Microsoft Translator: nuovo traduttore in 50 lingue differenti

07 agosto 2015 di Fabio Padula (@Fabio_Padula)

Microsoft torna su App Store con una nuova applicazione che funge da traduttore. L’unico problema è che “Microsoft Translator” necessita di una connessione dati sempre attiva per poter funzionare. D’altro canto, però, ha la peculiarità di funzionare già abbastanza bene, riconosce perfettamente le frasi dettate a voce e propone ben 50 lingue differenti. Il tutto seguito da una grafica minimale e semplice da utilizzare.

Microsoft Translator iPhone pic0

Si aggiunge su App Store un nuovo traduttore online, questa volta, però, sviluppato da Microsoft. Il download è gratuito, necessita di soli 6.7 MB, risulta graficamente ottimizzato anche per Apple Watch e richiede iOS 8.0 o versioni successive per poter funzionare correttamente sui nostri iPhone.

Microsoft Translator (AppStore Link)
Microsoft TranslatorMicrosoft CorporationCategoria: Produttività

Microsoft Translator include il supporto a ben 50 lingue differenti. Può essere utilizzato tramite la classica modalità via tastiera oppure semplicemente dettando una frase. Dopo aver cliccato sul pulsante raffigurante un microfono, bisogna dettare la frase da tradurre ed in pochi istanti verrà visualizzata sul display, seguita da una voce femminile che ne enfatizza la pronuncia corretta. Vorremmo tanto poter dire che si tratta di un valido compagno da portare con se in vacanza, soprattutto se le passerete in un paese straniero, ma trattandosi di un traduttore online, l’app necessita obbligatoriamente di una connessione dati sempre attiva. Se avete un piano tariffario adeguato e funzionante anche all’estero, allora installate Microsoft Translator e portatelo sempre con voi. Può sempre tornare utile. Per chi, invece, ha deciso di rimanere in patria, l’app può tornare molto utile nel periodo scolastico oppure in ambito lavorativo.

Microsoft ha deciso di rinunciare a particolari effetti grafici e scenografici, prediligendo un layout semplice, minimale ed immediato nell’utilizzo. Presenti un tasto microfono (funzione che richiede il vostro consenso) per attivare la registrazione vocale, tastiera per chi volesse digitare una parola / frase e nella parte bassa del display, invece, bisogna scegliere la lingua di partenza e quella in cui si vuole visualizzare la traduzione. Il riconoscimento vocale funziona benissimo. Lo abbiamo testato in italiano, tedesco ed inglese. In tutti e tre i casi la frase è stata perfettamente riconosciuta. Le traduzione, bene o male, sono abbastanza corrette, ma non possiamo definirle precise al 100%.

Infine, ma non per ultimo, Microsoft Translator consente di salvare le proprie frasi preferite e le traduzione possono essere visualizzate a schermo intero. Microsoft Translator giunge in un mercato già abbastanza saturo in questo campo. Numerose le app disponibili su App Store, tra cui Google Traduttore [Link App Store – Prezzo GRATIS] oppure, una delle mie preferite, iTranslate – traduttore e dizionario [Link App Store – Prezzo GRATIS].

Tutti gli interessati possono procedere con il download gratuito dell’app cliccando qui: Link App Store – Prezzo GRATIS!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Pingback: Microsoft Translator: nuovo traduttore in 50 lingue differenti | maticciofive()

  • Ramona Congedo

    Fate un confronto tra quello di Google e questo di Microsoft. Sarebbe utile capire quale tra i due riesce a tradurre una frase in modo migliore.

  • Roberto

    Ho appena provato e non noto grosse differenze tra i due. Naturalmente il mio é stato un test molto superficiale, qualche frase pronunciata in russo, spagnolo e giapponese, tutte regolarmente riconosciute e tradotte in italiano da entrambe le app, sarebbe comunque interessante un confronto più approfondito.