Apple aggiunge le server API su CloudKit

05 febbraio 2016 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Apple ha aggiunto delle nuove API server-side per CloudKit, annunciando questa novità sul blog dedicato agli sviluppatori.

Schermata 2016-02-05 alle 20.37.01

Grazie a queste API, gli sviluppatori possono ora aggiungere diverse funzionalità nelle app che integrano CloudKit, visto che ora è attiva l’interazione con il database iCloud Cloud Kit per iOS, Mac e applicazioni web. Le web service API consentono anche di eseguire codice indipendente su server che possono aggiungere, eliminare o modificare i record negli stack di CloudKit.

Fino ad ora, l’interazione con CloudKit era limitata alle API di Apple fornite in-app. Si tratta quindi di una novità molto importante per gli sviluppatori, che ora hanno molte più possibilità di integrazione e di utilizzo di CloudKit. Con questa mossa, CloudKit può sostituire completamente Parse per la gestione dei database cloud.

Maggiori informazioni sono disponibili qui.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Pingback: Apple aggiunge le server API su CloudKit()

  • CAIO MARIZ®

    in sostanza cosa cambia per noi comuni mortali?

  • Alexiss079

    Bho!

  • Carmine Cuofano

    Nulla

  • Carmine Cuofano

    Invece di usare una cosa, se ne una un altra
    Sinceramente PARSE era una gran figata ma quello str**** di Zuckerberg ha chiuso baracca e burattini