, che risposta è la tua?

  • Quoto in pieno.
    Per la cronaca, l’altro giorno a causa di una emergenza a mio padre, gli ho riacceso il mio [poi divenuto suo] vecchio iPhone 3g [anno 2008 mi sa]. Risultato? Una bomba!

  • Ma chi lo ha detto? Mica stiamo parlando di fornitura di servizi essenziali o di beni di prima necessità! Se ad un determinato consumatore non conviene un certo prodotto di elettronica di consumo, non lo compra. Punto.

  • papau

    ma due o tre anni fa non si parlava di obbligo in europa della porta usb sui cellulari.

  • ROOT

    Io ho risposto a questo commento:

    “Se un telefono Android funzionasse perfettamente come iPhone, di certo non spenderei quella cifra… ma siccome è utopia, spendo i miei 1000€.

    E si, i telefoni Android oggigiorno funzionano esattamente uguali all’iPhone (se non meglio). Ti consiglio di vedere un video di Galeazzi dove compara l’iPhone 7 al Xiaomi Redmi 4 Pro. Vuoi sapere qual’è la conclusione del video? Saluti 🙂

  • ROOT

    Certo, questo non vuol dire che deve accettare completamente le condizioni imposte dall’azienda nel caso volesse comprare il prodotto 🙂

  • saviomaximo

    Concordo

  • saviomaximo

    Niente non c’ha poi fa….è il concetto di base che non permette ad Android di andare ad arte…..ottimizzazione è il segreto è questo con Android non è possibile. Se le cose continuano così ci sarà sempre apple e poi gli atri….

  • saviomaximo

    Comprati il 1810

  • ROOT

    Veramente Android è più diffuso di iOS, comunque…
    Hai mai provato un telefono Android o parli tanto per parlare? È il concetto di base che non permette ad Android di andare ad arte? Certo, perché il sistema usato per girare su mille dispositivi con hardware ottimo non è sufficente per fare quello che fai con iOS?

  • ROOT

    Si vede che non hai capito niente. Bravo!

  • Neu

    Ma ragiona un secondo, se un’azienda vende un cavo a 7, e dico 7 euro, quanto vuoi che paghi di diritti? Lo so anche io che se si utilizza un qualcosa di proprietario bisogna pagare i diritti a chi detiene il brevetto, ma non mi sembra che apple campi su queste cose, anche per il semplice fatto che ciò si rivelerebbe controproducente per la stessa azienda, in quanto nessuno produrrebbe accessori Lightning

  • Neu

    Come giusto che sia direi. Se io creo qualcosa è mia assoluta libertà decidere cosa l’utente possa farci, e sta all’utente stesso decidere se accettare queste condizioni o no. Se non ti stanno bene le politiche di Apple esistono altre alternative, nessuno ti obbliga a sceglierla 😄 .
    Anche perché quello che dici tu accade in ogni azienda, infatti prima di utilizzare iOS, Android ecc… sei OBBLIGATO ad accettare un contratto di licenza d’uso

  • Neu

    Ora scopriamo che con i diritti sull’utilizzo del Lightning Apple ha costruito il Campus 2 😂

  • Neu

    Secondo me hanno fatto un ragionamento del tipo:”Le persone già compreranno adattatori Thunderbolt 3-USB A, quindi non ha senso mettere in dotazione cavi Lightning-USBC”

  • Neu

    Si si ma sono d’accordo su questa cosa, come rispondevo ad un altro utente per me hanno scelto il minore dei due mali (per loro), ossia sfruttare cavo normale + adattatore usbC-usbA

  • ROOT

    Si, questo è giustissimo. Io mi riferisco che come compratore ed utilizzatore di prodotti Apple non significhi che bisogna limitarsi solo a quello. Cioè, se a me non sta bene una politica imposta da Apple io lo posso è dovrei farlo sapere così da contribuire a migliorare quel prodotto. Poi non mi riferisco a contratti e licenze duso, quelle le devi accettare per forza…

  • Andrea Canella

    lo so … scherzavo 🙂

  • emi

    senza ombra di provocazione, dimmi in cosa un iPhone possa essere superiore a un Huawei P9 tale, soprattutto da giustificare la differenza di prezzo. Attendo

  • Io personalmente preferisco il dispositivo Apple per:
    – servizi offerti dalla casa madre (es. assistenza post vendita e velocità operativa);
    – App Store (per me imbattibile);
    – sicurezza software;
    – ottimizzazione;
    – eco sistema generale (ho altri prodotti Apple e godo per come si interfacciano tra di loro);
    – qualità costruttiva generale dei dispositivi;
    – aggiornamenti software continui (con attenzione anche ai dispositivi un pò più vecchi);
    – tenuta del valore dell’usato, ineguagliabile.
    Ciò detto, se mi chiedi quale sia – per me – il brand di dispositivi android migliore, rispondo Huawei.
    Essendo appassionato di elettronica (oltre che consumato venditore), ho la fortuna di possedere:
    – Huawei Mate7;
    – Huawei Mate S;
    – Huawei P9 Lite;
    – altri dispsitivi Samsung e BB (che ho al momento archiviato).
    Continuo comunque a preferire i prodotti Apple, anche perché col passare del tempo (fatta eccezione per il Mate 7), i dispositivi android li ho visti rallentare e perdere qualche colpo. Tutto qui.
    Pare evidente che per mandare mail, giocare, visionare youtube non ci vuole l’iPhone, potendo bastare un dispositivo base, molto più economico. Però, la medesima considerazione può essere fatta per tutti gli altri dispositivi di fascia alta (perché se un iPhone non vale 900 euro, neppure i vari galaxy e compagnia bella valgono il loro prezzo, in termini di valore assoluto).
    Infine, mi domando se davvero i milioni di utenti Apple (iPhone ha, come sai, stracciato nel tempo tutti i record di vendite e, ad oggi, Apple detiene il 95% degli utili su mobile!), siano tutti imbecilli o se, forse, la valutazione sull’acquisto di un iPhone fatta da questi signori vada oltre le funzioni basilari che si possono svolgere su qualsiasi dispositivo, anche economico. Io credo che sia la seconda. A ciascuno la propria opinione. Ricordando, però la fine che hanno fatto Nokia e BB nel non prendere sul serio il fenomeno iPhone, quella che sta facendo Samsung (con la mancanza cronica di utili – veri e sostanziosi – derivanti dalla vendita del comparto smartphone) e come tutta l’industria dell’elettronica di consumo si sia votata alla produzione di dispositivi – i tablet, ad esempio – lanciati al successo dalla Apple (v. iPad, lanciato quando tutti producevano i net-book sostenendo che sarebbero stati il futuro!). Forse questi signori di Cupertino il loro lavoro lo sanno fare bene, anche meglio di altri produttori (per me comunque bravissimi ed apprezzatissimi, sia chiaro!). In ogni caso, non esistendo il prodotto perfetto – poiché tutti sono frutto di compromessi costruttivi – anche i dispositivi Huawei e Samsung hanno delle caratteristiche migliori dell’iPhone di Apple, ci mancherebbe. Ma il giudizio personale, secondo me, va fatto sul sistema in generale, non su singole caratteristiche o funzioni. Grazie.

  • emi

    Grazie Gian Maria per la risposta dettagliata. Rimane, dal mio punto di vista, il fatto che, in termini pratici, oggigiorno la differenza che dà un iPhone rispetto a un huawei o altri device che costano la metà o meno, non è poi così tanto marcata al punto da giustificare l’acquisto di un iPhone se non per il mero sapore della mela…

  • Esattamente ciò che sostengo quando leggo tutte le polemiche che vengono mosse ai produttori per ogni cosa che fanno (anche se nei confronti della Apple un pò di più). Ciascuno sceglie in autonomia e secondo i propri gusti e le proprie possibilità/esigenze cosa acquistare. Questo, però, senza addebitare alcun che all’industria. Vedi, sarei stato d’accordo rispetto ad una critica del genere: “ho speso €.1.000 per un dispositivo che è morto dopo 15 gg e non vogliono cambiarlo”. Ma sulle scelte di ciascun consumer non credo si possa opinare alcun che. E’ anche vero che molti fanno il passo più lungo della gamba per acquistare un iPhone, per poi lamentarsi che dopo un anno il dispositivo è cambiato, oppure che gli accessori costano tanto, ecc. ecc. Ma nessuno li ha mai obbligati ad acquistare quel prodotto rispetto ad altri. Se lo si fa, ci si prende anche tutto il resto (positivo o negativo che sia).

  • Vincenzo Capriotti

    Non ci crederò mai che la percentuale (10%, se non ricordo male) sull’intero mercato degli accessori lightning si conti in milioni e non miliardi di dollari.

  • La ricerca di Dediu offre anche un altro dato interessante: ad oggi, ci
    sono 600 milioni di dispositivi iOS attivi, ciascuno sbloccato una media
    di 80 volte al giorno. Il segreto di questo successo? Per Dediu si
    chiama “ecosistema Apple”, un insieme di servizi e di funzioni che Apple
    offre ai suoi utenti e che convince le persone a rimanere “bloccate” in
    questo sistema.

  • Matteobruno1992

    Ho imparato a mie spese che Nn puoi star qua a parlare di certe cose….certi applefan Nn ammetteranno mai che un tel da 200€ fa le stesse cose(forse anche qualcuna in piu)di un iPhone da 1000€….
    Parlo da possessore di più O.S
    Quindi la mia idea me la sono fatta….

  • ROOT

    Credici 🙂

  • ROOT

    Purtroppo concordo.

  • Fabio Musso

    Io sono passato ad Android da qualche mese dopo quasi 6 anni di iOS con il buon vecchio iPhone 4S… è stato il telefono più longevo che abbia mai avuto. Fino all’anno scorso riceveva aggiornamenti e ho avuto un’assistenza veramente impeccabile. Adesso ho un bel Galaxy A5 2016 e devo dire che questo primo mese di utilizzo ha dato buoni frutti, anzi forse è stata una scelta che mi ha dato una boccata d’aria fresca sotto tutti i punti di vista. Quindi da questa mia esperienza posso dire che mi sarebbe veramente piaciuto tanto rimanere su iOS, ma ormai le differenze tra i vari smartphone sono veramente minime, almeno tra la fascia media e la fascia top… confrontiamo un attimo il mio A5 2016 e l’S7 di mia sorella, la differenza? Circa 1-2 sec di differenza nell’apertura delle app e una fotocamera migliore. WOW, oh mio dio, questi si che sono quelli che si definiscono i drammi esistenziali… quindi, è possibile preferire un telefono medio gamma rispetto ad un top di gamma? Assolutamente si.
    PS. Prima che mi rispondiate con un elenco infinito di caratteristiche migliori che ha l’S7 o peggio, un Huawei o quello che volete, definendo il mio confronto pressapochista o insenstato: non preoccupatevi, sono consapevole di tutto… ma i confronti tecnici dettagliati lasciamoli a chi di dovere, non ai comuni mortali 😉