De Agostini presenta Star Observer, il nuovo telescopio a controllo digitale

04 marzo 2016 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Arriva in Italia un nuovo progetto editoriale realizzato da De Agostini Publishing: una collana di fascicoli, un telescopio comandabile tramite app e un magazine digitale per scoprire tutti i misteri dell’Universo.

Schermata 2016-03-03 alle 19.19.11

Star Observer è una collezione di fascicoli, un telescopio da collegare al proprio smartphone attraverso una app e un magazine digitale da portare sui propri device.

Il viaggio alla scoperta del cosmo comincia con i 70 fascicoli monografici che permetteranno di conoscere più da vicino pianeti, costellazioni e galassie, ma anche tutte le tappe della storia dell’astronomia. Si tratta di una guida dell’Universo e dei suoi infiniti misteri, scritta con un linguaggio scientifico, ma semplice e accessibile. Nella collana inoltre, troviamo i componenti e tutte le istruzioni per costruire passo passo il proprio telescopio a controllo digitale.

Si tratta di uno strumento dotato di ottiche e componenti di alta qualità, ma facile da montare e accessibile anche a coloro che si avvicinano all’astronomia per la prima volta. Dotato di numerosi filtri oculari, ha una lunghezza focale di 1.000 mm e un obiettivo dal diametro di 114 mm.

Durante la fase di montaggio del telescopio sarà possibile scaricare gratuitamente e utilizzare la App Star Observer, l’applicazione realizzata appositamente per controllare attraverso lo smartphone o il tablet i movimenti del telescopio, ma anche selezionare, raggiungere e riconoscere oltre 3000 corpi celesti, approfondendone le caratteristiche.

La proposta di De Agostini Publishing prevedere anche SPACE Mag, un magazine digitale dedicato all’astronomia fruibile da qualsiasi device portatile e dal PC.

Inoltre, l’abbonamento a Star Observer permetterà di ricevere a casa in regalo con il primo invio una power bank, utile batteria esterna di ricarica, e con il terzo invio la pratica sacca porta-telescopio.

L?intera opera sarà formata da 70 fascicoli con pubblicazione quattordicinale fino all’uscita 10, settimanale dall’uscita 11. La prima uscita sarà a €2,99 anziché €4,99, la seconda uscita sarà a € 4,99, dalla terza uscita € 9,99.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Dario Leo

    Da queste cose ho capito una cosa che è sempre meglio comprarlo tutto e subito perché dopo 70 uscite sicuramente il prezzo è più alto che se lo compravi tutto e subito.

  • Massimo Disarò

    Facendo i conti sono 670€. Mi compro un Celestron a questo punto.

  • Grazie per aver eliminato il mio commento dove facevo presente che il costo totale di questa schifezzuola di 114mm di diametro e 1000mm di focale short-tube (in realtà è un 114/500 con barlow integrata per raddoppiarne la focale perdendo ulteriormente in qualità ma mantenendolo di dimensione compatta) con montatura e treppiede ridicoli veniva a costare 2,99+4,99+,99×68=€687,30 quando con €100 meno ci si fa un Celestron Nexstar da 127 o 130mm che è di tutt’altro livello sia per dimensioni che per qualità e funzioni, che si può comprare subito e che aquistandolo in Europa si ha per legge la garanzia di 2 anni.
    Se volete risparmiare meglio quelli o l’usato, non questo dato che pagate di più per avere di meno.

    Paura della verità o venite pagati per la pubblicità o tutte e due le cose?

  • Luca Billeri

    Da astrofilo no posso non commentare l’iniziativa pessima e ruba soldi di deagostini. Fa passare per educazione una iniziativa per spillare un sacco di soldi per del materiale di mediocre qualità non è etico. Ma l’etica si sa, non è cosa importante, lo è solo il “politically correct” per salvare la faccia. Menomale ci sono altre persone che evidentemente sono appassionate di astronomia e hanno dato giuste osservazioni. Senza contare che i Celestron da qualche anno danno la possibilità di controllare il telescopio con lo smartphone, e non sono ceto dei mediocri newton con barlow (ricordo che lo schema newton no è immediato per un bambino, deve essere collimato otticamente altrimenti le immagini lasciano con l’amaro in bocca)